close
Le interviste di Evolutamente.it: Adriano Panzironi.

Le interviste di Evolutamente.it: Adriano Panzironi.

Le grandi interviste del nostro blog si arricchiscono in modo importante con quella di un giornalista che, con il suo incredibile lavoro, si propone di cambiare la storia della medicina.

Autore ed ideatore del libro/best seller “vivere 120 anni” e del metodo “life 120”, ora è impegnato in una serie di trasmissioni TV sul digitale terrestre al canale 128 che vanno in onda tutte le domeniche in prima serata dal nome “il cerca salute” e che vi invito a seguire e che stanno rivoluzionando la medicina. Tutte le trasmissioni sono in replica in streaming sul canale YouTube: life120 channel.

Diamo il benvenuto ad Adriano Panzironi!

Angelo: Adriano come stai? Per noi è un grande onore poterti intervistare. Devo farti i miei più vivi complimenti per il lavoro pazzesco che stai svolgendo. La chiarezza della esposizione e la semplicità con cui spieghi le cause delle varie malattie moderne è assolutamente sconcertante e, ogni volta, mi lascia letteralmente a bocca aperta.

Adriano: Grazie Angelo molto bene. L’onore è tutto mio, vista l’importanza del tuo blog nel mondo paleo. Devo dirti che questo modo di comunicare, semplice e comprensibile a tutti, è lo stesso che ho usato nello scrivere il mio libro ”vivere 120 anni”, proprio perché ritengo che se si vuole cambiare il proprio stile di vita si possa farlo solo se si è diventa consapevoli. Quindi l’informazione accessibile a tutti è la chiave di questa consapevolezza necessaria.

Angelo:  Puoi darci un breve excursus della tua carriera professionale? Di cosa ti occupi oggi?

Adriano: Io nasco giornalista quando avevo 17 anni, infatti ho iniziato a scrivere come corrispondente di cronaca per il quotidiano “il tempo”. Poi insieme a mio fratello Roberto e al sig. Dionisi ( che è il presentatore de ”il cerca Salute” ) abbiamo fondato un gruppo di 7 giornali quindicinali che distribuivano 150.000 copie mensili, insomma gli antenati di giornali quali  Leggo e City.

Certamente la storia da  raccontare è molto lunga, ma quando ho compiuto 40 anni, insieme a mio fratello Roberto, abbiamo approfondito l’argomento della salute, ed ho deciso di scriverci un libro.

Angelo: puoi descriverci una tua giornata tipo? Ti alleni?

Adriano: da settembre scorso inizio a lavorare dalle 9 di mattina fino alla mezzanotte per studiare e scrivere le puntate che vedete in onda tutte le domeniche sera. Però prima di questo mi allenavo 3/4 volte settimana in sala pesi per non più di 1 ora a seduta.

Angelo: da dove nasce il metodo “life 120”? Come ci sei arrivato?

Adriano: Il life 120 nasce da un’esigenza personale, la mia salute che arrivato a 40 anni non era più accettabile. Problemi di allergia importanti, mal di testa ricorrenti, aumento di peso eccetera. Quindi da qui nasce la voglia di approfondire l’argomento salute insieme a mio fratello Roberto. Quando mi sono accorto che la medicina ufficiale ci stava raccontando il contrario della verità, ho deciso di scrivere questo libro che ha come sotto titolo proprio “le verità che nessuno vuole raccontarti”.

Angelo: Come mai sei ancora “colesterofobico” nonostante le più recenti ricerche abbiamo puntato il dito più sull’infiammazione che sui livelli alti di colesterolo di per se?

Adriano: Angelo infatti non lo sono. In molte puntate ho precisato che il problema del colesterolo sopra di 200 mg/dl è un falso problema, perchè il vero rischio della formazione degli ateromi va attribuito all’ossidazione delle LDL e al cattivo stato dell’endotelio arterioso. Però dal punto di vista della comunicazione è più facile far passare il concetto “togli la pasta e il colesterolo scende” che dire “ non ti preoccupare se il colesterolo è alto”. Anche perchè chi toglie i carboidrati di solito vede scendere il colesterolo totale, ridurre le LDL ed aumentare le Hdl.

Lisa: parli sempre dei danni dei cosiddetti carboidrati insulinici. Cosa ne pensi tuttavia dei tuberi ed, in particolare, delle patate?

Adriano: Ne penso male almeno quanto di cereali e  dei legumi. Inoltre le patate hanno una percentuale di proteine solo del 2%, sono ricchissime di zuccheri anche di veloce assimilazione.

Angelo: premesso che sono assolutamente d’accordo con te, come mai consigli “poca frutta”?

Adriano: Per veri motivi. Il primo è perchè di solito chi lascia pane, pasta, pizza, riso, legumi, patate e mais, si butta sulla frutta per assecondare la sua dipendenza dai carboidrati. Il secondo motivo è che ha comunque il 15% di zuccheri quindi meglio evitarla, salvo al mattino dopo un pasto proteico.

Chiara: nella tua trasmissione consigli l’uso delle spezie per il loro alto potere antiossidante. Quali spezie sono le tue preferite e di cui non potresti fare a meno?

Adriano: chiodi di garofano, curcuma, zenzero, cannella, origano. Per questo li abbiamo messi in un integratore.

Angelo: mi sembra che il metodo “life 120” sia una sorta di dieta Weston Price senza amidi e con l’aggiunta di alcuni integratori. In cosa si differenzia il metodo dalle altre diete di natura evoluzionistica e, secondo te, quali valori aggiunti porta?

Adriano: E’ il concetto che è del tutto diverso. Le diete evoluzionistiche partono dall’idea che bisogna mangiare il cibo dell’uomo primitivo, con la piccola contraddizione che non solo quel cibo non esiste più, ma non esiste più nemmeno l’habitat dello uomo primitivo. Quindi l’approccio a mio modesto parere deve essere un altro: visto che i cibi più adatti all’uomo non sono  più disponibili nelle caratteristiche che madre natura  ci aveva donato, come possiamo oggi, con le conoscenze attuali sopperire a queste carenze di nutrienti o eccessi di sostanze dannose, per fare in modo che questi  cibi possano farci solo del bene ? E poi come contrastare gli effetti dannosi del nostro stile di vita moderno?
Poi si apre il discorso della longevità, perchè oggi abbiamo le conoscenze che ci permettono  prolungare la nostra vita riducendo l’attività del radicali liberi.
Il maggior valore aggiunto dello stile di vita life 120 è proprio l’integrazione che ci permette di contrastare più efficacemente le patologie e vivere più a lungo.

Angelo: quali integratori reputi imprescindibili in questo mondo moderno?

Adriano: omega 3, vitamina c, vitamina d, estratti antiossidanti, melatonina, estratti inibitori del cortisolo e multivitaminici e minerali.

Angelo: cosa ne pensi del nostro blog? Lo leggi ogni tanto?

Adriano: mi piace essere sincero, prima qualche volta lo leggevo, ora dedico tutto il mio tempo alle ricerche per scrivere le puntate de “il cerca salute”. In ogni caso ti faccio i miei complimenti tramite il tuo blog aiuti le persone a diventare consapevoli. L’unico problema è che le persone che avrebbero davvero bisogno di queste informazioni sono  gli over 50, molti dei quali non usano internet, ecco il motivo che mi ha spinto a produrre il programma “il cerca salute”.

Angelo: io, Flavio Leonori, Emidio Troiani e Gianfranco Greco stiamo organizzando il paleomeeting, la più grande festa di tutta la comunità “paleo” in Italia. L’evento si svolgerà a Rimini il 14 maggio prossimo. Possiamo avere il tuo “endorsment”?  Oggi va tanto di moda…

Adriano: Certamente. Avete tutta la mia stima per il coraggio che state dimostrando nell’organizzare questi meeting. La maggior parte delle persone non si immagina neppure quanto lavoro ci sia dietro questi eventi, quanta abnegazione serva per far riuscire queste conferenze, con il rischio anche molto alto che oltre a perdere il proprio tempo, si perdano anche molti soldi.

Angelo:  grazie, carissimo Adriano per il tuo impegno e per la disponibilità a quest’intervista! Ci vediamo presto!

Ricordiamo che esiste anche un gruppo numeroso su facebook dove potete interagire con Adriano: qui

Le grandi interviste del nostro blog!

(Visited 1 times, 1 visits today)
Angelo

Angelo

Angelo 49 anni, ingegnere, papà di una bellissima figlia, ex ciclista e triatleta agonista con alcuni risultati apprezzabili. Dal 2004 ha sperimentato su se stesso la dieta paleo abbinata allo sport di endurance e seguito decine di altre esperienze analoghe su, forum tematici, di altri atleti ed appassionati come lui.

Esiste una diffusa espressione genica stagionale che influenza l’immunità e la fisiologia umana (ed animale).