close
Storie personali: Alessia

Storie personali: Alessia

Introduzione: Angelo

Altra storia folle… Non mi dilungo che il racconto già è lunghissimo. Ho preferito lasciare la storia di Alessia integrale, come l’ha scritta, per dare l’idea del calvario e delle emozioni che mi ha suscitato. Un abbraccio ad Alessia per la forza e la tenacia che ha dimostrato!
Ricordiamo che questa rubrica non ha nessun obiettivo scientifico o di dimostrare qualcosa di particolare ma, solo ed unicamente, stimolare la curiosità del lettore e magari anche interessanti discussioni e confronti.

Alessia post_2
Alessia prima del suo percorso

Ciao a tutti, sono Alessia.

Il mio calvario è iniziato nel 2005. Ero incinta della mia bambina, 8° mese di gravidanza. Da un giorno all’altro sono stata male. Ricordo ancora era un mercoledi mattina che mettevo un paio di jeans, il  fine pomeriggio crollai nel letto. Mi risvegliai solo il giorno dopo, giovedi, inizio pomeriggio. Dormii quasi una giornata intera, mi alzai molto stanca e infilai per comodità gli stessi jeans appoggiati li vicino, che il giorno prima non erano per nulla stretti.  Ma non riuscii nell’impresa, e non era per via della pancia, ma le gambe mi si gonfiarono cosi tanto che non riusci ad infilarli. In meno di 24 ore mi ero gonfiata come “l’omino Michelin” praticamente.  Non capivo cosa stesse succedendo… Da quel fatidico momento vennero a farmi compagnia costante la stanchezza, dormivo anche 18 ore al giorno , e quando mi svegliavo mi sembrava che fossero giorni che non dormivo. Non avevo nemmeno appetito, il troppo sonno non mi motivava nemmeno a mettermi ai fornelli, mi riducevo a mangiare un pasto al giorno tanto che venivo svegliata per essere nutrita!  Ma nonostante quello in quel mese presi in media 3 kg a settimana!  In un mese ho preso quasi 15 kili mangiando pochissimo. I dottori non mi credevano e dicevano che sicuramente poiché ero in gravidanza cedevo alle voglie, la mia mente non aveva nemmeno le forze di litigare per dimostrare il contrario. Dicevo a loro della stanchezza, ma mi rispondevano “è normale è in fine gravidanza”. Arrivò il giorno del parto, lo ricordo appena da quanta nebbia mentale avessi, per fortuna ero cosi stanca che non ho sofferto, infatti dormivo tra una contrazione e l’altra, roba da non crederci!!!  Manco mi avessero messo sotto morfina avrei ottenuto una tale anestesia credo!! A distanza di tempo è come se non avessi vissuto davvero quell’esperienza, è come se fosse stato il parto di un’altra persona.

Non riuscivo ad occuparmi di mia figlia come avrei voluto, fortunatamente è stata una bambina molto brava , dopo 3 settimane dormiva già la notte. Ho potuto allattare e ciò mi ha portato a potere stare a letto visto che non avrei avuto molte energie per stare in piedi, dormivo quanto dormiva lei. Ai dottori comunicai la cosa ma la risposta fu ”è normale ha partorito da poco, ci vuole un anno a riprendersi da un parto”… Avevo quasi 19 anni, tra me e me pensai che avrei dovuto recuperare prima di mamme meno giovani e invece ero messa peggio.  Passarono i mesi e la situazione non migliorava, a circa 2 mesi dal parto cominciarono i mal di gola continui.  La pelle mi si lacerava direttamente dentro la gola come se avessi ferite di “carne viva”, duravano circa 5/6 giorni poi uno o due giorni  di stop e poi riprendeva l’antifona, ho contato solo del primo anno circa 30 di mal di gola. Cominciai ad intuire che il tutto era collegato. Nel frattempo i dottori ancora non mi ascoltavano. Fino a che ad aprile 2006, 6 mesi dopo, giusto per mettermi a tacere mi fecero i classici esami di routine. Saltò fuori un’anemia grave. In seguito mi fecero i test per la tiroide. Avevo il TSH quasi a 11!

Come succede in tutte le classiche storie comuni:  IPOTIROISMO, EUTIROX e siete di nuovo sane come un pesce!!

Poco tempo dopo l’inizio dell’eutirox iniziai ad alternare 3 giorni  in stato comatoso a altri 3 da iperattiva tanto che non riuscivo a dormire, un’ansia mai provata prima in vita mia.

Sono sempre stata abbastanza tranquilla, difficilmente nervosa, le uniche notti in vita mia dove facevo fatica a prendere sonno erano quelle dove il giorno dopo avrei dovuto fare cose belle ed emozionanti tipo un viaggio o cose che mi rendevano felici. Mai passato una notte in bianco per nervosismo negativo prima di quel periodo.

Alessia pre
Alessia prima della paleo

A volte solo per pensare due frasi mi ci volevano minuti, mi perdevo da sola nel filo dei miei pensieri, ero in grado di dimenticare cosa stavo pensando anche se l ‘avevo pensato pochi secondi prima!!! Di tutto il primo anno di vita di mia figlia ho pochissimi ricordi. Ripensando a quel periodo è come se non ci fossi stata io nel mio corpo! Nel frattempo i mal di gola continuavano e iniziammo il secondo anno di calvario, nel frattempo sono rientrata in Italia (prima vivevo in Francia). Il secondo anno collezionai 20 mal di gola.

Con l’eutirox andava sempre peggio, i miei orari ormai erano  addormentarmi alle 4 o 5 del mattino e svegliarmi alle 16 del pomeriggio. Provai a fare delle 24 ore di fila sperando crollare una sera verso le 19 in modo da riprendere il ritmo ma mi addormentai comunque a notte fonda. Intanto in famiglia mi accusavano di essere una pessima madre, che non si occupava di sua figlia. Infatti fu mia nonna che mi aiutò in quegli anni altrimenti non ce l’avrei fatta.  Nonostante eutirox il mio tsh non si abbassava rimaneva sempre fuori range. In quei pochi attimi di lucidità  iniziai le prime ricerche online pensando di essere affetta da sindrome da stanchezza cronica.

Nel mio ambiente famigliare nessuno mi prese sul serio, fu un doppio calvario. Ero la pigra, una madre irresponsabile, una sfaticata.  Arrivo l’estate  2007, ormai ero diventata una balena  ma soprattutto ero gonfia e la mia faccia  era irriconoscibile.  Nessuno mi sosteneva,  e l’eutirox mi provocava nervosismo tanto che iniziai a meditare di interromperlo di mia iniziativa. Ci ragionai su e alla fine, anche se gli endocrinologi mi dicevano che non c’erano alternative, decisi che preferivo essere stanca sempre che stanca per metà settimana e una  persona iperattiva con i nervi a fior di pelle l’altra metà!

Nel frattempo stufa di essere grassa iniziai qualcosa che non avrei mai dovuto fare, e che non avrei mai fatto se avessi avuto un solo dottore che mi avesse davvero aiutato: iniziai a digiunare. Considerando che non avevo neanche tanto appettito, aggiunto al fatto che ero diventata grassa, feci in fretta a fare 1 +1.  Non mangiavo oltre 4 pasti a settimana in quel periodo, era estate e, paradossalmente  iniziai a stare lievemente meglio. Iniziai persino a camminare,  una fatica tremenda  i primi 20 minuti.  Poi arrivava l’energia. Ogni volta era la stessa storia, i primi minuti sembravo uno zombie poi in un certo senso il movimento mi ricaricava e ritrovavo qualcosa di simile alle energie di un tempo.  Persi tutto il peso che avevo da perdere  in meno di due mesi, stavo meglio ma non ero comunque tornata come prima, la notte dormivo comunque male  e i mal di gola  e l’annebbiamento mentale, anche se in misura minore, ancora mi facevano compagnia.  Avendo paura di finire in anoressia o patologie similari, una volta perso peso ripresi a mangiare normalmente i pasti  con la convinzione che la moderazione non mi avrebbe fatto di nuovo ingrassare.  Non mangiavo molto, ma  principalmente solo dei gran piatti di pasta con una noce di burro e un po’ di parmigiano. Cercavo di non condire con grassi e altro. Per i mezzi economici era il piatto principale a casa mia: che dire credo che in meno di un mese abbia rimesso su tutto il peso con gli interessi!

Ormai ero abbattuta e convinta di lasciami andare al mio destino, avevo raggiunto un punto che nemmeno più i rimproveri di mio padre di quanto ero una sfaticata per non stare dietro a mia figlia non mi facevano nè caldo nè freddo.

Aslessia post_2
Alessia in ottima forma dopo un anno in paleo

L’endocrinologo quando seppe della mia sospensione dell’eutirox mi disse che sarei morta nel giro di poco.  In quel momento decisi che una vita cosi non l’avrei voluta e, che se era destino, tanto valeva che morissi. Dovevo trovare una soluzione per tornare chi ero o mi sarei lasciata andare.  Feci un ultimo tentativo andando in visita presso uno specialista della “sindrome della stanchezza cronica” che mi fece fare mille analisi. Mi riscontrarono citolomegalovirus assieme alla mononucleosi che, per lui, avevo contratto proprio nel periodo della gravidanza. Mi disse che avevo una bomba ad orologeria nel corpo e che avrei avuto bisogno di almeno altri 2 anni per riprendermi. Mi dette cicli di carnitina, che iniziarono a giovarmi un po’. Mi permise di riprendere un po’ di palestra e nel mentre i mal di gola mi lasciarono. Sebbene il sonno non torno’ ristoratore e fossi annebbiata mentalmente comunque, riuscii a ridurre le ore di sonno e iniziai ad avere orari piu regolari. Iniziai infatti ad alzarmi a fine mattinata. Arrivò un sintomo sostituto dei mal di gola! L’ORTICARIA! Una mattina mi sveglio mi trovo un enorme bolla sul seno.

La mia reazione fu “eh che cazzo, e adesso sta roba che è?”. Ma poi nel pomeriggio non avevo più nulla! Cosi per circa 3 settimane. Al mattino mi svegliavo con queste bolle sul seno che poi sparivano. Che dire, non sono nemmeno andata dal dottore per paura di essere presa per ipocondriaca! Poi  le bolle iniziarono ad essere tante e dappertutto. Certe mattine mi svegliavo che ne avevo anche 50. Arrivai al punto che non uscivano solo la notte ma  mi riempivo dopo 30 minuti dal pasto.  In quel periodo avevo iniziato a lavorare, e una sera dopo avere mangiato le bolle arrivarono in faccia. Ne avevo persino sugli occhi: uno da quanto era gonfio mi si chiudeva da solo. Ricordo solo essermi messa il cappuccio per nascondere il viso perché passandoci la mano sentivo che ne avevo almeno una 30ina in faccia! A quel punto scappai al pronto soccorso. Fu l’unica volta in vita mia che non mi misero ore in attesa, mi aprirono la porta dell’ambulatorio direttamente, non mi passarono nemmeno per l’accettazione! Cominciavano a dirmi come avessi fatto a guidare, perché non mi ero fatta accompagnare etc… Io risposi che non avevo dolori ma solo tanto caldo! E che non stavo male. Ma erano cosi preoccupati che avevo capito che la mia faccia doveva essere davvero messa male ahahahha!!! Mi fecero 2 flebo di cortisone prima di riprendere sembianze umane.  Poi mi prescrissero visite allergiche perché ebbi la prontezza di ricordare che la situazione degenerava dopo il pasto! Una dottoressa ebbe un lampo di genio: non mangiare pane e pasta per 4 giorni e la sera prima della visita dall’allergologa. Miracolo per 4 giorni non uscì una sola bolla!!! La sera prima mi buttai sul pane come mi fu prescritto e 30 minuti dopo ero in uno stato peggiore di tutte le altre volte! Corsa in pronto soccorso di nuovo, 3 flebo cortisone e la dottoressa, la stessa per fortuna, mi parlò della celiachia. Mi mise anche quel test. Il mattino dopo dall’allergologa mi mise i rush cutanei, ma l’esito fu negativo,  una lieve allergia al nichel ma che non giustificava uno sfogo del genere! Test celiachia del sangue negativo pure quello. Non riuscirono a farmi una diagnosi, mi liquidarono con “MANGIA PRODOTTI PER CELIACI”.  Per un po’ andò bene,  mai piu bolle, ma iniziarono i lividi! Lividi ovunque!! Ormai mi stavo abituando che quando andava via un sintomo ne arrivava subito uno nuovo! Ero sfiduciata, guardando il dottor House, ridevo tristemente che mi ci sarebbe voluto uno del genere per il mio caso!! Il mio medico di base ormai mi aveva categorizzata come ipocondriaca!!! Arrivavo sempre con sintomi nuovi!! Per i lividi ebbi un lampo di genio: smisi la pillola anticoncezionale. Spariti. Nel frattempo stanchezza e annebbiamento mentale non mi abbandonavano.  Feci comunque qualche mese di “vacanza”: d’estate stavo sempre meglio. Nell’autunno 2011 ripresi a mangiare come i comuni mortali perché i prodotti per celiaci non erano alla mia portata, e, non avendo diagnosi di celiachia, erano tutti a mio carico.  Arrivò un nuovo sintomo. Quando il mio cervello eccedeva nell’annebbiamento, iniziavo a non vederci più… Vedevo tutto sfocato e sdoppiato. Alla guida mi poteva capitare all’improvviso. La cosa mi lasciava nello sgomento più totale. Feci vista oculistica ed il fondo oculare era perfetto, visus 10 decimi da entrambi gli occhi. Feci tutto l’inverno seguente con questo problema poi quando arrivo l’estate andò meglio di nuovo ed il sintomo divenne sempre più raro ma non andò mai via. Poi iniziarono nuovi sintomi, 6 mesi di gastrite cronica sostituiti da 6 mesi di mal di testa,  acne pesante, problemi d’infiammazione ai tendini,  costipazione frequente, problemi di coordinazione motoria… E altri sintomi meno frequenti che ho dimenticato!!! Ripresi a mangiare prodotti per celiaci, andò lievemente meglio; niente più sintomi eccetto il cattivo riposo notturno e la stanchezza continua.  Siamo alla primavera/estate 2014 perdo anche un bel pò di peso. Arriva agosto, vado in ferie riprendo a mangiare pane e pasta standard, torno dalle ferie in 3 settimane credo che abbia raggiunto il crollo peggiore che potessi.  Riprendo tutto il peso ma poi arrivano i sintomi peggiori, torna il problema agli occhi (prevalentemente il sinistro),  gastrite, mal di testa, acne etc… Tutti insieme… E poi i muscoli… Muscoli che si contraggono per conto loro, gambe che cedevano nel fare le scale ma il peggio era quando andavo in bagno, per quanto sia imbarazzante e umiliante dirlo, i miei muscoli non ritornavano in decontrazione. Era la sensazione più umiliante che potessi provare, la più spaventosa. Una ragazza di 27 anni come poteva spiegare una tale cosa ad un dottore quando non aveva mai ottenuto credibilità su cose meno imbarazzanti?  Feci tutto il mese di ottobre  in uno stato fisico tremendo, mia figlia ha collezionato ritardi assurdi a scuola, non mi svegliavo di nuovo la mattina, la casa era lasciata allo sbando più totale, non riuscivo a fare nulla. Le poche energie che avevo, le impiegavo nelle 4 ore settimanali di pallavolo, era l’unico momento dove non pensavo  a quello che accadeva, ma anche lì il mio corpo si faceva sentire,  un giorno rischiai  di rompere il ginocchio sinistro, quando durante una ricezione la gamba ad altezza del quadricipite anzi che risalire scese per conto suo sotto il ginocchio. Intanto in bagno la situazione peggiorava, c’erano dei giorni dove avevo paura che avrei dovuto chiamare qualcuno perché i muscoli rimanevano in contrazione per tempi sempre più lunghi. Avevo proprio la sensazione che i muscoli rettali non ritornassero in sede.

Fortunatamente ero capitata su siti “paleo” tramite alcuni contatti facebook. La reputavo una dieta estrema, ricordo che il mio primo pensiero fu che solo dei pazzi potessero sostenere un’alimentazione del genere!! (scusatemi!! Mea culpa!!)… Io però ormai ero a un livello di vita dove forse solo una pazzia avrebbe potuto salvarmi!! E feci quella stupenda pazzia, in fondo non avevo ormai più nulla da perdere!!!  La feci in un ottica di mantenimento, di non peggiorare la mia salute, in attesa di avere dei soldi per  fare gli esami e andare dal dr Luchi, l’unico dottore che finalmente mi sembrava scrupoloso nel cercare la diagnosi. Intanto passano le settimane dall’inizio paleo, inizio integrazione vitamina D ed omega 3. Ricordo la meravigliosa sensazione dopo un mese abbondante della prima notte dove al mattino mi sono svegliata rigenerata, era una sensazione cosi lontana che mi sembrava impossibile!! Quella mattina ho pianto di gioia!!! Poi tutto piano piano si è sistemato. Gli occhi, l’acidita di stomaco, mal di testa… Insomma tutto. L’unica cosa rimasta per un bel po’ di mesi è stata la stanchezza nel corso della giornata, dormivo bene di notte ma poi avevo crolli nel primo pomeriggio. Niente di cosi tanto invalidante  come in passato. Ero ben consapevole che sarebbe stato un percorso lungo, e in più, io lo facevo da autodidatta, avevo sempre in mente che non sarei arrivata al 100%  senza un l’ausilio di un bravo medico. Purtroppo sommersa dai debiti non riuscivo a mettere nulla da parte. Arriva marzo 2015, ormai disoccupata, ho avuto la possibilità di fare le analisi e la  stupenda sorpresa!!! La mia tiroide, nonostante non prendessi farmaci da anni era  scesa a tsh 2. Valori nel range di una persona sana!! Non l’avevo mai vista sotto a sei!!!  Arriva l’estate e  con essa  sempre maggiore salute! Intanto il mio peso è rientrato nel peso forma, in tutto ho perso una  20ina di kili abbondanti! Senza sforzi!!!  Mentre nel 2014 facevo 10/12 ore di palestra con grande fatica alla settimana senza risultati (solo 6  kili in un anno con quel regime di ore).

12201039_10206877751135489_119966272_n
Alessia ringiovanita e dimagrita in modo eclatante!

Ho trascorso l’estate più bella della mia vita, è stato come rinascere. Arrivato  questo  autunno  non ho avuto un grosso calo, niente di invalidante, mia figlia non  ha ancora collezionato i ritardi e a scuola staranno gridando al miracolo! E soprattutto sono sempre felice,  riesco anche a trovare tempo per aiutare mia figlia nei compiti. Sono molto più paziente, questo essere ”in energia” mi da la carica di fare lunghi discorsi con mia figlia, di non arrabbiarmi  quando non si comporta bene ma di avere l’energia per dialogare con lei, per giocare con lei. Ho anche molta più energia per il lavoro. Al momento, dopo il mio primo anno paleo, l’unica cosa che non è ancora  come vorrei è l’energia nelle gambe durante la pallavolo. Da maggio ad agosto avevo raggiunto una fisicità tale che non avrei mai pensato, molta forza e i muscoli per un periodo hanno risposto davvero bene. Poi una volta raggiunto questo nuovo cambio di stagione ho avuto una piccola frenata sebbene non grave… (ndr. per lo sport la paleo andrebbe ben tarata con i giusti carboidrati)

confronto

Sono grata di quest’esperienza  paleo a tutte le persone che mi hanno guidato, consigliato , incoraggiato, capito. Sono grata A Franca Leccadito per la sua infinita pazienza e sono grata a Flavio Lenori (ndr a breve sarà intervistato per il nostro blog e futuro prezioso relatore del paleomeeting) per  avere risposto a tutti i miei mille dubbi. Sono grata a tutti gli utenti dei gruppi che hanno interagito con me. E sono grata al dottor Luchi che dà le giuste informazioni.

La dieta paleo mi ha ridato la vita, è stata la pazzia più azzeccata che abbia mai fatto in vita mia!!!

 

Per chi volesse acquistare  i prodotti omegor, usufruendo dello sconto del 5%, basta registrarsi al sito cliccando sul link Omegor  e controllare  che in fase di registrazione compaia il codice affiliato P2OSMB. Qualora non dovesse comparire il codice, lo si può inserire manualmente in fase di registrazione o direttamente nel carrello prima dei effettuare il pagamento.

Le tante incredibili storie personali del nostro blog.

(Visited 4.062 times, 1 visits today)
Angelo

Angelo

Angelo 50 anni, ingegnere, papà di una bellissima figlia, ex ciclista e triatleta agonista con alcuni risultati apprezzabili. Dal 2004 ha sperimentato su se stesso la dieta paleo abbinata allo sport di endurance e seguito decine di altre esperienze analoghe su, forum tematici, di altri atleti ed appassionati come lui. Uno degli organizzatori dell'evento "paleomeeting", past president, attuale segretario e socio fondatore del SIMNE (Società Italiana di Medicina e Nutrizione Evoluzionistica)

Proposta di Dessert di Natale: Salame del re paleo

L’integrazione ad alte dosi di vitamina C migliora l’umore ed aumenta la frequenza dei rapporti sessuali.