close
LO SCHIAVO MODERNO – IL BAMBINO

LO SCHIAVO MODERNO – IL BAMBINO

21 Nov 2018il bambinolo schiavo1022Visualizzazioni

L’altro giorno ho letto questo magistrale articolo di Danele Reale che non conosco e che rappresenta al 100% la vita di un impiegato di medio-alto livello in ufficio.
Lo testimonio in prima persona dato che ho lavorato 20 anni in aziende multinazionali.
Veramente triste ammettere che alcuni giorni ero esattamente così.. Per fortuna solo alcuni giorni.

L’articolo

Ma come si diventa schiavi moderni alienati?

Si parte ovviamente da bambini… E quello che succede oggi e 1000 volte peggiore di quello che accadeva nei miei tempi.
Mi ispiro alla giornata tipo di una bimba a me cara, sulla quale ho un controllo MINIMALE. Storia vera dunque!

Sveglia alle 7 già sotto potenti luci artificiali LED invece che tenui lampade ad incandescenza o, meglio ancora, la luce del sole che filtra dalle finestre…
Colazione con latte e biscotti del Mulino Bianco… Come consigliato dalla pediatra.
Latte rigorosamente a lunga conservazione, ultrapastorizzato. In pratica acqua fresca con aggiunta di ormoni insulinotropici.
Lavaggio (UDITE UDITE!!!! Per fare prima e perchè non si vuole lavare. Ha freddo con già probabili disfunzioni tiroidee) con salviette inumidite con improbabili disinfettanti tossici zeppi di interferenti endocrini e distruggenti il naturale microbioma della pelle. Ben passati sotto le ascelle e nelle parti intime.
Lavaggio dei denti con dentifricio ricco di fluoro neurotossico.
Vestizione a 20 strati perchè per le mamme apprensive è sempre freddo… In pratica il suo corpo è insensibile alle stagioni e stranamente ha la bronchite semi-cronica… Oltre a dermatiti varie…
Viaggio di 2 minuti (2 MINUTI!!!!!) in auto per la scuola-lager invece di fare almeno una passeggiata dato che la scuola è a 500 metri… In pratica vede il sole 10 secondi dal portone all’auto e 10 secondi dall’auto alla classe.

Nel LAGER: tapparelle serrate e luci neon a palla. Inondazione luce blu ed effetto flicker per 5 ore continue.
Ore 11 merendina industriale “ultra-nutriente”.
Indottrinamento continuato come lavaggio del cervello a cosa fare e come comportarsi da grandi. Si parte dalla favola della formica e della cicala, spiegando per bene che bisogna comportarsi come le formiche. Ovvero lavorare, lavorare, lavorare e poi accumulare, accumulare, accumulare… Peccato che non siamo nè formiche nè cicale…
Lettura dei fatti storici edulcorata/stravolta…

Di tutto questo le maestre sono perfettamente integrate nel sistema e soprattutto inconsapevoli… Ed hanno tutta la mia personale humana pietas.

A quel punto si esce di classe per 20 secondi al sole e si va a mangiare dai nonni (in pensione che attendono solo la domenica per fare una gita, insieme alla morte), perchè la mamma (ed il papà) in “carriera” ha da fare…
Per cui continua la vita da lager chiusi in casa.

Piattone di pasta (perchè fa bene), insalata (anche questa fa bene) e magari della carne rigorosamente di supermercato ricca di proinfiammatori omega 6.
Che deve mangiare tutta così dopo, per ricompensa, avrà il kinder! E vai!
Una bella lattina di coca-cola come bevanda.

Si prosegue con TV un’oretta (ulteriore luce blu). Poi studio 30 minuti al massimo.
Poi le si mette in mano un tablet o un videogioco a mo’ di babysitter e la giornata va avanti…
Merenda “nutriente” alle 17, magari dei gustosi cracker… Accompagnati da succo di frutta rigorosamente industriale addizionato di fruttosio per renderlo più appetibile…

Poi si torna a giocare ai videogames sul tablet sparato negli occhi. Sia mai toglierglielo altrimenti diventa matta!
(c’è qualcosa che non mi torna)…

2 volte a danza in uno SCANTINATO… Un po’ di movimento bisogna pur farlo…

Poi passa la mamma/papà esausta, frustrata e sempre incazzata a prenderla (che ha fatto più o meno la vita dello schiavo di sotto) e la porta a casa…
Pigiama in pile (sia mai prendesse freddo) e 3 volte più grande (così va bene anche quando cresce e si risparmia)…
TV e videogiochi fino a cena.
La bimba va accontentata sempre! Tutti i giochi che vuole… Così non scassa il cazzo.

Cena sempre molto varia perchè così dice la TV…
Una volta mozzarella di supermercato, un’altra il fritto (già pronto da tirare fuori dalla busta), un’altra ancora il pollo di batteria, poi si prosegue con il martedì svago al McDonald’s! Venerdì sogliola congelata e fetida di glutammato. Una volta un uovo cat. 3 fritto nell’olio di oliva da 2 euro…

Tutto preciso, sempre uguale. Tutto si ripete. Così deve andare avanti la vita…
Tanto pane che fa bene…
Alle 21.30 ESATTE si va a dormire…

Qualche ora d’aria forse e solo se il tempo è STUPENDO il sabato e/o la domenica.

Ricapitolando:

– 40 secondi di luce solare su 24 ore
– tutti i vaccini fatti, con richiami e quant’altro. Esattamente come il gatto o il cane
– indottrinamento continuo
– socialità, oltre alla scuola: ZERO
– lettura libri ZERO
– interferenti endocrini e neurotossine
– videogames e tablet alla grande, per alienare
– cibo plastificato

Ecco come si crea il super-schiavo del futuro. Stupido, obbediente, malato cronico, debole ma dalla vita lunga, condizionato dal consumismo inutile e superfluo…
Schiavo, che crede di essere libero…
Libero di distruggere famiglie inseguendo folli sogni di libertà ed emancipazione che ha inculcato in lui/lei il “sistema”…
Con lo scopo di rendere le cose ancora più confuse e farci essere ancor di più fragili e controllabili…

Buona giornata a tutti.

Angelo Rossiello

(Visited 861 times, 1 visits today)
Angelo

Angelo

Angelo 50 anni, ingegnere, papà di una bellissima figlia, ex ciclista e triatleta agonista con alcuni risultati apprezzabili. Dal 2004 ha sperimentato su se stesso la dieta paleo abbinata allo sport di endurance e seguito decine di altre esperienze analoghe su, forum tematici, di altri atleti ed appassionati come lui. Uno degli organizzatori dell'evento "paleomeeting", past president, attuale segretario e socio fondatore del SIMNE (Società Italiana di Medicina e Nutrizione Evoluzionistica)

Fai una vita contro natura? Forse è meglio che tu legga quest’articolo…

Il “Social Jet Lag” fa più danni della peste bubbonica.