Se bevete caffè decaffeinato, assicuratevi di come sia stata rimossa la caffeina…

Scritto da Angelo

Categorie: Nutrizione | Salute

5 Novembre 2014

di David Gutierrez 
(NaturalNews)
Traduzione ed adattamento: Angelo

caffe

Il primo processo di decaffeinizzazione commerciale prevede l’inserimento dei chicchi di caffè in una soluzione di acqua salata fumante e successivamente in bagno con benzene chimico, tossico per sciogliere la caffeina.

A causa di problemi per la salute, il benzene è stato poi sostituito dal “metodo diretto” che utilizza diverse sostanze chimiche tossiche: acetato di etile o cloruro di metilene. Poiché l’acetato di etile può essere derivato da frutta e verdura, questo caffè è spesso pubblicizzato comenaturalmente decaffeinato“!

Nel “metodo indiretto“, noto anche come il “metodo dell’acqua“, i chicchi vengono immersi in acqua trattata con acetato di etile o cloruro di metilene e poi ri- imbevuto nella stessa acqua per riassorbire gli oli essenziali (ndr. che conferiscono il classico aroma).

Un processo di decaffeinizzazione non tossico è il “metodo carbone“, che è simile al metodo ad acqua ma che utilizza un filtro a carbone anziché solventi chimici per rimuovere la caffeina. Anche il metodo “anidride carbonica” , in cui i fagioli sono cotti a vapore e immersi in acqua gassata, utilizza un filtro a carbone .

Altri metodi di decaffeinizzazione privi di tossine sono “acqua svizzero” e processo a “trigliceridi“. La maggior parte delle aziende di caffè e rivenditori potranno condividere le informazioni sui propri processi di decaffeinizzazione su richiesta.
Quindi assicuratevi di chiedere quale metodo usano prima di bere il loro caffè.

Riferimenti:

http://www.wisegeek.com

http://www.madehow.com

http://science.naturalnews.com

Tante altre notizie interessanti sul caffè!

Articoli recenti…