close
Morfina, nicotina, cocaina e la caffeina. Il ridicolo rituale del bulletproof coffee…

Morfina, nicotina, cocaina e la caffeina. Il ridicolo rituale del bulletproof coffee…

Il bulletproof coffe è di gran moda nella comunità “paleo”… Perché l’uso di queste sostanze, come la caffeina, è in grande aumento? Potrebbe essere il mondo moderno che fa crollare la dopamina sotto i tacchi in un mondo ipertecnologico inondato da onde magnetiche non native e microonde?

Un appassionato di mitocondri ha questa prospettiva, ma voi?

Capite perché la crisi degli oppiacei è massiccia o perché alcuni guru “paleo” riescono a convincervi che bere caffè e aggiungervi olio o burro MCT sia salutare?

Secondo voi questo non potrebbe essere il segnale che viviamo in un ambiente sbagliato? Ma quando mai abbiamo utilizzato caffè, MCT o burro nel corso della nostra evoluzione?
Ma vediamo una possibile spiegazione… Ovviamente anche la soluzione, nello stile del nostro blog!

Cara amica/o, se vuoi continuare a leggere l'articolo completo "Morfina, nicotina, cocaina e la caffeina. Il ridicolo rituale del bulletproof coffee...", puoi offrirci un caffè al tavolino tramite PayPal al costo di EUR 4.. I costi di gestione del blog sono diventati insostenibili per le nostre tasche. Se vuoi sostenere la corretta controinformazione e la tua consapevolezza o semplicemente avere una seconda opinione, dacci una tua mano! Le notizie che ti offriamo non le troverai da nessuna altra parte! Grazie di cuore!
(Visited 2 times, 1 visits today)
Angelo

Angelo

Angelo 50 anni, ingegnere, papà di una bellissima figlia, ex ciclista e triatleta agonista con alcuni risultati apprezzabili. Dal 2004 ha sperimentato su se stesso la dieta paleo abbinata allo sport di endurance e seguito decine di altre esperienze analoghe su, forum tematici, di altri atleti ed appassionati come lui. Uno degli organizzatori dell'evento "paleomeeting", past president, attuale segretario e socio fondatore del SIMNE (Società Italiana di Medicina e Nutrizione Evoluzionistica)

Commento alla prima review sistematica sulla “paleodieta” appena pubblicato su “Advances in Integrative Medicine”