close
L’infiammazione spiegata in modo semplificato.

L’infiammazione spiegata in modo semplificato.

21 Gennaio 2018infiammazione4547Visualizzazioni

Sebbene l’infiammazione abbia una connotazione negativa, è in realtà un normale fenomeno di sopravvivenza caratterizzato dal reclutamento (attivazione) di varie cellule del sistema immunitario. L’obiettivo è quello di proteggerci dagli agenti infettivi (come virus e batteri), tossine e altri insulti ed iniziare i processi di riparazione dopo un infortunio (es. distorsione alla caviglia, chirurgia del naso, ecc.).

del prof. Pedro Carrera Bastos
Traduzione: Angelo.

Le cellule reclutate avranno un maggiore fabbisogno di energia e di nutrienti. Questo porterà ad una competizione per le risorse tra il sistema immunitario, molti altri organi e sistemi del corpo umano (come il muscolo, il tessuto adiposo e il cervello, tra gli altri) .

Pertanto, possono occorrere vari cambiamenti metabolici, neurologici e ormonali per allocare più energia e sostanze nutritive al sistema immunitario, attivato o meno, così agli altri organi; mentre allo stesso tempo diminuisce la disponibilità di alcuni nutrienti che vanno agli organismi infettivi (come il ferro, che nutre i batteri).

Queste alterazioni includono:

  1. Resistenza all’insulina. Affinché le cellule muscolari e del tessuto adiposo ricevano abbastanza glucosio per adempiere a molte delle loro funzioni, l’insulina (un ormone prodotto e secreto dal pancreas) dovrà entrare in contatto con i recettori specifici di quelle cellule. Facendo così, proprio come un messaggio di testo, attiverà una risposta da parte delle cellule muscolari e del tessuto adiposo. Per farla breve, per questa risposta è fondamentalmente un aumento del consumo di glucosio. Questo pone un problema, perché anche le cellule immunitarie reclutate necessitano di glucosio. La soluzione è l’insulino-resistenza selettiva nelle cellule del muscolo e del tessuto adiposo. Questa resistenza al messaggio dell’insulina ridurrà l’assorbimento di glucosio da parte del muscolo e del tessuto adiposo, aumentando così l’apporto di questo importante zucchero al sistema immunitario.
  2. Perdita di massa muscolare. Un altro nutriente importante per le cellule immunitarie attivate è l’amminoacido glutammina (ricorda che un amminoacido è l’unità strutturale di base di una proteina). Poiché il muscolo è un importante serbatoio di glutammina e di vari altri amminoacidi (alcuni dei quali possono essere utilizzati dal fegato per produrre glucosio), l’infiammazione porterà alla perdita di proteine ​​muscolari, che aumenta l’allocazione di glutammina e glucosio al sistema immunitario.
  3. Minore disponibilità di ferro e zinco, al fine di evitare l’uso di questi minerali da parte di organismi patogeni, come i batteri.
  4. Perdita di minerali ossei. Il calcio e il fosfato sono due importanti minerali rilasciati dall’osso per “alimentare” le cellule immunitarie attivate.
  5. Aumento della coagulazione. Parte della complessa risposta infiammatoria a traumi e lesioni comporta l’attivazione di meccanismi che aumentano la coagulazione, al fine di ridurre la perdita di sangue.
  6. Livelli ridotti di vitamina D. L’infiammazione porta a una riduzione dei livelli ematici di vitamina D, presumibilmente a causa del suo ruolo potenziale nella downregolazione del reclutamento di cellule immunitarie “pro-infiammatorie”.
  7. Diminuzione dei livelli di testosterone. Poiché l’infiammazione è fondamentale per la sopravvivenza e ha un’elevata domanda di energia, tutte le funzioni corporee che necessitano di energia e non importanti per la sopravvivenza a breve termine, come la riproduzione, verranno messe in stand-by. Poiché il testosterone influisce sulla libido e sulla fertilità, aumentando le possibilità di riproduzione, l’infiammazione diminuirà il testosterone, al fine di reindirizzare la maggior quantità possibile di energia e sostanze nutritive nel sistema immunitario.
  8. Diminuzione dei livelli di vitamina B6. L’assorbimento di vitamina B6 da parte delle cellule immunitarie attivate aumenta durante l’infiammazione, poiché è necessario per varie funzioni. Pertanto, i suoi livelli ematici diminuiscono significativamente.
  9. Sintomi depressivi. L’infiammazione induce cambiamenti neurologici che riducono il nostro desiderio di svolgere le normali attività quotidiane di base. Questo è chiamato “comportamento da malattia” e assomiglia alla depressione. Lo scopo di questo è di ridurre il dispendio energetico da parte del cervello, dei muscoli e di altri organi, aumentando così l’allocazione delle risorse al sistema immunitario attivato.
  10. Il sonno peggiora. L’infiammazione diminuisce il sonno profondo, chiamato anche sonno REM (rapido movimento oculare), perché richiede una quantità significativa di energia. Ciò non solo diminuisce il dispendio energetico del cervello, ma porta anche alla fatica, aumentando così la quantità di tempo a letto durante il giorno, che preserva ulteriormente l’energia per il sistema immunitario.

Se rimangono incontrollate, tutte queste perturbazioni indotte dall’infiammazione possono compromettere la nostra salute, il benessere, la sopravvivenza e la riproduzione. Questo è il motivo per cui una risposta infiammatoria normale e sana deve essere sempre limitata nel tempo e deve risolversi in pochi giorni, una volta che il grilletto cessa e/o si è verificato il processo di guarigione.

Tuttavia, l’obesità viscerale e lo stile di vita moderno (inattività fisica, stress cronico, sonno insufficiente, esposizione a vari xenobiotici e l’adozione di una dieta occidentale, tra gli altri) attivano numerosi percorsi infiammatori, portando a uno stato di infiammazione cronica di basso grado, che innescano i meccanismi di sopravvivenza descritti. Questo può portare alla sindrome metabolica, al diabete di tipo II, alle malattie cardiovascolari, alla sarcopenia, all’osteopenia, a varie deficienze nutrizionali, a problemi di sonno e depressione tra le altre malattie e disturbi. Inoltre, l’infiammazione cronica viene sempre più riconosciuta come un meccanismo universale nelle malattie autoimmuni, vari tipi di cancro e malattie neurodegenerative.

Lo staff di evolutamente ringrazia il prof. Pedro Carrera Bastos per aver acconsentito alla traduzione di un suo importante scritto per il nostro blog.

(Visited 1.634 times, 1 visits today)
Angelo

Angelo

Angelo 50 anni, ingegnere, papà di una bellissima figlia, ex ciclista e triatleta agonista con alcuni risultati apprezzabili. Dal 2004 ha sperimentato su se stesso la dieta paleo abbinata allo sport di endurance e seguito decine di altre esperienze analoghe su, forum tematici, di altri atleti ed appassionati come lui. Uno degli organizzatori dell'evento "paleomeeting", past president, attuale segretario e socio fondatore del SIMNE (Società Italiana di Medicina e Nutrizione Evoluzionistica)

Pane di castagne

Allenarsi all’aria aperta d’inverno o in estate per il dispendio energetico?