Ma davvero gli allevamenti aumentano le emissioni di metano che causano il riscaldamento globale come asseriscono i vegetariani ed i vegani?

Scritto da Angelo

Categorie: Nutrizione | Pillole | Salute

11 Novembre 2016

Ma davvero gli allevamenti aumentano le emissioni di metano che causano il riscaldamento globale come asseriscono i vegetariani ed i vegani?

Di Angelo.

decline

Della serie smontiamo i miti dei Vegani-Vegetariani.
 
Dichiarazione dei vegetariani: gli allevamenti provocano il riscaldamento globale (Global Warming)!!!!
 
Risposta:
Un’analisi approssimativa e per difetto (riferimento a tergo) stima che, NEL SOLO Nord America, nel periodo pre-allevamenti domestici-industriali, le emissioni di Metano ed Anidride Carbonica, dei soli ruminanti selvatici, era sovrapponibile alle emissioni del numero di ruminanti totali odierni.
 
Eppure il clima era incontaminato ed il fenomeno del riscaldamento globale non esisteva.
INCREDIBILE VERO? Ma chi l’avrebbe mai detto…

Con questo non voglio dire che la carne da allevamenti intensivi di bestie alimentate a cereali e soia faccia bene! Anzi credo possa essere una minaccia per la salute pubblica. Auspico però un ritorno massiccio al pascolo libero.
Gli animali ne beneficeranno ed anche la nostra salute oltre che il pascolo tratterrà gran parte della CO2, come, tra le altre cose, vedremo in prossimi articoli.
Mi chiedo tuttavia… Non è forse invece l’agricoltura intensiva a soia e cereali, che, disboscando ed impoverendo i terreni agricoli di tutto il mondo, causa il global warming?

Secondo me:

è più facile per un cammello passare attraverso la cruna di un ago… Che rispondere SERIAMENTE a questa lecita domanda….

Riferimento:
Journal of Animal Science 2011
Historic, pre-European settlement, and present-day contribution of wild ruminants to enteric methane emissions in the United States
A. N. Hristov
Link: full text

Articoli recenti…

FOTOBIOMODULAZIONE E LUCE BLU

FOTOBIOMODULAZIONE E LUCE BLU

Dopo anni di divulgazione e migliaia di copie vendute dal best seller “INSONNIA: IL MALE DEL NUOVO SECOLO”, in cui si...