SVEZIA: DEPOPULATION 2023

Scritto da Angelo

Categorie: Salute

26 Gennaio 2023

i dati sul tasso di natalità della Svezia rimangono gravemente soppressi in un modo pazzesco e senza precedenti. Si prospetta una vera e propria depopulation come mai avvenuta nei 25 anni di dati a cui è possibile avere pieno accesso. Il che si sovrappone a tutti i paesi europei ed addirittura all’integerrimo Giappone…

GIAPPONE: DEPOPULATION 2023

i cali percentuali (a due cifre) della natalità costituiscono un grave problema demografico e si potrebbe pensare che un risultato così stridente possa suscitare una curiosità diffusa e urgente sulla causa. Eppure stranamente non lo è. Temo che questo possa avere a che fare con quello che sembra essere il colpevole più plausibile. ancora una volta sembrerebbe che le agenzie sanitarie non stiano cercando ciò che sarebbero inorridite nel trovare.

Alcune precisazioni:

  • la correlazione non è causalità. queste associazioni non sono e non possono essere una prova positiva. ma possono certamente essere motivo di sospetto e di allarme.
  • tale sospetto è fortemente rafforzato da ragioni forti, indipendenti e a priori per sospettare effetti sulla fertilità dei vaccini covid poiché è noto che si raccolgono nei testicoli e nelle ovaie e la capacità dei farmaci mRNA di innescare problemi autoimmuni in corso è ben nota.
  • abbiamo studi clinici specifici che mostrano non solo una netta soppressione della conta totale e della motilità degli spermatozoi dopo la vaccinazione covid, ma che sembrano mostrare che qualcosa nell’ordine del 20% dei soggetti non si sta riprendendo da questo e potrebbe subire una perdita quasi totale di motilità. Gli effetti su ovaie sembrano meno ben studiati (di per sé un risultato alquanto sconcertante) ma potrebbero essere simili o forse peggiori in quanto le ovaie, una volta danneggiate, spariscono e non si rigenerano.

  • quindi, non stiamo solo cercando una correlazione apparente o spuria. Si hanno valide ragioni per sospettare un effetto radicato nella biologia clinica dimostrata e stiamo esaminando i dati disponibili su scala sociale per vedere se si sta manifestando. Questa è una forma di prova di qualità molto superiore rispetto al puro data mining associativo. Non è ancora “prova” nel senso di RCT o essere in grado di esaminare le nascite in base allo stato del vaccino e cercare la separazione della curva tra le due coorti, ma non è nemmeno un risultato da respingere. Soprattutto perché le coincidenze sono troppe.
  • un altro punto estremamente importante è quello che la Svezia non ha fatto lockdown, misure restrittive, mascherine universali… Ha solo “vaccinato”… Pertanto, in occidente, è un caso molto interessante da approfondire.

OK, diamo un’occhiata ai dati: (tutti i dati UFFICIALI SCB.SE)

Si tratta dei dati di base sulle nascite divisi per la popolazione attuale (forniti nello stesso set di dati per mese) per normalizzare alla nascita per milione di abitanti.

Le nascite sono altamente stagionali, quindi il modo più semplice per vedere la divergenza è confrontare gli anni, impilando le curve.

Come si può facilmente vedere, il 2022 è una forte divergenza rispetto ai 3 anni precedenti (per quanto riguarda i dati dei mesi).

La dimensione di questo calo può essere vista più facilmente tracciando la variazione in % rispetto all’anno precedente.

Mette abbastanza paura…

Questi dati sono un po ‘a breve termine, quindi ho ridotto la variazione dell’anno intero rispetto all’anno precedente perché i dati dell’anno risalgono al 1998. Confrontandolo il 2022 con gli ultimi 3 anni. % di nascite in un anno al mese sono notevoli stabili. La % delle nascite nei primi 11 mesi dell’anno è stata rispettivamente del 93%, 92,9%, 92,9% nel 2019, 20, 21. questa media è del 92,9% e può essere utilizzata per stimare l’anno 2022 con un’accuratezza attesa elevata. (mostrato in rosso)

Otteniamo questo:

La deviazione STD prima del 2022 in questa serie è del 2,1%. i valori sembrano distribuiti in una curva a campana. ciò implica che (supponendo che gli ultimi 25 anni siano rappresentativi e non si hanno motivi di sospettare il contrario) che il 2022 restituisca un valore anomalo e profondamente inaspettato. Siamo nel regno di 1 su 100 a 1 su 1000 tipo di probabilità.

La domanda allora diventa: perché?

Sfortunatamente, la migliore risposta che posso trovare è quella che NON piacerà alla gente.

A questo punto si prendono i dati sui tassi di vaccinazione da COWID, ho scelto il valore più vicino al punto medio di ogni mese e l’ho sovrapposto ai dati sulle nascite allineati per data (giallo) e spostati di 9 mesi (rosso) per impilare visivamente la potenziale causa sopra effetto.

Questo è ancora un po’ difficile da vedere, ma diventa MOLTO più facile se lo invertiamo e misuriamo invece “% non vaccinati 9 mesi fa”. questo dovrebbe impilare la causa direttamente sopra l’effetto e permetterci di vedere più facilmente l’allineamento nelle curve.

Come si può vedere, è abbastanza stretto.

Questo NON è qualcosa che si vorrebbe ignorare casualmente, soprattutto dato un valido motivo a priori per sospettare la causalità.

il leggero ritardo all’inizio potrebbe essere dovuto al fatto che l’anziano riceve i primi colpi (e non è in età fertile) ma dopo, anche le inflessioni si allineano con una precisione inquietante. questo è molto, molto preoccupante.

Possiamo avere un’idea di quanto sia forte questa correlazione tramite il grafico a dispersione. (questo ha anche l’utile proprietà di essere cronologico da sinistra a destra poiché la percentuale di vaccinati aumenta solo temporalmente.)

Un R2 di 0,85 con un allineamento di inflessione così stretto inizia a creare un caso associativo terribilmente convincente.

Tutto questo non si può ignorare ma solo che approfondire.

Dal grafico sembra che le nascite si stiano stabilizzando su un tasso davvero infimo.

Gli svedesi non stanno più “vaccinando” in numeri significativi e sembra che il danno possa essere durevole.

Spero davvero davvero che questa ipotesi sia errata e che invece vedremo un recupero, perché francamente questo tipo di sterilizzazione su scala sociale sarebbe un orrore mai visto nei tempi moderni, forse mai.

Tenendo presente che i tassi di “vaccinazione” in età fertile nei paesi occidentali si aggira tra il 60 ed il 70% e che le stesse percentuali sono molto più basse tra gli immigrati (soprattutto in queste nazioni che li hanno accolti già da decenni), prospetto/pavento, non solo depopulation ma addirittura una vera e propria sostituzione etnica, senza spargimento di sangue.

Sconvolge infine che nessuno parli di queste cose che dovrebbero, non solo sollevare domande, ma imporre anche risposte. Invece in TV si parla di benzina, di reddito di cittadinanza e di carri armati in Ucraina.

 

Articoli recenti…

LUCE E VIBRAZIONI

LUCE E VIBRAZIONI

Ecco un nuovo studio pazzesco che utilizza i meccanismi oscillatori per sbarazzarsi delle cellule tumorali:...