close
Staffan Lindeberg: lo studio Kitava.

Staffan Lindeberg: lo studio Kitava.

Di Staffan Lindeberg

Traduzione e premessa: Angelo

Premessa
Abbiamo appreso con immenso dolore, alla fine dell’anno appena passato, dell’improvvisa scomparsa del prof. Staffan Lindeberg, uno dei padri fondatori della dieta “paleo“, ed autore della pietra miliare/studio Kitava di fine anni ’80.
Lo staff di evolutamente.it per ricordare il professore e grande maestro traduce, a beneficio dei lettori italiani, il report della Sua esperienza in queste remote isole.
L’importanza di questo studio è notevole in quanto si scopre che la salute dell’homo sapiens si trova grazie alla vita all’aria aperta, essere attivi e, soprattutto, al cibo vero.

Si esce dalla fredda ed inutile logica della ripartizione di macronutrienti fatta oggi dalla Medicina/Dietologia Ufficiale e si passa l’attenzione al cibo, nella sua integrità!

Infatti i Kitaviani, a differenza di altre popolazioni primitive, che basano la loro alimentazione sulle proteine animali, vivendo su un’isola, devono “accontentarsi” soprattutto da cibi del mondo vegetale. Pertanto la loro alimentazione è basata sui carboidrati (circa 80%!). Eppure stanno benissimo e sono in completa forma fisica.

Le nostre sentite condoglianze alla famiglia.

staffan3

Durante un inventario del 1989, abbiamo trovato documenti riguardanti quello che sembra essere una delle ultime popolazioni della Terra con abitudini alimentari del tutto sovrapponibili a quelle dei primi Homo sapiens nel loro habitat originario dell’isola di Kitava, una delle isole Trobriand nell’arcipelago di Papua Nuova Guinea. Il popolo Trobriander era stato accuratamente studiato da antropologi sociali ed etologi, come Malinowski, Powell, Weiner e Schiefenhövel [1-20], ma i rapporti medici erano pochi [21, 22].

Nessuna indicazione di malattia coronarica

Abbiamo notato l’assenza di morte cardiaca improvvisa e dolore toracico retrosternale da sforzo tra i 2.300 abitanti di Kitava (il 6% dei quali avevano età comprese tra 60 e 95 anni), così come tra le rimanenti 23.000 persone sulle isole Trobriand [23, 24].

C’era anche un discreto numero di residenti più anziani e, nessuno di questi, mostrava segni di demenza o di scarsa memoria; gli unici casi di morte improvvisa che i residenti potessero ricordare erano incidenti come annegamento o cadute da alberi di cocco. Alcuni omicidi si erano verificati durante conflitti per il possesso di terreni o litigi. Le principali cause di morte erano le infezioni (soprattutto la malaria), gli incidenti, le complicazioni in gravidanza e la vecchiaia, il che è in accordo con i risultati per le altre popolazioni simili. La mortalità infantile per malaria e altre infezioni era relativamente alta e la vita media era di circa 45 anni. L’aspettativa di vita residua a 45 anni di età era più difficile da determinare, ma poteva essere simile a quella svedese (Lindeberg lavora in Svezia). Il numero di persone esaminate con un ECG era troppo piccola (n = 171) per essere certi di trarre conclusioni chiare, ma se questi dati si sommano a quelli di due studi simili sulle popolazioni tradizionali melanesiani, possono fornire una conferma per dichiarare l’assenza di cardiopatia ischemica sull’area [25, 26].

staffan1

Le nostre stime sulla longevità erano basate su noti eventi storici: (1) L’arrivo di Cirillo Cameron, un uomo bianco dalla Tasmania, che fondò una fattoria di cocco nel 1912 e rimase sull’isola fino alla sua morte, (2) l’occupazione militare americana e australiana durante la seconda guerra mondiale 1942-43, (3) La fondazione di una scuola elementare nel 1962, e (4) la morte di Cameron e la sua sepoltura sull’isola nel 1966. Tutti gli abitanti con oltre 35 anni di età ricordava chiaramente uno o più dei questi eventi o per loro esperienza personale o da informazioni di parenti e amici. La persona più anziana in vita, durante l’indagine, è stata una donna di 96 anni e, durante una visita precedente, era stato intervistato un uomo di 100 anni.

Non ci sono prove che suggeriscono che le persone che sono morte prima dei 60 anni avrebbero mai sofferto di malattie cardiovascolari. Anche se le infezioni batteriche potrebbero essere possibili co-fattori per l’aterosclerosi, le infezioni che possono essere trattati con antibiotici, l’idea che l’uso attuale di antibiotici nelle società occidentali sarebbe efficace a prevenire le malattie ischemiche del cuore prima dei 60 anni non è plausibile considerando la notevole prevalenza di aterosclerosi in questa parte del mondo (vedi capitolo 4.3). Inoltre, i nostri risultati non possono essere spiegati postulando che la verità non siano state esposte. Le più gravi malattie che in realtà si siano mai verificate sono stati descritti accuratamente e in modo identico per ciascuno dei vari villaggi. Questo ci ha offerto un certo grado di controllo della qualità.
I residenti anziani del Kitava generalmente rimangono molto attivi fino alla fine dei loro giorni, quando cominciano a soffrire la fatica per qualche giorno e poi morire da quello che sembra essere un’infezione o un certo tipo di rapida degenerazione. Anche se questo è visto nelle società occidentali, è relativamente rara in anziani vitali. La qualità della vita tra i più anziani abitanti così sembrava essere buona nelle isole Trobriand.

staffan2
I principali risultati dello studio Kitava sono: che non vi è alcuna cardiopatia ischemica sono confermate all’unanimità da esperti medici con conoscenze delle Isole Trobriand o altre parti della Melanesia. Allo stesso modo, Jüptner non ha notato alcun caso di angina pectoris, infarto miocardico o morte improvvisa durante i suoi 5 anni come un medico di provincia sulle isole dall’inizio del 1960, quando la popolazione era di circa 12.000 abitanti. (Jüptner H, dati non pubblicati). La sua esperienza si basa in parte su pazienti che lo hanno visitato a causa di malattia e, in parte, da esami sanitari sistematici riportati in tutti i diversi villaggi in tre momenti diversi. La stessa osservazione è stata fatta da Schiefenhövel, medico ed etologo dal Max Planck Institute di Monaco di Baviera (Schiefenhövel W, dati non pubblicati). Questo scienziato parla la lingua del Trobriand, il Kilivila, e ha la sua capanna sulla Kaileuna, una delle isole Trobriand, dove ha esaminato quasi 3.000 pazienti durante le sue visite ripetute nel corso di quasi 15 anni. Come Jüptner, lui è molto familiare con la natura delle malattie cardiovascolari e non ha mai visto alcun caso di malattia.

4644ffd0-56a8-4ba1-9b35-f8a6a4f04a63
I residenti di Kitava si alimentano in particolare con radici vegetali (yam, patate dolci, taro, tapioca), frutta (banane, papaia, ananas, mango, guava, melone d’acqua, zucca), verdure, pesce e noci di cocco [27-29]. Meno dello 0,2% delle calorie proveniva da cibo occidentale, come i grassi commestibili, prodotti lattiero-caseari, zucchero, cereali e alcol, rispetto a circa il 75% in Svezia [30]. L’apporto di vitamine, minerali e fibre solubili era quindi molto elevato, mentre il consumo totale di grassi era basso, circa il 20% e [28]; il consumo di sale (40-50 mmol Na/10 MJ rispetto 100-250 in Svezia). Dato l’elevato livello di consumo di cocco, i grassi saturi costituivano una porzione altrettanto grande della apporto calorico complessivo come avviene in Svezia. Tuttavia, l’acido laurico è l’acido grasso saturo dominante al contrario dell’acido palmitico in Svezia. La malnutrizione e la fame non sembrano verificarsi.

I prossimi articoli che, probabilmente tradurremo, saranno su:

  • Nessuna indicazione di ictus, diabete, demenza o insufficienza cardiaca congestizia
  • No sovrappeso
  • Ottima la pressione sanguigna
  • No acne

E, probabilmente, altro

Riferimenti:

http://www.staffanlindeberg.com/TheKitavaStudy.html

1. Malinowski, B. Baloma: The Spirits of the Dead in the Trobriand Islands. J Royal Anthropol Inst, 1916; 46: 353-430
2. Malinowski, B. Kula: The Circulating Exchange of Valuables in the Archipelagoes of Eastern New Guinea. Man, 1919; 20: 97-105
3. Malinowski, B. Argonauts of the Western Pacific. 1922, London: Routledge & Kegan Paul Ltd.
4. Malinowski, B. Magic, Science and Religion, in Science, Religion and Reality, J. Needham, Editor. 1925, Routledge & Kegan Paul Ltd: London.
5. Malinowski, B. Myth in Primitive Psychology. 1926, London: Routledge & Kegan Paul Ltd.
6. Malinowski, B. Sex and Repression in Savage Society. 1927, London: Routledge & Kegan Paul Ltd.
7. Malinowski, B. The Sexual Life of Savages in Northwestern Melanesia. 1929, London: Routledge & Kegan Paul Ltd.
8. Malinowski, B. Coral Gardens and their Magic. Vol. 1-2. 1935, London: George Allen & Unwin Ltd.
9. Mead, M. Sex and Temperament in Three Primitive Societies. 1935, New York: William Morrow and Company, Inc.
10. Powell, HA. An Analysis of Present-day Social Structure in the Trobriand Islands. 1956, University of London.
11. Powell, HA. Competitive Leadership in Trobriand Political Organization. J Royal Anthropol Inst, 1960; 90: 118-145
12. Powell, HA. Geneaology, Residence and Kinship in Kiriwina. Man, 1969; 4: 177-202
13. Powell, HA. Territory, Hierarchy and Kinship in Kiriwina. Man, 1969; 4: 580-604
14. Weiner, AB. Women of Value, Men of Renown. 1976, Austin: University of Texas Press.
15. Weiner, AB. The Trobrianders of Papua New Guinea. 1988, New York: Holt, Rinehart and Winston.
16. Montague, S. The Trobriand society. 1974, University of Chicago.
17. Schiefenhövel, W. Die Geburt aus ethnomedizinischer Sicht. Curare, 1983; 6: 143-50
18. Schiefenhövel, W, Schuler, J, and Pöschl, R. Traditionelle Heilkundige — Ärztliche Persönlichkeiten im Vergleich der Kulturen und medizinischen Systeme. Vol. 6. 1986, Braunscweig u. Wiesbaden: Vieweg. 143-50.
19. Schiefenhövel, W and Bell-Krannhals, I. Wer teilt, hat Teil an der Macht: Systeme der Yams-Vergabe auf den Trobriand Inseln, Papua-Neuguinea. Mitteilungen der Anthropologischen Gesellschaft in Wien, 1986; 116: 19-39
20. Siegmund, R, Beirmann, K, and Schiefenhövel, W. Ontogenic development of time patterns in food intake — a study of German infants and preliminary data from Trobriand infants (Papua New Guinea). J Interdiscipl Res, 1990; 21: 246-8
21. Jüptner, H and Quinell, C. Epidemiological observations during a measles epidemic in the Trobriand Islands (Papua). Med J Aust, 1965; 1: 538-40
22. Stanhope, JM. Mortality and population growth: Losuia area, Kiriwina, Trobriand Islands. Papua New Guinea Med J, 1969; 12: 42-48
23. Lindeberg, S and Lundh, B. Apparent absence of stroke and ischaemic heart disease in a traditional Melanesian island: a clinical study in Kitava. J Intern Med, 1993; 233: 269-275
24. Lindeberg, S. Apparent absence of cerebrocardiovascular disease in Melanesians. Risk factors and nutritional considerations – the Kitava Study. 1994, University of Lund.
25. Sinnett, PF and Whyte, HM. Epidemiological studies in a total highland population, Tukisenta, New Guinea. Cardiovascular disease and relevant clinical, electrocardiographic, radiological and biochemical findings. J Chronic Dis, 1973; 26: 265-90
26. Page, LB, Damon, A, and Moellering, RJ. Antecedents of cardiovascular disease in six Solomon Islands societies. Circulation, 1974; 49: 1132-46
27. Lindeberg, S, Nilsson-Ehle, P, and Vessby, B. Lipoprotein composition and serum cholesterol ester fatty acids in nonwesternized Melanesians. Lipids, 1996; 31: 153-8
28. Lindeberg, S and Vessby, B. Fatty acid composition of cholesterol esters and serum tocopherols in Melanesians apparently free from cardiovascular disease – the Kitava study. Nutr Metab Cardiovasc Dis, 1995; 5: 45-53
29. Lindeberg, S, Nilsson-Ehle, P, Terént, A, Vessby, B, and Scherstén, B. Cardiovascular risk factors in a Melanesian population apparently free from stroke and ischaemic heart disease — the Kitava study. J Intern Med, 1994; 236: 331-340
30. Becker, W. Svensk kost. 1982, Uppsala: Statens Livsmedelsverk.

(Visited 252 times, 1 visits today)
Angelo

Angelo

Angelo 49 anni, ingegnere, papà di una bellissima figlia, ex ciclista e triatleta agonista con alcuni risultati apprezzabili. Dal 2004 ha sperimentato su se stesso la dieta paleo abbinata allo sport di endurance e seguito decine di altre esperienze analoghe su, forum tematici, di altri atleti ed appassionati come lui.

PROPOSTA MENÙ DI NATALE: PUMPKIN ICE-CREAM

Insalata di salmone affumicato e melagrana