close
Vivere fuori città fa bene al cervello; l’importanza dell’amigdala!

Vivere fuori città fa bene al cervello; l’importanza dell’amigdala!

10 novembre 2017amigdalacervellocittàforestanatura3Visualizzazioni

Uno studio di neuroimaging rivela che le persone che vivono più vicini alle foreste hanno maggiori probabilità di avere una struttura cerebrale più ampia e più idonea a gestire situazioni stressanti.

Traduzione: Angelo

Uno studio condotto presso l’Istituto Max Planck per lo Sviluppo Umano ha esaminato il rapporto tra la presenza della natura nei pressi delle abitazioni e della salute del cerebrale della popolazione.

I risultati sono rilevanti, tra le altre cose, per i progettisti urbani.

Rumore, inquinamento ed alta densità abitativa in uno spazio confinato: la vita in città può causare stress cronico. Gli abitanti della città hanno un rischio maggiore di malattie psichiatriche come la depressione; i disturbi d’ansia e la schizofrenia. I confronti mostrano livelli di attività dell’amigdala più elevati negli abitanti della città. L’amigdala è un nucleo centrale del cervello che svolge un ruolo importante nell’elaborazione dello stress e nelle reazioni al pericolo.

Quali fattori possono avere un’influenza protettiva?

Un gruppo di ricerca guidato dallo psicologo Simone Kühn ha esaminato quali effetti possa avere la natura nei pressi delle abitazioni delle persone sull’amigdala. Per esempio una foresta, il verde urbano o l’isolamento.

Immergersi nella foresta migliora in modo incredibile la salute degli anziani in pochi giorni

La ricerca sulla plasticità cerebrale supporta l’ipotesi che l’ambiente possa modellare la struttura e la funzione del cervello. Ecco perché ci interessano le condizioni ambientali e quale effetto possano avere effetti sullo sviluppo del cervello in positivo. Studi di persone in campagna hanno già dimostrato che vivere vicino alla natura è un bene per la salute mentale ed il benessere. Abbiamo quindi deciso di esaminare gli abitanti della città“, spiega il primo autore Simone Kühn, che ha condotto lo studio presso l’Istituto Max Planck per lo Sviluppo Umano.

Infatti, i ricercatori hanno trovato una relazione tra il luogo di residenza e la salute del cervello:

gli abitanti della città che vivono vicino a una foresta hanno più probabilità di mostrare una struttura dell’amigdala fisiologicamente sana. Quindi erano probabilmente più in grado di affrontare lo stress. Questo effetto è rimasto stabile quando sono state controllate le differenze nei titoli di studio e nei livelli di reddito. Tuttavia, non è stato possibile trovare un’associazione tra le regioni del cervello esaminate e il verde urbano, l’acqua o la terra non inquinata. Con questi dati non è possibile distinguere se vivere vicino a una foresta ha effetti realmente positivi sull’amigdala o se le persone con un amigdala più sana potrebbero avere più probabilità di selezionare aree residenziali vicine a una foresta. Sulla base delle conoscenze attuali, tuttavia, i ricercatori considerano la prima spiegazione più probabile. Ulteriori studi longitudinali sono necessari per accumulare prove.

I partecipanti al presente studio provengono dallo studio Berlin Aging Study II (BASE-II)

Uno studio estremamente lungo longitudinale che ha esaminato le condizioni fisiche, psicologiche e sociali per un sano invecchiamento. In totale, 341 adulti di età compresa tra 61 e 82 anni hanno partecipato allo studio. Oltre all’esecuzione dei test di memoria e di ragionamento, la struttura delle regioni del cervello adibite alla gestione stress, in particolare l’amigdala, sono state valutate utilizzando la risonanza magnetica (MRI). I ricercatori hanno combinato i dati MRI con la geoinformazione sui luoghi di residenza dei partecipanti. Queste informazioni derivano dall’Atlante European Environment Agency’s Urban, che fornisce una panoramica sull’uso delle aree urbane in Europa.

L’immagine mostra l’ubicazione dell’amigdala.

Il nostro studio indaga la connessione tra le caratteristiche della pianificazione urbana e la salute del cervello per la prima volta”, afferma il co-autore Ulman Lindenberger, Direttore del Centro per la Psicologia di Lifespan presso l’Istituto Max Planck per lo Sviluppo Umano.

“Entro il 2050, quasi il 70 per cento della popolazione mondiale dovrebbe vivere in città. Questi risultati potrebbero quindi essere molto importanti per la pianificazione urbana. Nel prossimo futuro, tuttavia, l’associazione osservata tra il cervello e la vicinanza alle foreste dovrebbe essere confermata in ulteriori studi e in altre città“, ha aggiunto Ulman Lindenberger.

RIFERIMENTO:
Scientific reports
In search of features that constitute an “enriched environment” in humans: Associations between geographical properties and brain structure
Autori Vari
Link: qui

Traduzione

(Visited 2 times, 1 visits today)
Angelo

Angelo

Angelo 50 anni, ingegnere, papà di una bellissima figlia, ex ciclista e triatleta agonista con alcuni risultati apprezzabili. Dal 2004 ha sperimentato su se stesso la dieta paleo abbinata allo sport di endurance e seguito decine di altre esperienze analoghe su, forum tematici, di altri atleti ed appassionati come lui. Uno degli organizzatori dell'evento "paleomeeting", past president, attuale segretario e socio fondatore del SIMNE (Società Italiana di Medicina e Nutrizione Evoluzionistica)

Il grasso bruno può vincere la battaglia contro il grasso bianco?