close
Il sistema circadiano ed il cancro: una review “illuminante”!

Il sistema circadiano ed il cancro: una review “illuminante”!

3 marzo 2018cancrosistema circadiano2443Visualizzazioni

Il Premio Nobel per il 2017 in Fisiologia o Medicina è stato assegnato a 3 ricercatori che hanno chiarito il meccanismo molecolare che controlla i sistemi circadiani negli esseri umani e in altri organismi.

Traduzione e nota finale: Angelo

Jeffrey C. Hall, Michael Rosbash e Michael W. Young hanno ricevuto congiuntamente il premio per aver determinato come il “periodo genetico“, noto dagli anni ’70, che influenzava i ritmi biologici nelle mosche della frutta, effettivamente esiste. Hanno scoperto che la proteina PER, prodotta dal gene, si accumula nel citoplasma di una cellula e quindi si degrada in un ritmo approssimativo di 24 ore. Questo ha suggerito un ciclo di feedback in cui PER inibisce la propria sintesi. Ma PER non può entrare nel nucleo per accedere al gene e fermare il processo di sintetesi. I ricercatori hanno quindi stabilito che il gene senza tempo sintetizza la proteina TIM, che si lega con PER per consentirgli di entrare nel nucleo della cellula.

Può quindi bloccare l’attività del gene del periodo. È stato anche dimostrato che il gene del doppio tempo contribuisce a questo sistema ritardando l’accumulo di PER sufficientemente ad approssimare un ritmo di 24 ore. Questo sistema è al centro dei ritmi biologici in tutti gli organismi pluricellulari e colpisce una moltitudine di funzioni corporee che influiscono sulla salute. Questo premio Nobel è stato davvero meritato. E mentre l’orologio gira nel nuovo anno, questo premio sembra un argomento particolarmente adatto per una riflessione per il lancio del primo numero di un nuovo volume di terapie integrative contro il cancro.

Hall, Rosbash e Young hanno eseguito i loro esperimenti critici sui meccanismi molecolari dei ritmi circadiani negli anni ’80 e all’inizio degli anni ’90. Ma l’esplorazione delle conseguenze cliniche dei ritmi circadiani nel cancro iniziò negli anni ’70 e procedette parallelamente al lavoro molecolare. L’accumulo di lavoro clinico e sperimentale sui ritmi circadiani nel cancro si è costantemente sviluppato nel corso degli anni. Il sistema circadiano sta ora iniziando a diventare un obiettivo per gli interventi clinici nel trattamento del cancro. Una recente revisione rileva che le interruzioni dei normali ritmi circadiani del sonno e dell’attività sono diffuse nei pazienti oncologici, specialmente quelli con carcinoma metastatico (1). Tali disturbi si manifestano clinicamente come incapacità a dormire la notte, eccessivo assonnamento diurno, affaticamento, depressione, anoressia e riduzione qualità della vita. In modo allarmante, i ritmi circadiani perturbati predicono una riduzione della sopravvivenza globale nei pazienti con tumore del polmone, del rene, della mammella e del colon avanzato. A livello cellulare, è noto che i ritmi circadiani interrotti influenzano negativamente l’angiogenesi, l’apoptosi (3), e molti altri processi biologici importanti nel cancro. È risaputo come la melatonina sia importante come “cronometrista” per il sistema circadiano, poiché il sistema si coordina con la luce e l’oscurità ambientale. Molti malati di cancro assumono integratori di melatonina per i suoi effetti antitumorali. Ma il lavoro recente suggerisce che la melatonina da sola non aiuta il sonno nei pazienti con cancro al seno (4). Piuttosto, il timing dei pasti e dell’esercizio fisico, l’esposizione strategica alla luce, il supporto sociale, i tempi di sonno programmati e potenzialmente alcuni farmaci che prendono di mira il tempo circadiano possono essere necessari per intervenire per migliorare ritmi disturbati dei malati di cancro (1,4). Tuttavia, ci sono studi che indicano che alte dosi di melatonina possono migliorare i risultati della chemioterapia e numerosi studi con la melatonina dimostrano i suoi effetti antitumorali. Ciò suggerisce che gli approcci terapeutici integrativi che incorporano sia i cambiamenti dello stile di vita che la melatonina possono giocare un ruolo importante nella terapia del cancro circadiano.

Integrative Cancer Therapies ha costantemente pubblicato articoli sulla biologia del cancro circadiano dal 2009. In quell’anno, abbiamo pubblicato un intero numero speciale su ritmi circadiani e cancro, ospite curato dai principali ricercatori circadiani William Hrushesky e David Blask (5). Il numero speciale contiene articoli su argomenti come le funzioni oncosoppressori dei geni del periodo; interruzioni circadiane e secrezione di citochine; effetti circadiani sul metabolismo del tumore al seno; raggruppamento di disturbi circadiani, affaticamento e anoressia in pazienti con cancro avanzato; e approcci pratici alla terapia circadiana (6). Una revisione sistematica del 2011 ha esaminato gli effetti della melatonina come coadiuvante per il trattamento del cancro (7). Nel 2013 è stato discusso l’uso della melatonina come integratore alimentare nel cancro (8). E nel 2016 abbiamo pubblicato il primo di una serie di 3 studi sugli effetti della luce artificiale durante la notte, che è noto per sopprimere i livelli di melatonina, sull’incidenza del cancro al seno (9).

PROBLEMA N.1 PER LA SALUTE: LE LUCI ARTIFICIALI.

Speriamo di vedere molti più articoli sul tema della biologia del cancro circadiano pubblicati in Integrative Cancer Therapies e altrove nei prossimi anni. Riteniamo che le terapie integrative abbiano un ruolo unico nel migliorare i ritmi circadiani disturbati dei pazienti con tumore avanzato, con possibili effetti sulla tolleranza del trattamento, sulla risposta, sulla qualità della vita e sulla sopravvivenza. Prevediamo che questo journal continui a svolgere un ruolo importante nella diffusione di studi e informazioni pratiche su questo argomento.

Nel primo volume di ogni numero di Integrative Cancer Therapies riconosciamo l’esperienza e la saggezza scientifica di un importante gruppo di persone: coloro che hanno partecipato al nostro processo di revisione nell’ultimo anno. Gli editori di riviste sanno, forse meglio della maggior parte dei ricercatori, il ruolo fondamentale della revisione tra pari nel mantenimento della qualità della pubblicazione scientifica. Gli sforzi dei revisori sono passati per molti anni con un minimo riconoscimento accademico, e la nostra pubblicazione dei nomi dei revisori è solo un piccolo segno del vero valore del loro lavoro che hanno messo nelle recensioni degli articoli.

Ecc…

Nel frattempo, onoriamo coloro che hanno partecipato al nostro processo di revisione nel 2017 elencandoli di seguito:

Douglas Abdalla, Elizabeth Addington, Carl Ade, Sabina Adorisio, Lise Alschuler, Kristina Althoff, Chelsea Anderson, Claudia Arab, Antonietta Arcella, S. Arora, Anna Arthur, Kristen Arthur, Banu Arun, Kyeore Bae, Lynda Balneaves, Louiza Béchohra, Eran Ben Arye, Hartmut Bertz, Penny Block, Stephen Bloor, Barbara Brocki, Amit Budhraja, Zhen Cai, Francesco Carli, Anitra Carr, Tracey Carr, Maëlle Carraz, Raymond Chang, Alejandro Chaoul, Jiun Liang Chen, Qi Chen, Tsai Ju Chien, Jun-Yong Choi, Kyung-Eun Choi, Marcia Ciol, Jayson Co, Colin Curtain, Debabrata Das, Jharna Datta, Niloy Ranjan Datta, Lisa Davis, Haryana Dhillon, Alexandra Dimitrova, Alberto Dionigi, Sergey Dyshlovoy, Canan Eroğlu, Xiang Fan, Yibin Feng, Giammaria Fiorentini, Michael Foley, Judith Fouladbakhsh, Michael Frass, Carlo Fremd, Katharina Gaertner, Jürgen Gailer, Kay Garcia, Sastry Gollapudi, Amir Hossein Goudarzian, Heather Greenlee, C. Guethlin, Huiru Guo, Charlotte Gyllenhaal, Amanda Hagstrom, Tibor Hajtó, Thayele Purayil Hamsa, Reid Hayward, Jacob Hill, Lara Hilton, John Hoffer, YongQiang Hua, Hua-ping Huang, David Hui, Tania Islam, Ju-Hyun Jeon, Yi Jiang, Agata Kabala-Dzik, Gülendam Karadağ, Konstantina Karatrantou, Ji-Ye Kee, Akbar Khan, Young-Kyoon Kim, Yihyun Kwon, Judith Lacey, A. Laengler, Cardella Leak, Jungtae Leem, Teresa Lesiuk, Le-Qun Li, Qinglin Li, Xiaoqian Li, Wei-Zhe Liang, Chuan-Bian Lim, Dai-Wei Liu, Jun Liu, Jun Lu, Wolfgang Marx, Hannah Matthews, Michael McCulloch, Dwight McKee, Mark Mead, Oliver Micke, Shiraz Mishra, Paola Muti, Robert Newman, Torben Nielsen, Byeongsang Oh, Oluwadamilola Olaku, Agnieszka Olchowska-Kotala, Meagan O’Neill, R. B. Oriá, Kazeem Oshikoya, Deng Pan, Siyaran Pandey, Jong-Hyock Park, Luke Peppone, Constant Pieme, Gregory Plotnikoff, Morten Quist, A. D. Rapidis, Sylvie Rapior, Marcella Renis, Mark Renneker, Ramona Ritzmann, Laura Rogers, Dan Rubin, Daniel Santa Mina, Friedemann Schad, Katherine van Schaik, Stefan Schönsteiner, Jessica Scott, Dugald Seely, Georg Seifert, Chun-Chuan Shih, Pamela Siegel, Ana Paula Simões-Wüst, Robert Slater, Judith Smith, Peter Smith, Bridget Southwell, Tobias Sprenger, Kannan Sridharan, Fiona Stacey, Leanna Standish, Fiona Streckman, Daniel Sze, Kenzaburo Tani, Caroline Terranova, Ysabella Vansebille, Erwin Wagner, Won-Bo Wang, Anna-Leila Williams, Raimond Wong, Ting-Feng Wu, Yan Fei Xin, Linhhui Xu, Jun Yan, Geliang Yang, Song Yao, Hung-Rong Yen, Seung-Gu Yeo, Hwa Seung Yoo, Seong Woo Yoon, Teresa Young, Guolin Zhang, Rong Zhang, Jian-Hong Zhong, Suzanna Zick, Philipp Zimmer and Tycho Zuzak.

NOTA DI ANGELO ROSSIELLO:

Inizio con una domanda: quanti di voi sono mai stati trattati con pratiche atte a resettare i ritmi circadiani? Quanti di voi hanno parenti ed amici che sono stati trattati con pratiche atte a resettare i naturali ritmi circadiani?

DOMANDA RETORICA: NESSUNO!

Come vedete ormai la teoria dei ritmi circadiani è ben consolidata per la salute e per tutte le malattie croniche, tra cui il cancro. Non lo dico io ma la “piccola” lista di scienziati sopra.
Qual’è il problema? Il problema è che i nostri medici e specialisti non ne parlano proprio! Mai!
Continuano a preferire terapie allopatiche a supporto delle terapie classiche (chemio e radio nel caso del tumore).
Per ignoranza, o perchè non sanno neanche dell’esistenza dei ritmi circadiani o, nella migliore delle ipotesi, non sanno neanche da dove cominciare…
Invece esistono metodi naturali che il sottoscritto studia INDIPENDENTEMENTE da un paio di decenni.
Sono metodi e pratiche dove un ingegnere è molto più ferrato per schiatta. Sono metodi che possono tranquillamente affiancarsi come “terapia di supporto” a quella classica standard… SENZA ALCUN EFFETTO COLLATERALE. ANZI.

Qui ci si è focalizzati sulla melatonina ma chissà quali altri meccanismi, ormoni e processi coinvolgono i ritmi circadiani!
Inoltre non aspettare l’insorgenza della malattia! PREVENZIONE!

COSA FARE DUNQUE?

Per un sonno migliore e per una ottimizzazione NATURALE DELLA MELATONINA iniziate ad utilizzare questi occhiali in casa o in giro con gli amici:

Gli occhiali, oltre ad essere carini esteticamente e di possibile utilizzo ovunque, sono certificati e filtrano più del 98% di luce blu e più del 90% di luce verde. Per l’acquisto potete cliccare qui: BLUEBLOX

e scegliere il modello che più vi piace, avrete anche un significativo sconto.

 Speciale offerta per gli amici del “Metodo Apollo” (e per tutti coloro che ne volessero usufruire).

 Inserendo i seguenti codici potrete usufruire di sconti crescenti:

1 paio di occhiali: PSORIASI10 (10% di sconto)

2 paia di occhiali: PSORIASI15 (15% di sconto)

3 paia (o più) di occhiali PSORIASI20 (20% di sconto)

I modelli con lenti ambra (night) sono veri e propri blue blocker, i modelli con lenti più leggere gialle (day) sono utilissimi durante il giorno per lavorare al PC e sostare in uffici pesantemente illuminati da luci artificiali.
Ci sono modelli per bambini ed anche uno con clip per chi già indossa occhiali correttivi il visus.

I prezzi sono abbordabilissimi. Dai 55 euro a salire più circa 16 euro per le spese di spedizione. I prezzi sul sito sono in dollari australiani, non fatevi ingannare!

La conversione è circa 6 euro per ogni 10 dollari.
Sono disponibili anche occhiali graduati (prescription), ovviamente fornendo la prescrizione completa (solo modello da sera) e modelli da lettura (readers).

Consigli per l’utilizzo:

Consigliamo vivamente di utilizzare il modello day sempre in ufficio o a casa (se illuminata con i LED). 2 ore prima di dormire sostituirli con il modello night.

ALTRO:

Nei casi più gravi si deve ricorrere a soluzioni più aggressive di ri-sincronizzazione con i naturali ritmi veglia-sonno. Da ingegnere posso modificare/studiare soluzioni illuminanti ottimali per abitazioni, uffici, palestre… Atte a mitigare la de-sincronizzazione circdiana causata da queste ultime. Inoltre posso dare consigli su come migliorare la qualità della vita e massimizzare l’energia, con semplici accorgimenti comportamentali. In una parola: LIGHT TRAINER.

Per info e costi: angelo@evolutamente.it

Intanto siete ancora in tempo per iscrivervi al prossimo PALEOMEETING dove terrò una lettura sul tema.

14-15 aprile 2018 RIMINI.

Info e costi: qui

RIFERIMENTI: The Circadian System and Cancer: It’s About Time!

1. Innominato, PF, Roche, VP, Palesh, OG, Ulusakarya, A, Spiegel, D, Lévi, FA. The circadian timing system in clinical oncology. Ann Med. 2014;46:191207Google ScholarCrossrefMedline
2. Jensen, LD, Gyllenhaal, C, Block, K. Circadian angiogenesis. Biomol Concepts. 2014;5:245256Google ScholarCrossrefMedline
3. Wang, Q, Ao, Y, Yang, K, Tang, H, Chen, D. Circadian clock gene Per2 plays an important role in cell proliferation, apoptosis and cell cycle progression in human oral squamous cell carcinoma. Oncol Rep. 2016;35:33873394Google ScholarCrossrefMedline
4. Innominato, PF, Lim, AS, Palesh, O. The effect of melatonin on sleep and quality of life in patients with advanced breast cancer. Support Care Cancer. 2016;24:10971105Google ScholarCrossrefMedline
5. Block, KI, Hrushesky, W, Blask, D. In this issue: circadian disruption and cancer. Integr Cancer Ther. 2009;8:295297Google ScholarLinkISI
6. Block, KI, Block, PB, Fox, SR. Making circadian cancer therapy practical. Integr Cancer Ther. 2009;8:371386Google ScholarLinkISI
7. Seely, D, Wu, P, Fritz, H. Melatonin as adjuvant cancer care with and without chemotherapy: a systematic review and meta-analysis of randomized trials. Integr Cancer Ther. 2012;11:293303Google ScholarLinkISI
8. Frenkel, M, Abrams, DI, Ladas, EJ. Integrating dietary supplements into cancer care. Integr Cancer Ther. 2013;12:369384Google ScholarLinkISI
9. Keshet-Sitton, A, Or-Chen, K, Yitzhak, S, Tzabary, I, Haim, A. Can avoiding light at night reduce the risk of breast cancer? Integr Cancer Ther. 2016;15:145152Google ScholarLinkISI
(Visited 834 times, 1 visits today)
Angelo

Angelo

Angelo 50 anni, ingegnere, papà di una bellissima figlia, ex ciclista e triatleta agonista con alcuni risultati apprezzabili. Dal 2004 ha sperimentato su se stesso la dieta paleo abbinata allo sport di endurance e seguito decine di altre esperienze analoghe su, forum tematici, di altri atleti ed appassionati come lui. Uno degli organizzatori dell'evento "paleomeeting", past president, attuale segretario e socio fondatore del SIMNE (Società Italiana di Medicina e Nutrizione Evoluzionistica)

Spaghetti di zucchine agli scampi

Editoriale di Angelo Rossiello: sulla morte di DAVIDE ASTORI