RESISTENZA ALL’INSULINA E LUCE

Scritto da Angelo

Categorie: Nutrizione | Salute

29 Luglio 2019

RESISTENZA ALL’INSULINA E LUCE
(quello che dovrebbero dirti i guru del cibo e te lo celano per tenerti per le palle)

Un ritmo circadiano incasinato causa resistenza all’insulina e resistenza alla leptina…

Anche se lo studio è stato eseguito su animali questa è una grande prova di come vivere in un ambiente costantemente illuminato artificialmente sta distruggendo il nostro sistema ormonale e, al contempo ci rende grassi, malati, schiavi del cibo e delle calorie…

I risultati di questo studio mostrano che un ritmo circadiano interrotto provoca una diminuzione della segnalazione centrale della leptina.

Questo è importante sia in termini di aumento di peso che per il senso della fame. La segnalazione di leptina alterata causerà maggiori stimoli di fame e meno sazietà. Fondamentalmente mangeremo di più. Come un cane che si morde la coda.

Al quel punto il guru del cibo continuerà a cercare la soluzione con strategie sempre più strane e sempre cibocentriche ma senza mai, dico MAI, trovare la soluzione.

Ancora più importante è rilevare che, per l’ennesima volta, in questo studio c’è stato un drammatico aumento dei livelli di glucosio a digiuno negli animali esposti alla luce artificiale. Questo notevole aumento dei livelli di glucosio a digiuno non è stato associato ad un aumento dei livelli di insulina il che DRAMMATICAMENTE suggerisce menomazioni nel rilascio di insulina pancreatica. Per cui:

– insulino resistenza e
– diabete

INDIPENDENTEMENTE DALLA DIETA SEGUITA

La luce colpisce sia gli oscillatori periferici che l’orologio centrale attraverso gli occhi, la pelle e le arteriole…

Se hai difficoltà a perdere peso ed hai provato TUTTE LE DIETE AL MONDOi, forse dovresti controllare l’ambiente in cui vivi e che ti fa sentire così sicuro e protetto… Ma invece ti sta distruggendo a partire da modifiche epigenetiche terribili al DNA.

INSONNIA. IL MALE DEL NUOVO SECOLO lo trovi su AMAZON
Il libro che ti ILLUMINA d’immenso.

RIFERIMENTO:

https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/31276158

Angelo Rossiello.

Articoli recenti…