close
Il ruolo dei grassi nella malattia coronarica e cardiovascolare: review italiana!

Il ruolo dei grassi nella malattia coronarica e cardiovascolare: review italiana!

Pubblicata in questi giorni un’incredibile review sui grassi a cura di due ricercatrici italiane dell’Istituto Mario Negri di Milano… Incredibile proprio perchè un lavoro italiano…

Adattamento: Angelo

Questa recensione riassume i principali studi sul ruolo dei diversi acidi grassi nel rischio della malattia coronarica (CHD) e malattia cardiovascolare (CVD) e l’attuale dibattito scientifico sulle raccomandazioni dietetiche.

La riduzione e la sostituzione degli acidi grassi saturi (SFA) con gli acidi grassi polinsaturi (PUFA) sono ancora la principale raccomandazione dietetica per prevenire CHD e CVD. Negli ultimi anni, tuttavia, la forza delle prove scientifiche alla base di questo consiglio dietetico è stata messa in dubbio. Recenti indagini rivalutano il ruolo deleterio precedentemente dichiarato degli SFA e riducono il ruolo positivo dei PUFA, principalmente l’omega-6, mentre il ruolo degli acidi grassi monoinsaturi (MUFA) rimane poco chiaro. Al contrario, gli effetti negativi degli acidi grassi trans (TFA) sembrano più forti di quanto si pensasse in precedenza. Infine, le critiche sono emerse da un approccio di raccomandazione dietetica incentrato su singoli componenti piuttosto che su vasti prodotti alimentari e abitudini alimentari.

Mi sembra tutto molto interessante nel paese dell’Olio Extravergine di Oliva ricco di omega 6 (proinfiammatori) e ricchissimo di monoinsaturi, il cui ruolo sarebbe poco chiaro…

RIFERIMENTO:
Journal: International Journal of Food Sciences and Nutrition
doi.org/10.1080/09637486.2018.1455813
Dietary fats and cardiovascular health: a summary of the scientific evidence and current debate
Elena Fattore ed Elena Massa
Istituto Mario Negri (MI).
Link: qui

(Visited 1 times, 1 visits today)
Angelo

Angelo

Angelo 50 anni, ingegnere, papà di una bellissima figlia, ex ciclista e triatleta agonista con alcuni risultati apprezzabili. Dal 2004 ha sperimentato su se stesso la dieta paleo abbinata allo sport di endurance e seguito decine di altre esperienze analoghe su, forum tematici, di altri atleti ed appassionati come lui. Uno degli organizzatori dell'evento "paleomeeting", past president, attuale segretario e socio fondatore del SIMNE (Società Italiana di Medicina e Nutrizione Evoluzionistica)

Ritmi circadiani, assunzione di magnesio e potassio e… Attacchi cardiaci!