Sformato di zucchine e macinato di vitello - EvolutaMente.it
close
Sformato di zucchine e macinato di vitello

Sformato di zucchine e macinato di vitello

11 Dicembre 2013macinatosformatozucchine1555Visualizzazioni

A cura di Viviana

Occorrente:
2 padelle e una pirofila
5 zucchine
1 kg di macinato di vitello
1 cipolla grande
2 spicchi d’aglio
vernaccia o vino bianco
3 uova
olio extravergine
sale

Sminuzzate l’aglio e la cipolla e divideteli nelle due padelle. Aggiungete un po’ di olio EVO, e mettete in una padella il macinato e nell’altra le zucchine tagliate a pezzetti: dopo 5 minuti circa di cottura fate sfumare un po’ di vernaccia e lasciate che gli ingredienti cuociano finchè la carne sarà cotta e le zucchine morbide, ma senza prolungare eccessivamente la cottura. Salate a piacere e unite il contenuto delle padelle nella pirofila.
In una terrina sbattete le uova e unitele al resto degli ingredienti nella terrina: mischiate bene, livellate, e mettete la pirofila nel forno ventilato caldo a 180 gradi per 15 minuti circa, poi abbassate la temperatura a 160 gradi e lasciate cuocere per altri 15 minuti.
Questo piatto, se viene fatto raffreddare, si può tagliare a quadrotti e servire tra gli antipasti nel vostro menu di Natale.
Oppure si può mangiare caldo appena uscito dal forno ustionandosi la lingua, come ho fatto io.

(Visited 411 times, 1 visits today)
Angelo

Angelo

Angelo 52 anni, ingegnere, papà di una bellissima figlia, ex ciclista e triatleta agonista con alcuni risultati apprezzabili. Dal 2004 ha sperimentato su se stesso la dieta paleo abbinata allo sport di endurance e seguito decine di altre esperienze analoghe su, forum tematici, di altri atleti ed appassionati come lui. Uno degli organizzatori dell'evento "paleomeeting", past president, attuale segretario e socio fondatore del SIMNE (Società Italiana di Medicina e Nutrizione Evoluzionistica). Co-autore de IL NUOVO VIVERE SECONDO NATURA ed autore del best seller INSONNIA. IL MALE DEL NUOVO SECOLO.

Vitamina D e protezione dalle malattie: il crollo di un mito?

Anche la polenta diventa un rischio?