close
Obesità e adolescenza: il ruolo del contesto scolastico

Obesità e adolescenza: il ruolo del contesto scolastico

15 Novembre 2014obesitàstudentizucchero976Visualizzazioni

A cura di Mario

fat

In questa pillola presentiamo uno studio canadese che ha inteso comprendere quanto incida sull’obesità degli adolescenti il contesto scolastico e il tipo di cibo disponibile, e consumato, nella scuole stesse. Si sono osservati in particolare, nella loro reciproca associazione, il consumo di bibite ricche di zucchero, il consumo di cibo e l’indice di massa corporea. 
Quello che è emerso è che la disponibilità di bevande zuccherate, e il loro consumo, favorisce l’obesità degli studenti, ma non il sovrappeso, favorito invece da un ridotto consumo di cibo ritenuto “sano” dalle linee guida nutrizionali ufficiali.
Il ruolo della scuola, da quanto risulta, è fondamentale nel favorire determinate abitudini alimentari negli adolescenti. Si conferma in modo particolare il grave rischio associato al consumo di bevande zuccherate.

Riferimento:
Associations between the school food environment, student consumption and body mass index of Canadian adolescents. Louise C Mâsse, Judith Evelyn de Niet-Fitzgerald, Allison W. Watts, Patti-Jean Naylor and Elizabeth M Saewyc. International Journal of Behavioral Nutrition and Physical Activity 2014, 11:29 doi:10.1186/1479-5868-11-29

Tante altre notizie per tenere in salute i nostri figli

(Visited 417 times, 1 visits today)
Angelo

Angelo

Angelo 50 anni, ingegnere, papà di una bellissima figlia, ex ciclista e triatleta agonista con alcuni risultati apprezzabili. Dal 2004 ha sperimentato su se stesso la dieta paleo abbinata allo sport di endurance e seguito decine di altre esperienze analoghe su, forum tematici, di altri atleti ed appassionati come lui. Uno degli organizzatori dell'evento "paleomeeting", past president, attuale segretario e socio fondatore del SIMNE (Società Italiana di Medicina e Nutrizione Evoluzionistica)

Un interessante studio pilota per valutare l’effetto della somministrazione prolungata di alte dosi giornaliere di vitamina D sul decorso clinico della vitiligine e psoriasi.

Sclerosi multipla e il microbioma: c’è connessione?