ONDE GAMMA A 40Hz E L’ALZHEIMER

Scritto da Angelo

Categorie: Salute

29 Febbraio 2024

ONDE GAMMA A 40Hz E L’ALZHEIMER

Gli studi del MIT (Massachusetts Institute of Technology, parliamo praticamente delle massime menti scientifiche mondiali) ma anche altri studi indipendenti non eseguiti al MIT, stanno producendo prove sempre più evidenti che lo “sfarfallio” della luce ma anche il “clic” del suono alla frequenza del ritmo cerebrale gamma di 40 Hz possono ridurre la progressione della malattia di Alzheimer (AD) e trattare i sintomi nei volontari umani e nei topi di laboratorio.

“Sfarfallio” è improprio, dobbiamo parlare di PULSAZIONE ed in termini geometrici. UN APPROFONDIMENTO:

EFFETTO FLICKER E MARKETING DELLA SALUTE (LAMPADE PER FOTOBIOMODULAZIONE)

Questo nuovo studio, tra le altre cose pubblicato su NATURE, rivela un meccanismo chiave che può contribuire a questi effetti benefici:
l’eliminazione delle proteine ​​amiloidi, un segno distintivo della patologia dell’Alzheimer, attraverso il sistema glinfatico del cervello, una rete “idraulica” recentemente scoperta parallela ai vasi sanguigni del cervello.

“Da quando abbiamo pubblicato i nostri primi risultati nel 2016, le persone mi hanno chiesto come funziona? Perché 40 Hz? Perché non un’altra frequenza?”

ha affermato l’autore senior dello studio Li-Huei Tsai, professore di neuroscienze a Picower e direttore del Picower Institute e della Aging Brain Initiative del MIT.

“Queste sono davvero domande molto importanti per le quali abbiamo lavorato molto duramente in laboratorio.”

Il nuovo articolo descrive una serie di esperimenti, condotti da Mitch Murdock quando era studente di dottorato in Scienze cognitive e cerebrali al MIT, dimostrando che quando la stimolazione gamma sensoriale aumenta la potenza e la sincronia a 40 Hz nel cervello dei topi, ciò induce il rilascio di un particolare peptide da parte dei neuroni.

I risultati dello studio suggeriscono inoltre che quei brevi segnali proteici guidano poi processi specifici che promuovono una maggiore eliminazione dell’amiloide attraverso il sistema glinfatico.

APPROFONDIMENTO:

L’importanza di dormire bene – Il sistema Glinfatico.

“Non disponiamo ancora di una mappa lineare dell’esatta sequenza di eventi che si verificano”, ha affermato Murdock, “Ma i risultati dei nostri esperimenti supportano questo percorso di eliminazione attraverso le principali vie glinfatiche.”

Poiché ricerche precedenti avevano dimostrato che il sistema glinfatico è un condotto chiave per l’eliminazione dei rifiuti cerebrali e può essere regolato dai ritmi cerebrali, il team di Tsai e Murdock ha ipotizzato che potrebbe aiutare a spiegare le precedenti osservazioni del laboratorio secondo cui la stimolazione sensoriale gamma riduce i livelli di amiloide nei topi modello di Alzheimer. .

Lavorando con topi “5XFAD”, che modellano geneticamente l’Alzheimer, Murdock e coautori hanno prima replicato i risultati precedenti di laboratorio secondo cui la stimolazione sensoriale a 40 Hz aumenta l’attività neuronale a 40 Hz nel cervello e riduce i livelli di amiloide.

Quindi hanno iniziato a misurare se ci fosse qualche cambiamento correlato nei fluidi che scorrono attraverso il sistema glinfatico che faciliti lo smaltimenti dei rifiuti.

Infatti, hanno misurato gli aumenti del liquido cerebrospinale nel tessuto cerebrale dei topi trattati con stimolazione gamma sensoriale rispetto ai controlli non trattati. Hanno anche misurato un aumento della velocità del liquido interstiziale che lascia il cervello.

Inoltre, nei topi trattati con frequenze gamma a 40Hz, hanno mostrato l’aumento del diametro dei vasi linfatici che drenano i liquidi e un aumento dell’accumulo di amiloide nei linfonodi cervicali, che è il sito di drenaggio di quel flusso.

Per studiare come potrebbe verificarsi questo aumento del flusso di fluido, il team si è concentrato sul canale dell’acqua dell’acquaporina 4 (AQP4) delle cellule degli astrociti, che consente alle cellule di facilitare lo scambio di fluidi glinfatici.

Quando hanno bloccato la funzione APQ4 con una sostanza chimica, ciò ha impedito alla stimolazione gamma sensoriale di ridurre i livelli di amiloide e di migliorare l’apprendimento e la memoria dei topi. E quando, come test aggiuntivo, hanno utilizzato una tecnica genetica per interrompere l’AQP4, questa ha interferito anche con la clearance dell’amiloide determinata frequenze gamma a 40Hz.

Oltre allo scambio di fluidi promosso dall’attività APQ4 negli astrociti, un altro meccanismo mediante il quale le onde gamma promuovono il flusso glinfatico è l’aumento della pulsazione dei vasi sanguigni vicini. Diverse misurazioni hanno mostrato una pulsatilità arteriosa più forte nei topi sottoposti a stimolazione gamma sensoriale rispetto ai controlli non trattati.

Una delle migliori nuove tecniche per monitorare il modo in cui una condizione, come la stimolazione gamma sensoriale, influenza diversi tipi di cellule è sequenziare il loro RNA per tenere traccia dei cambiamenti nel modo in cui esprimono i loro geni. Usando questo metodo, il team di Tsai e Murdock ha visto che la stimolazione sensoriale gamma promuoveva effettivamente cambiamenti coerenti con l’aumento dell’attività AQP4 degli astrociti.

I dati di sequenziamento dell’RNA hanno anche rivelato che dopo la stimolazione sensoriale gamma un sottoinsieme di neuroni, chiamati “interneuroni”, ha sperimentato un notevole aumento nella produzione di diversi peptidi. Ciò non sorprende, nel senso che è noto che il rilascio del peptide dipende dalle frequenze del ritmo cerebrale, ma è comunque degno di nota perché un peptide in particolare, VIP (Peptide intestinale vasoattivo), è associato ai benefici nella lotta all’Alzheimer e aiuta a regolare le cellule vascolari, il flusso sanguigno e clearance glinfatica.

Approfittando di questo risultato intrigante, il team ha eseguito test che hanno rivelato un aumento del VIP nel cervello dei topi trattati con frequenze gamma a 40Hz. I ricercatori hanno anche utilizzato un sensore di rilascio di peptidi e hanno osservato che la stimolazione gamma sensoriale determinava un aumento del rilascio di peptidi dagli interneuroni che esprimono VIP.

Ma questo rilascio di peptidi stimolato frequenze gamma a 40Hz ha mediato la clearance glinfatica dell’amiloide?

Per scoprirlo, il team ha eseguito un altro esperimento: ha spento chimicamente i neuroni VIP. Quando lo hanno fatto, e poi hanno esposto i topi alla stimolazione gamma sensoriale, hanno scoperto che non c’era più un aumento della pulsatilità arteriosa e non c’era più la clearance dell’amiloide stimolata dai raggi gamma.

“Pensiamo che siano coinvolti molti neuropeptidi”

ha detto Murdock. Tsai ha aggiunto che una nuova importante direzione per la ricerca del laboratorio sarà quella di determinare quali altri peptidi o altri fattori molecolari potrebbero essere guidati dalla stimolazione gamma sensoriale.

Tsai e Murdock hanno aggiunto che, sebbene questo articolo si concentri su quello che è probabilmente un meccanismo importante – la rimozione glinfatica dell’amiloide – attraverso il quale la stimolazione gamma sensoriale aiuta il cervello, probabilmente non è l’unico meccanismo sottostante che conta. Gli effetti di eliminazione mostrati in questo studio si sono verificati piuttosto rapidamente, ma negli esperimenti di laboratorio e negli studi clinici sono state necessarie settimane o mesi di stimolazione gamma sensoriale cronica per avere effetti sostenuti sulla cognizione.

Con ogni nuovo studio, tuttavia, gli scienziati apprendono di più su come la stimolazione sensoriale dei ritmi cerebrali può aiutare a trattare i disturbi neurologici.

https://www.nature.com/articles/s41586-024-07132-6

Alcune precisazioni:

– il sistema glinfatico va indiscutibilmente stimolato lavorando sul sonno e soprattutto sul riequilibrio della sua naturale ARCHITETTURA. Se dormite bene, ripulite il cervello in modo NATURALE stimolando le onde gamma da soli com’è successo in Natura per milioni di anni.

APPROFONDIMENTO: INSONNIA. IL MALE DEL NUOVO SECOLO

– questo spiega anche perchè la luce del sole QUOTIDIANA e senza OCCHIALI DA SOLE è cruciale per prevenire questa terribile malattia. Evidenza da decine e decine di studi.

– questo apre la strada anche all’utilizzo delle nostre tecnologie a luce pulsata che non solo stimolano le onde gamma attraverso gli occhi, ma sono capaci di lavorare addirittura fino al cuore del cervello con le ONDE GAMMA. Con una NEPTUNE DA 650 EURO!!!!

– inoltre stiamo sviluppando dei caschetti LASER ancora più potenti ed efficaci a prezzi che distruggeranno il mercato. Ci vorrò tempo perchè dobbiamo certificarli medicali. Ma stiamo allestendo una PREVENDITA a 3500 euro invece di 6000 euro. PRIMA DI PROTESTARE FATEVI UN GIRO SU GOOGLE PER VERIFICARE I PREZZI DI RIDICOLI CASCHETTI A LED.

 

Il caschetto prototipo che vedete in foto è talmente potente che lo stiamo… DEPOTENZIANDO…
Chi fosse interessato a prenotarlo (consegna settembre 2024 al più tardi): alessio@evolutamente.it, angelo@evolutamente.it

LE MIGLIORI LAMPADE DEL MERCATO MONDIALE? AD UN PREZZO SOSTENIBILE?
SOLO ED UNICAMENTE:

https://elioslamp.com/
https://shop.evolutamente.it/

Articoli recenti…

LUCE E VIBRAZIONI

LUCE E VIBRAZIONI

Ecco un nuovo studio pazzesco che utilizza i meccanismi oscillatori per sbarazzarsi delle cellule tumorali:...