close
I raggi ultravioletti modificano in modo profondo la struttura chimica del ghiaccio interstellare

I raggi ultravioletti modificano in modo profondo la struttura chimica del ghiaccio interstellare

1 Ottobre 2017388Visualizzazioni

I raggi ultravioletti modificano in modo profondo la struttura chimica del ghiaccio interstellare. Questo potrebbe formare sostanze prebiotiche che, chi lo sa, potrebbero innescare la vita sui pianeti.

Di Angelo

Sapete quanto io ami il sole ed espormi ad esso in tutte le stagioni. Reputo il sole portatore di vita e salute e ne ho fatto anche una breve presentazione al recente ultimo paleomeeting. Leggere questo paper mi ha emozionato non poco.

In soldoni:

Il ghiaccio interstellare è ritenuto un coacervo di complessi organici estremamente complicato. E’ comunemente presente nelle comete gelide e nelle nuvole interstellari. Questo viene irradiato dalle stelle con raggi ultravioletti che lo riscaldano (parliamo comunque di temperature bassissime comprese tra -210°C e -120°C ).

I ricercatori hanno scoperto che questi ghiacci amorfi composti da H2O, CH3OH e NH3 e puro H2O, se irradiati dai raggi UV, si comportano come liquidi a temperature da -208 °C a -123 °C e da -223 °C a 133 °C rispettivamente.

La radiazione ultravioletta sopprime l’obesità ed i sintomi della sindrome metabolica indipendente dalla vitamina D in cavie nutrite con una dieta ricca di grassi.

Il ghiaccio diventa  simile ad un liquido di bassa viscosità (tipo magma); può migliorare/innescare la formazione di composti organici, comprese molecole prebiotiche e l’accrescimento di polvere ghiacciate che possono formare polveri planetesimali gelide in determinate condizioni interstellari.

Le comete poi spesso piombano sui pianeti…

Riferimento:
Science Advances
Liquid-like behavior of UV-irradiated interstellar ice analog at low temperatures
Autori Vari
Link: qui

(Visited 137 times, 1 visits today)
Angelo

Angelo

Angelo 52 anni, ingegnere, papà di una bellissima figlia, ex ciclista e triatleta agonista con alcuni risultati apprezzabili. Dal 2004 ha sperimentato su se stesso la dieta paleo abbinata allo sport di endurance e seguito decine di altre esperienze analoghe su, forum tematici, di altri atleti ed appassionati come lui. Uno degli organizzatori dell'evento "paleomeeting", past president, attuale segretario e socio fondatore del SIMNE (Società Italiana di Medicina e Nutrizione Evoluzionistica). Co-autore de IL NUOVO VIVERE SECONDO NATURA ed autore del best seller INSONNIA. IL MALE DEL NUOVO SECOLO.

MACINATURA A PIETRA? ALTRA TROVATA DEL MARKETING MODERNO!

Le raccomandazioni dietetiche di alcuni tra i più famosi cardiologi mondiali.