close
MA MIO NONNO MANGIA PASTA E PANE DA SEMPRE E STA BENE!

MA MIO NONNO MANGIA PASTA E PANE DA SEMPRE E STA BENE!

13 ottobre 2017AGE'sgranoWilliam Daviszuccheri18Visualizzazioni

Questo è quanto ci sentiamo dire ogni qual volta parliamo dei tanti possibili danni da consumo di pane e pasta protratti nel tempo.

Bel video di 4 minuti del dr. William Davis che risponde a tutti i riduzionisti che ti dicono candidamente “ma io mangio da decenni zucchero, pasta e pane e sto benissimo“.

Il dr. Davis è un medico ed autore di libri in tema alimentazione di gran successo.

Il podcast:

In effetti ci sono problematiche immediate ed evidenti in alcuni soggetti che mangiano grano, tipo coliti. Eliminandolo queste problematiche si eliminano o si attenuano, nei casi più gravi non peggiorano.
Purtroppo per i “riduzionisti” ci sono altre problematiche (alcune gravissime) che possono rimanere nascoste per anni, per decenni.

La glicazione delle proteine per esempio è IRREVERSIBILE.

Va avanti e non te ne accorgi. Bene che ti vada avrai una cataratta in tarda età, dolori alle ossa, pressione alta che tratti con la pilloletta. Nei casi più gravi diabete, cancro, problemi cardiocircolatori, grasso addominale proinfiammatorio, invecchierete più rapidamente, la pelle si riempie gradualmente di rughe…
Ma voi vi sentite: BENE!…
Avete capito? La glicazione è IRREVERSIBILE!

I problemi mentali ed alimentazione scorretta.

Andiamo avanti…

Mangiare, ANCHE UNA SOLA VOLTA A SETTIMANA, un gelato, un piatto di pasta o del pane AUMENTA PER 7 GIORNI LA PRODUZIONE DI COLESTEROLO LDL PARTICELLE PICCOLE FACILMENTE OSSIDABILI, che sono la vera causa dei problemi cardiaci e non il colesterolo alto tout cour.
Pertanto, anche se seguite una dieta di estrazione evoluzionistica come la paleo, ma sgarrate una volta a settimana gozzovigliando con gli amici, avrete per tutto l’anno un eccesso di LDL facilmente ossidabili che possono formare placche aterogene.

Un parametro fondamentale per la salute: il rapporto fra trigliceridi e colesterolo HDL (Tg/Hdl-C)

Andiamo avanti…

Mangiare grano e zuccheri potrebbe innescare la famosa infiammazione “silente” o di “basso grado“.

Termine inventato dal grande biochimico Barry Sears.
Voi vi sentite discretamente bene ma il vostro corpo è infiammato cronicamente…
Nei casi migliori avrete problemi gastrointestinali, in altri casi autoimmunità, problemi al pancreas, al fegato, cancro… 

Le interviste di evolutamente.it: Barry Sears

Andiamo avanti…

Il grano modifica in negativo la flora batterica intestinale. Potrete essere costipati o avere la diarrea, disturbi del sonno, depressione, ansia. Ma nei casi peggiori potrete contrarre malattie autoimmuni, cancro al colon…
Diverticoliti…

LA SENSIBILITA’ AL FRUMENTO ERA SOLO NELLA MENTE DELLE PERSONE?

E questa è solo una lista parziale! CON EFFETTI CUMULATIVI!
Mangiando grano ci vorranno anni ed anni perchè questi problemi si possano manifestare e voi MAI E POI MAI penserete che la causa possa essere stata proprio il suo consumo!… Del resto li avete mangiate per 30-40-50 e siete stati benissimo… Magari siete anche arrivati a 90-100 anni…
Magari, forse. chissà! Ci sareste potuti arrivare più sani ed in forma.

(Visited 12 times, 1 visits today)
Angelo

Angelo

Angelo 50 anni, ingegnere, papà di una bellissima figlia, ex ciclista e triatleta agonista con alcuni risultati apprezzabili. Dal 2004 ha sperimentato su se stesso la dieta paleo abbinata allo sport di endurance e seguito decine di altre esperienze analoghe su, forum tematici, di altri atleti ed appassionati come lui. Uno degli organizzatori dell'evento "paleomeeting", past president, attuale segretario e socio fondatore del SIMNE (Società Italiana di Medicina e Nutrizione Evoluzionistica)

Serie: sfatiamo i miti dietetici n.2. Proteine e salute ossea.