VITAMINA D AD ALTI DOSAGGI E MORBO DI CROHN

Scritto da Angelo

Categorie: integratori | Salute

Tag: 1 | 25(OH)D3 | Crohn | vitamina D

21 Marzo 2021

CROHN ED ALTE DOSI DI VITAMINA D.

Premesso che dalle malattie autoimmuni si può andare in remissione anche casualmente ed indipendentemente dalle cure proposte e questa è una cosa che non avevo mai evidenziato in alcuno dei miei post…

Premesso anche che ho letto di deficienti che facendo il protocollo Coimbra dichiarano di essere andati in remissione “senza assumere farmaci” quando la vitamina D, soprattutto a dosaggi da cavallo, è un vero e proprio ormone immunosoppressivo potentissimo…

Il Metodo Coimbra nasce in particolare per trattare A VITA (quindi MAI curare) pazienti con Sclerosi Multipla. Poi si è diffuso anche per il trattamento (proposto sempre A VITA) per altre malattie autoimmuni. Tra queste il Crohn che è una malattia invalidante per chi la subisce. E’ una malattia infiammatoria cronica dell’intestino che può colpire qualsiasi parte del tratto gastrointestinale, dalla bocca all’ano, provocando una vasta gamma di sintomi.

VEDIAMO UN PO’ DI STUDI.

In questo studio si vede clamorosamente che nella malattia infiammatoria, come sempre accade (acuta, cronica o di basso livello che sia) la forma di vitamina D di deposito, UNICA CHE MISURANO medici/biologi/guru fan della VITAMINA D risulta molto bassa. Però in questo studio fortunatamente sono andati un po’ oltre la punta del loro naso ed hanno misurato anche la forma attiva della VITAMINA D, la 1,25OH che, guarda caso è risultata ALTA! PIU’ ALTA RISPETTO A PERSONE IN SALUTE!

“The serum level of 1,25(OH)2D3 in both the CD and UC groups was higher than that in healthy people”.

https://translational-medicine.biomedcentral.com/articles/10.1186/s12967-019-2070-5

Se avete in possesso un minimo sindacale di materia grigia ed una logica anche da bradipo o tartaruga, capite da soli che chi ha questa terribile malattia infiammatoria NON E’ REALMENTE CARENTE DI VITAMINA D.
Pertanto il deficiente che gli prescrive VITAMINA D ad alto dosaggio tutti i giorni come un fesso, non solo ha fatto una diagnosi totalmente errata ma, conseguentemente, ha dato una cura, tra le altre cose “A VITA”, errata ed ovviamente potenzialmente (leggasi “sicuramente”) con effetti collaterali non banali.
——————————————————————–

SECONDO STUDIO.

In questo secondo studio vengono presi 2 gruppi di persone con Crohn e gli vengono dati: un gruppo le classiche 10.000 UI/giorno ed all’altro gruppo (controllo) appena 1000 UI/giorno che comunque sono in linea con la RDA ministeriale.
Il tutto per ben un anno!

https://pubmed.ncbi.nlm.nih.gov/27975236/

RISULTATI: Oral supplementation with high-dose vitamin D3 at 10,000 IU daily significantly improved serum 25-hydroxy-vitamin D levels. Rates of clinical relapse were similar between both groups.

Nonostante il 25OH sia aumentato (oltre 70 ng/mL) nel gruppo 10.000 UI le risposte cliniche erano pressoché identiche tra i due gruppi.

Se fossero andati avanti per 2,5-3 anni avrebbero trovato una situazione peggiore nel gruppo “alto dosaggio”. Ma questa è una mia considerazione che non ha alcuna prova provata ma solo teorica.


——————————————————————–

IDEM PER CHI HA SUBITO UNA OPERAZIONE ALL’INTESTINO!

I ricercatori in questo caso hanno voluto verificare se l’integrazione di vitamina D nel post operazione avesse potuto ridurre il rischio di recidiva… Ma purtroppo.

https://pubmed.ncbi.nlm.nih.gov/32461138/

High-dose vitamin D, compared with placebo, did not reduce the incidence of postoperative endoscopic or clinical recurrence of CD in patients who underwent ileocolonic resection with ileocolonic anastomosis

La vitamina D ad alte dosi, rispetto al placebo, non ha ridotto l’incidenza di recidiva endoscopica o clinica postoperatoria di MC nei pazienti sottoposti a resezione ileocolonica con anastomosi ileocolonica


——————————————————————
Vedete amici, io faccio solo informazione. Non ce l’ho con nessuno. Piacerebbe anche a me che con una pillola si potessero risolvere tutti i problemi del mondo. Purtroppo la medicia ufficiale ed alternativa ormai è arrotolata su se stessa nello spegnimento del sintomo e dare sollievo ai pazienti, cosa che si sposa perfettamente con la VITAMINA D dato che è un ormone immunosoppressivo che rallenta la tempesta di citochine riducendo i sintomi.
Ma nel medio-lungo periodo?
——————————————————————-

LAST BUT NOT THE LEAST…

https://pubmed.ncbi.nlm.nih.gov/21332762/

Low exposure to sunlight is a risk factor for Crohn’s disease

Una bassa esposizione al sole è un fattore di rischio per il morbo di Crohn.

Ma il vostro medico vi illude e si illude che una pillola possa sostituire corrette abitudini di vita.
——————————————————————–
VITAMINA D

Il libro che sta gettando nel panico i prescrittori seriali di VITAMINA D ed i loro pazienti/clienti.
Un libro che risponde a TUTTE, PROPRIO TUTTE le domande ed i dubbi riguardo quest’ormone, ma non si limita a questo…
OFFRE SOLUZIONI…

VITAMINA D
——————————————————————

Angelo Rossiello.

Ti può interessare…

Share This