close
Storie personali: Andrea Basolu. Una storia di… Sonnambulismo!

Storie personali: Andrea Basolu. Una storia di… Sonnambulismo!

Dopo qualche mese di assenza tornano le seguitissime storie personali.
Ricordiamo che non hanno alcun valore scientifico ma solo un titolo di curiosità.

Di Andrea Basolu

(Un simpatico sonnambulo con gli occhiali blu blocker)

Ci sono tre fasi della mia vita che devo necessariamente prendere in considerazione:

  1. fase pre-paleo
  2. fase paleo
  3. fase paleo + rispetto dei ritmi circadiani

Fino a due anni fa, la mia alimentazione era prettamente a base di carboidrati:

pasta al sugo a volontà, spesso col tonno, perché quando sei universitario devi risparmiare sull’alimentazione per altre priorità; poi lasagne, pane e pizza andavano a comporre il mio menù di partenza.

Devo ammetterlo, mangiare queste cose è(ra) una goduria epica.

Certo, la notte facevo impazzire la mia povera ragazza, e non (solo “-”) per quello che state pensando voi, maliziosi, ma soprattutto (ahimè) a causa del fatto che il mio sonno era terribilmente disturbato.
Ho capito dopo che, tra le tante cause, vi era anche quello riguardante l’alimentazione.

Sento parlare di “paleo alimentazione” da persone che reputavo poco equilibrate; per cui il discorso cade lì. Tuttavia inizio a leggere di qui e là.
Incontro due persone speciali, Claudio e Giovanna, e scopro che seguono un regime alimentare paleo; essendo loro delle persone diverse dalle precedenti, inizio a volerne sapere di più.

Fino a quel momento non mangiavo verdure, di nessun tipo. Niente di niente. Mangiavo pochissima frutta. Solo carne e quantità infinite di carboidrati complessi.

Certo che ci voleva coraggio a passare a questo regime alimentare.
Ma il coraggio è proprio ciò che non mi manca, per cui io e la mia ragazza ci buttiamo in questa avventura, con tutto o quasi il mondo degli amici e della famiglia, che ci prendono per matti.

Intanto, il sonnambulismo diventa un lontano ricordo che compare oramai soltanto sporadicamente. Ho capito successivamente che l’alimentazione era il primo passo per non avere più eventi di sonnambulismo.
Come dice Angelo Rossiello, le luci blu, lo stress incidono inevitabilmente sul rispetto dei ritmi circadiani che a loro volta incidono inequivocabilmente su tanti aspetti, tra cui anche quelli riguardanti il sonno.

Decido di acquistare gli occhiali blu blocker.

Io non sono abituato a portare gli occhiali da vista, per cui indossarli la sera per me è un sacrificio maggiore, questo ve lo devo dire.

La prima sensazione che ho avuto è stata quella di essere all’interno di un videogioco.

Tuttavia la sensazione è stata super positiva.

In questo periodo sto passando dei brutti momenti lavorativi che stanno mettendo a dura prova la mia stabilità mentale.
Sto cercando di gestire lo stress per quanto riesca, sto cercando di passare tutto il (poco) tempo disponibile all’aria aperta e al sole, ma vivendo a Milano, capite bene anche voi, che è più facile scalare l’Everest a piedi nudi.

Nonostante la situazione avversa delle ultime settimane devo dire che non ho avuto momenti di disturbo del sonno, anzi la qualità del sonno la sento decisamente migliorata.
La sera, evito di guardare la TV, ma quelle poche volte che accade, sento il sonno che mi chiama con maggiore veemenza, per cui di regola alle 23 circa vado a dormire per svegliarmi intorno alle 7 del mattino.

C’è stata solo una eccezione nella qualità del mio sonno da quando indosso gli occhiali. Guarda caso proprio la sera che, per ragioni di socialità a cui a volte non si può (e forse non si deve) rinunciare, mi sono trovato a mangiare una pizza (che ormai è davvero un alimento eccezionale nella mia vita).

Pizza senza glutine, ma sempre di pizza si tratta.

Pizza + non ho indossato gli occhiali + orari di sonno leggermente sballati = sonno disturbato ed infarto per la mia ragazza che mi ha visto farfugliare ed urlare qualsiasi cosa alle 3 di notte.

Povera lei.

Dunque per la mia esperienza gli occhiali devono essere assolutamente utilizzati come un altro pezzo del puzzle.

Soltanto in questo modo gli effetti positivi e benefici, possono essere goduti e non rischi che la tua ragazza si stanchi dei tuoi show notturni 🙂

Ciao Angelo, spero di poterti conoscere e ringraziare personalmente a Rimini.

Andrea

—————————————————————————————————-

Paleomeeting, Rimini 14-15 aprile 2018.
Ci sarà anche una sessione, di libera partecipazione per tutti, di socializzazione all’alba sulla spiaggia scalzi…
Mezz’ora di attivazione mitocondriale come NATURA VUOLE…

www.paleomeeting.it per tutte le info e, soprattutto, iscriversi!


Per acquistare i migliori occhiali blue blocker e dormire di nuovo come quando si era bambini:

Acquista occhiali blue blocker, omega 3… Tutto il meglio del mercato!

(Visited 227 times, 1 visits today)
Angelo

Angelo

Angelo 50 anni, ingegnere, papà di una bellissima figlia, ex ciclista e triatleta agonista con alcuni risultati apprezzabili. Dal 2004 ha sperimentato su se stesso la dieta paleo abbinata allo sport di endurance e seguito decine di altre esperienze analoghe su, forum tematici, di altri atleti ed appassionati come lui. Uno degli organizzatori dell'evento "paleomeeting", past president, attuale segretario e socio fondatore del SIMNE (Società Italiana di Medicina e Nutrizione Evoluzionistica)

Bon Bon di Barbabietole senza cottura

Editoriale di Angelo Rossiello: lettera aperta all’Ordine Nazionale Biologi.