close
Persistenza del danno neurologico indotto dalla carenza di vitamina B12 nell’infanzia

Persistenza del danno neurologico indotto dalla carenza di vitamina B12 nell’infanzia

24 ottobre 2018B12madri vegane0Visualizzazioni

Case study sconvolgente del 1997 che mi era sfuggito. Madre vegana e neonato con le funzioni cerebrali compromesse…

Avevamo già visto altri case study simili:

I bambini da madri vegetariane o vegane potrebbero avere la salute compromessa da gravi carenze nutrizionali…

Viene riportato un caso di un ragazzo di 14 mesi con una grave carenza di vitamina B-12 nella dieta
causato dalla dieta vegana della madre.
Sono descritti quadro clinico, elettroencefalogramma (EEG) e risultati ematologici.
L’imaging a risonanza magnetica cranica (MRI) ha mostrato grave atrofia cranica frontale e frontoparietale. I supplementi di vitamina B-12 hanno portato a un rapido miglioramento dei sintomi ematologici e neurologici. La vitamina del siero B-12 e l’escrezione urinaria di metilmalonato erano normali 10 giorni dopo l’inizio del trattamento. Dopo sei settimane, l’EEG era normale e la risonanza magnetica cranica dopo 10 settimane hanno mostrato completa scomparsa di tutte le anomalie strutturali.  La sviluppo cognitivo e linguistico, tuttavia, è rimasto gravemente ritardato all’età di 2 anni.

Si è concluso che la carenza di vitamina B-12 infantile indotta dalle diete vegane materne può causare una neurodisinabilità duratura anche se l’integrazione di vitamina B-12 porta a una rapida risoluzione dell’atrofia cerebrale e dell’anomalia elettroencefalografica.

La vitamina B12 è una vitamina unica nell’uomo perché è un fotorecettore che assorbe la luce e non la emette facilmente fino a quando non dona il suo gruppo metile per altri processi che hanno bisogno di luce.

Cosa succede al cervello umano che non ne ha abbastanza di questa luce? Si atrofizza attraverso l’apoptosi.

Questo sembra il caso preciso… La foto mostra le foto prima e dopo dopo aver ricevuto supplementi. Gli integratori non possono sostituire la vitamina B12 da prodotti animali cresciuti al sole…

RIFERIMENTO:
Archives of Disease in Childhood 1997;77:137–139
Persistence of neurological damage induced by dietary vitamin B-12 deficiency in infancy
Ursula von Schenck, Christine Bender-Götze, Berthold Koletzko
Link: full text

(Visited 1 times, 1 visits today)
Angelo

Angelo

Angelo 50 anni, ingegnere, papà di una bellissima figlia, ex ciclista e triatleta agonista con alcuni risultati apprezzabili. Dal 2004 ha sperimentato su se stesso la dieta paleo abbinata allo sport di endurance e seguito decine di altre esperienze analoghe su, forum tematici, di altri atleti ed appassionati come lui. Uno degli organizzatori dell'evento "paleomeeting", past president, attuale segretario e socio fondatore del SIMNE (Società Italiana di Medicina e Nutrizione Evoluzionistica)

Editoriale di Alessio Angeleri: Coerenza please!