Un frequente consumo di pesce (e carne) dimezza il rischio demenza/Alzheimer.

Scritto da Angelo

Categorie: Nutrizione | Pillole | Salute

2 Dicembre 2015

A cura di Angelo

seafood

Questo interessante studio pubblicato nel 2002 sul prestigioso BMJ ha esaminato l’associazione tra consumo di pesce e carne e il rischio di demenza (compreso l’Alzheimer).

Lo studio ha incluso 1.674 partecipanti di età da 68 anni a salire che sono stati seguiti per sette anni.

Lo studio ha rilevato:

  • coloro che consumavano pesce/crostacei una volta al giorno avevano un rischio ridotto di diventare dementi o di contrarre l’Alzheimer di oltre l’80% rispetto a chi non consumava pesce (ndr. per esempio i vegetariani/vegani);
  • coloro che consumavano pesce/crostacei una volta al giorno avevano un rischio ridotto di diventare dementi o di contrarre l’Alzheimer sigificativamente superiore anche a chi mangiava pesce una volta a settimana ed, ovviamente a chi mangiava pesce di rado.
  • per quanto riguarda la carne non sono state rilevate associazioni nè in positivo nè in negativo MA, c’è da aggiungere che: tra i 6 soggetti (sul totale di 1.674) che NON consumavano carne, 3 sono diventati dementi e 2 hanno contratto l’Alzheimer in meno di 7 anni!!!!!! Mentre tra i 19 soggetti che consumavano tutti i giorni carne si è avuto solo UN caso di demenza ed UNO di Alzheimer.

Commenti degli autori in breve:
“Le persone anziane che mangiano pesce o frutti di mare almeno una volta alla settimana hanno un rischio minore di sviluppare demenza compreso il morbo di Alzheimer”.

Gli acidi grassi n-3 hanno questi effetti benefici:

  • Proteggono il sistema vascolare
  • Riducono l’infiammazione cerebrale
  • hanno un ruolo specifico nello sviluppo del cervello
  • hanno un ruolo specifico nella rigenerazione delle cellule nervose

Mio punto di vista personale come commento allo studio presentato:

  • il pesce è ricco di acidi grassi polinsaturi omega-3 (w3) ma anche la carne da bestie allevate brade!;
  • mangiare carne rossa non aumenta il rischio di demenza o morbo di Alzheimer (alla faccia dei veg!);
  • NON mangiare carne e pesce promuove DEMENZA ED ALZHEIMER (andatelo a dire ai veg)
  • i w3 sono anti-infiammatori;
  • i w3 sono importanti per lo sviluppo del cervello;
  • i w3 sono importanti nella rigenerazione delle cellule nervose;
  • i w3 proteggono il sistema vascolare.

Stiamo accumulando sempre più prove che gli acidi grassi polinsaturi w3 a catena lunga (contenuti solo nel pesce, uova e nella carne di bestie allevate brade o selvaggina) DEVONO far parte della nostra alimentazione perchè così è stato sin dalla notte dei tempi.

In una parola: paleodiet!
IL NUOVO VIVERE SECONDO NATURA! Solo la Natura saprà fare la differenza tra il vivere sani in salute o schiavi e perennemente deboli e malati…

Riferimento:
British Medical Journal 2002 Oct 26;325(7370):932-3
Study title and authors:
Fish, meat, and risk of dementia: cohort study.
Barberger-Gateau P, Letenneur L, Deschamps V, Pérès K, Dartigues JF, Renaud S.
INSERM U330, Université Victor Segalen Bordeaux 2, case n degrees 11, 146 rue Léo-Saignat, 33076 Bordeaux Cedex, France. Pascale.Barberger-Gateau@isped.u-bordeaux2.fr
Link: qui

benefici del mangiare pesce (pescato)

Benefici del mangiare carne di bestie al pascolo

Articoli recenti…

LA MORTE DELLA BIOCHIMICA

LA MORTE DELLA BIOCHIMICA

Cari amici di Evolutamente, ogni giorno sempre più evidenze ci danno ragione, poveracci i nostri haters che rosicano...

PANDE-TRUFFA: UPDATE CANADA

PANDE-TRUFFA: UPDATE CANADA

Abbiamo già visto che l'ultimo jingle governativo che se sei vaccinato e tridosato ti salvi dalla terapia intensiva e...

COVID-19: DEPOPULATION

COVID-19: DEPOPULATION

Abbiamo già visto come il cosiddetto "vaccino" genico sperimentale spinto dalle virostar e dai politici asserviti al...