VITAMINA D – SALUTE DEL CUORE – DISSONANZE COGNITIVE

Scritto da Angelo

Categorie: integratori | Salute

31 Luglio 2022

Nella pubblicazione del mio libro/mattone sulla follia della supplementazione della VITAMINA D (a qualsiasi dosaggio), avevo previsto l’imminente arrivo delle ricerche serie sulla VITAMINA D (a supplemento) che sarebbero venute dai grandi trial clinici randomizzati e controllati con doppio cieco e dalle review e metanalisi.

VITAMINA D (T.R.U. Edizioni)

In questi 2 anni ho proposto decine di aggiornamenti al libro su questo blog e che potete cercare e leggere per intero utilizzando il motore di ricerca interno. Questa è l’enorme studio del più prestigioso journal scientifico al mondo: il NEJM. Catastrofico…

VITAMINA D E SALUTE OSSEA (UPDATE 29-7-2022)

Quest’altro davvero allarmante e che non è stato commentato da alcun guru… Dato il risultato eclatante…

LA VITAMINA D PEGGIORA NOTEVOLMENTE IL DECORSO DELL’ALZHEIMER ED INDUCE DEMENZE

Come per una catena di Sant’Antonio, oggi vene pubblicato un nuovo studio sul prestigiosissimo MDPI. In questo caso addirittura una REVIEW METANALISI con metodo statistico Chocrane (il massimo della affidabilità). Con doppia indipendente estrazione dati…

RIFERIMENTO: QUI

Le conclusioni della review sono chiarissime: la supplementazione di VITAMINA D non si associa con una riduzione di tutti i tipi di eventi cardiovascolari.

In this meta-analysis of randomized clinical trials, vitamin D supplementation was not associated with a lower risk of cardiovascular events than no supplementation. These findings do not support the routine use of vitamin D supplementation in general

Addirittura i ricercatori aggiungono che la supplementazione è inutile “in generale”.

RICAPITOLANDO IN STILE MATEMATICO:

STUDI DALLA EPIDEMIOLOGIA: EVENTI CARDIOVASCOLARI SI ASSOCIANO TUTTI AD UNO STATO DI CARENZA DI VITAMINA D DI DEPOSITO.

RICETTA DEI GURU DELLA VITAMINA D: SUPPLEMENTAZIONE PER SOPPERIRE ALLA PRESUNTA CARENZA

VISIONE INGEGNERISTICO/MATEMATICA:

STUDI DALLA EPIDEMIOLOGIA: EVENTI CARDIOVASCOLARI SI ASSOCIANO TUTTI AD UNO STATO DI CARENZA DI VITAMINA D DI DEPOSITO.

USO DI LOGICA: LA CARENZA DI VITAMINA D DI DEPOSITO E’ LA CONSEGUENZA DELL’INFIAMMAZIONE CHE PORTA ALL’EVENTO CARDIOCIRCOLATORIO O LA CAUSA?

La risposta è banale: UNA CONSEGUENZA… Pertanto la misura della mera forma di deposito della VITAMINA D non è indicativa di nulla se non paragonata ad altri parametri ematici ed altri epimeri della VITAMINA D che mostrino la bontà (o meno) della idrossilazione e quindi la presenza o meno di infiammazione (acuta o cronica è indifferente). POI ANDARE ALLE CAUSE.

CONCLUDENDO: LA VITAMINA D SI REGOLA E NON SI RABBOCCA. L’UNICO MODO PER REGOLARLA E’ QUELLO DI RIAPPROCCIARSI ALLA NATURA (O AL BIOHACKING – FOTOTERAPIA) E LASCIARE FARE TUTTO AL NOSTRO CORPO CHE SI E’ EVOLUTO SOTTO IL SOLE PER MILIONI E MILIONI DI ANNI, NUDO.

I raggi ultravioletti a banda stretta (UVB) spengono l’infiammazione.

Articoli recenti…