close
Paleomedicina Ungheria: pro e contro della dieta paleo “autoimmune”

Paleomedicina Ungheria: pro e contro della dieta paleo “autoimmune”

Da qualche tempo seguiamo i grandi amici Casaba Toth e Zsófia Clemens di Paleomedicina Ungheria, li abbiamo intervistati sia per il blog che per la rivista Immunoreica Magazine.

Hanno una clinica dove curano malattie gravissime con la dieta paleo chetogenica.

di Angelo

Ecco cosa pensano della dieta paleo autoimmune (non bene…):

PRO

  • Esclusione di latte e derivati, cereali e zuccheri
  • Esclude le solenacee come del resto la paleodieta originale
  • Raccomanda di nutrirsi da cibi animali allevati con metodi tradizionali (grass fed)
  • Esclude il caffè

CONTRO

  • È una dieta basata sui vegetali
  • Raccomanda molte fibre
  • Escludere le uova è raccomandabile solo in alcuni casi
  • Mangiare il cocco è deleterio, soprattutto per chi soffre di autoimmunità
  • I supplementi fanno più danno che bene
  • Piena di concetti non scientifici: “mangiate vegetali colorati”; “mangiate l’arcobaleno”; “supportate la cistifellea”; “supportate lo stomaco”
  • Un solo studio a supporto ad alto bias (errore). In questo studio 3 pazienti si sono ritirati per gli effetti collaterali, la proteina C reattiva non si è modificata, invece che concentrarsi su endpoint solidi, lo studio si è concentrato su endpoint secondari
  • La dieta paleo autoimmune può provocare tiroiditi autoimmuni.

Ed infatti:

Editoriale di Angelo Rossiello: la dieta evolutiva? Solo un misero tassello nella via della salute e della performance!

I medici di paleomedicina Ungheria ci confermano che, nella loro pratica clinica, hanno visto molti casi di sviluppo di tiroidite autoimmune DOPO l’adozione di una “paleo” basata sui vegetali.

Noi di evolutamente concordiamo con quest’analisi anche se siamo a favore di un’introduzione di tuberi sicuri e frutta antica. Una sorta di ciclizzazione della dieta.

Soprattutto critichiamo in generale chi si concentra sul cibo trascurando tutti gli altri incredibili mismatch evolutivi in cui viviamo, ad esempio:

  • Cibo
  • Acqua
  • Esposizione al sole
  • Luci artificiali (luci blu)
  • Contatto con madre Natura (earthing)
  • Campi elettromagnetici
  • Esposizione agli agenti atmosferici (freddo e caldo)
  • Igiene
  • Gestione dello stress
  • Altro (abitudini di vita in generale, sport, relazioni sociali, ridere, giocare, inquinamento…)

THE INTERVIEWS OF EVOLUTAMENTE: CSABA TÓTH

Finchè non si capirà questo, la strada che potrete fare con la sola dieta sarà breve.

Il messaggio si rivolge anche agli operatori sanitari, come medici, nutrizionisti, farmacisti, biologi…
Dovete collaborare anche con altre figure professionali, per migliorare l’ambiente in cui vivete voi ed i vostri pazienti…

Ma quando lo capirete?

(Visited 385 times, 1 visits today)
Angelo

Angelo

Angelo 50 anni, ingegnere, papà di una bellissima figlia, ex ciclista e triatleta agonista con alcuni risultati apprezzabili. Dal 2004 ha sperimentato su se stesso la dieta paleo abbinata allo sport di endurance e seguito decine di altre esperienze analoghe su, forum tematici, di altri atleti ed appassionati come lui. Uno degli organizzatori dell'evento "paleomeeting", past president, attuale segretario e socio fondatore del SIMNE (Società Italiana di Medicina e Nutrizione Evoluzionistica)

Editoriale di Angelo Rossiello: la dieta degli aborigeni australiani.

I grassi dietetici e la salute cardiometabolica: evidenze e controversie