Le bugie sull’efficacia del vaccino vengono smascherate, la Scozia smette di pubblicare dati. 

Scritto da Angelo

Categorie: Salute

20 Febbraio 2022

LA SCOZIA DECIDE IN MODO “TRASPARENTE” DI NON DIVULGARE PIU’ I DATI SUL COVID PER NON DARE MODO AI NO-VAX DI GENERARE “FAKE NEWS”.

Già così fa ridere…

Le bugie sull’efficacia del vaccino vengono smascherate, quindi la Scozia smette di pubblicare dati.

In Italia siamo su un altro livello. I dati vengono semplicemente FALSIFICATI e non ci sono tante polemiche. Siamo l’unico paese nel mondo occidentale dove i non vaccinati morirebbero come mosche e permangono le limitazioni, addirittura al lavoro fondamento della nostra Costituzione.

E TUTTI MUTI…

Se la verità danneggia la “narrativa”, allora bisogna censurarla.

Ma cosa succede se le TUE stesse informazioni danneggiano la TUA narrativa? Bene, allora banalmente smetti di pubblicare le informazioni.

ELEMENTARE WATSON!

Negli ultimi mesi, la Scozia ha pubblicato i tassi di casi COVID stratificati per età in base allo stato di vaccinazione in un grafico molto ben suddiviso ogni mercoledì pomeriggio, in modo simile al modo in cui il Regno Unito ha pubblicato e sta pubblicando i dati ogni giovedì. Il filo conduttore osservato dalle tendenze rappresentate dai banali istogrammi era che i non vaccinati avevano il tasso di casi più basso, i doppiamente vaccinati avevano tassi di morte e ospedalizzazione ancora più elevati e i boosterati avevano gradualmente tassi di casi sempre più alti, il che chiaramente non fa presagire buone notizie nemmeno per il ricoveri e la morte nel lungo termine.

Puntualmente tutti riportati settimanalmente sul nostro canale telegram @evolutamente.it al quale vi invito ad iscrivervi.

Poichè questi deficienti pensano che un comune cittadino come me non sia capace di leggere 2 numeri è scoppiato il pandemonio. E quindi i funzionari sanitari scozzesi hanno annunciato che non pubblicheranno più i dati. Peccato che ormai sia tardi…

“La sanità pubblica scozzese smetterà di pubblicare dati sui decessi covid e sui ricoveri in base allo stato di vaccinazione, per la preoccupazione che sia travisata dagli attivisti anti-vaxx”, riporta il Glasgow Times.

RIFERIMENTO: QUI

L’avviso di modifica è stato pubblicato a pagina 29 dell’ultimo numero, ed evidentemente definitivo, rapporto di mercoledì del 16 febbraio. “PHS è consapevole dell’uso inappropriato e dell’errata interpretazione dei dati se presi isolatamente senza comprendere appieno i limiti descritti di seguito”, hanno deplorato.

RIFERIMENTO: QUI

E’ vero, possono esserci fattori confondenti, ma quei fattori in realtà si compensano se valutati tra vaccinati e non vaccinati. Tuttavia, alla fine della giornata, si tratta di tassi di casi rettificati per età per 100.000 persone che alla lunga si normalizzano.

MA SOPRATTUTTO:

Nessun vaccino che sia neanche lontanamente efficace come si dice dovrebbe restituire questi risultati.

Ecco l’ultimo grafico della frequenza dei casi dal rapporto finale:

Come si può facilmente vedere, nelle ultime due settimane, hanno messo i disclaimer in fondo ai dati. Che carini…

Ciò che il foglio mostra chiaramente però è ciò che abbiamo visto in tutto il mondo (tranne che in Italia ovviamente) – dal Regno Unito, dal Canada e da Israele, per esempio – e cioè che i doppiamente vaccinati sono andati addirittura in EFFICACIA NEGATIVA ormai da molto tempo e il booster sta gradualmente seguendo la stessa direzione. E non lo dicono solo i dati ma anche STUDI PUBBLICATI, CAZZO!

EFFICACIA NEGATIVA DEI VACCINI mRNA CONTRO IL COVID-19

Gli stessi funzionari della sanità pubblica implorano che le persone ricevano il booster perché dicono che gli anticorpi diminuiscono (in realtà è il nostro corpo che si sta disintossicando da questa merda che ci iniettano innescando un potente stato infiammatorio). Bene, ora che siamo da tre a cinque mesi dall’inizio della campagna del booster nella maggior parte dei posti al mondo, anche i dati relativi a questa follia stanno andando letteralmente a puttane.

Sappiamo anche che la diminuzione dell’efficacia è potenzialmente associata a un effetto cavallo di Troia del potenziamento della malattia dipendente dagli anticorpi, qualcosa che la FDA ha ammesso non è mai stato studiato a lungo termine (all’epoca pensavano che non sarebbero diminuiti) ma sarebbe un rischio “potenzialmente associato a una diminuzione dell’immunità”.

RIFERIMENTO: QUI

L’argomento principale di coloro che sono contrari alla pubblicazione di questi dati e che è solo una teoria speculativa secondo cui forse il test lo fanno più spesso i vaccinati dei non vaccinati. Questo è un fattore di confusione puramente speculativo a favore del vaccino, ma qui c’è un fattore confondente concreto e provato contro la vaccinazione: infatti la Scozia conta i primi 21 giorni dal primo vaccino come “non vaccinato” e i primi 14 giorni del terzo vaccino come “doppiamente vaccinati”. Sappiamo già dai dati dell’Alberta che circa il 40% dei casi, il 47,6% dei ricoveri e il 56% dei decessi tra i vaccinati si sono verificati entro 14 giorni dalla vaccinazione! Quindi, semmai, molti dei casi e dei decessi attribuiti ai non vaccinati sono causati dalla soppressione immunitaria del primo vaccino, e molti casi e decessi attribuiti ai doppi vaccinati fanno sembrare quella coorte ancora peggiore di quanto non sia già e solo al fine per migliorare i dati dei booster.

RIFERIMENTO: QUI

Inoltre, se i tassi di casi più elevati tra i vaccinati sono il risultato di un tasso di test più elevato, allora perché anche i doppiamente vaccinati starebbero peggio dei non vaccinati per ricoveri e decessi, come mostra il PHS da settimane?

È abbastanza evidente che tutti coloro che entrano in ospedale vengono testati indipendentemente dallo stato vaccinale. Semmai, è logico che i non vaccinati sarebbero sottoposti a test più completi ed accurati anche se ricoverati per altri disturbi e quindi potenzialmente sarebbero coinvolti in conteggi di ricoveri accidentali più spesso dei vaccinati. Ad esempio, nel giugno 2021, Scripps Health di San Diego ha annunciato che avrebbe testato solo pazienti non vaccinati. Chiaramente, i requisiti di test dei non vaccinati e il conteggio dei vaccinati (immunosoppressi) parzialmente come i non vaccinati sarebbero, fattori confondenti per sovrastimare tristemente i ricoveri dei non vaccinati, e non il contrario.

Inoltre, perché il test del triplamente vaccinato dovrebbe essere meno frequente del doppiamente, o del non vaccinato? E perché il declino dovrebbe continuare sempre nella stessa direzione durante la pandemia? Come si può facilmente vedere dai rapporti settimanali dell’Agenzia per la sicurezza sanitaria del Regno Unito, l’efficacia dei vaccini diminuisce costantemente con ogni nuovo rapporto settimanale, un fenomeno che non può essere spiegato dai tassi di test.

Ancora più chiaro:

Vi risparmio i dati dagli USA che sono identici.

Chiaramente, questo quadro indica una chiara efficacia in declino per ogni coorte è nel giro di pochi mesi.

La conclusione è che durante l’ultima settimana di segnalazione in Scozia, solo il 12% dei decessi è tra i non vaccinati, e questo include il periodo dei 21 giorni dopo il primo vaccino che viene contato come “non vaccinato”. Ma la propaganda continua a insistere che questa è una pandemia dei non vaccinati, ignorare l’efficacia negativa sull’infezione che è stata vera su tutta la linea dalla scorsa estate e offuscare la preoccupazione di un’efficacia in declino sulle malattie critiche anche se loro stessi richiedono i richiami, sfida tutte le leggi della logica di base.

Incredibilmente, il PHS ammette che i vaccini appena inoculati sopprimono il sistema immunitario prima di aumentare gli anticorpi (in realtà l’aumento degli anticorpi è sintomo che il corpo reagisce alla merda inoculata tentando di disintossicarsi alzando l’infiammazione sistemica). Ma invece di usare il dato contro i vaccini, li usano contro i non vaccinati affermando che non si possono nemmeno confrontare i tassi di ospedalizzazione o mortalità.

“Gli individui che non hanno completato il loro programma di vaccinazione possono essere più suscettibili a un esito grave e potrebbero causare un aumento dei casi di COVID-19, ricoveri e tassi di mortalità nei gruppi di vaccinazione di prima e seconda dose”, afferma PHS nel rapporto. Il che, come detto, è esattamente opposto a quanto riferiscono i loro stessi dati.

Ma se fosse vero, è colpa dei produttori che hanno fatto un farmaco che per primo rende vulnerabili durante una pandemia in corso. Una cosa è avere una possibilità che renda più vulnerabili per alcune settimane magari durante il periodo estivo nel quale l’infezione circola meno. Ma iniettarli durante i picchi delle curve è come dire a qualcuno in una trincea durante uno scontro a fuoco che sarà più al sicuro in un bunker posto a 100 metri più avanti sul fronte, ma dovrà prima correre attraverso il campo per raggiungerlo. Il rischio di fare quella corsa dovrebbe essere contato nell’opzione “bunker”.

In altre parole, come dico da mesi, bisognerebbe guardare gli andamenti per capire dove siamo diretti piuttosto che manipolare con le parole un’istantanea del tempo. Non si può semplicemente tirare fuori un periodo di tempo di una certa efficacia per alcune persone. Bisogna considerare quanto segue e che sono cose mai citate dai media, ma che dovrebbero essere cruciali:

  • Danni da vaccino a breve e lungo termine, noti e sconosciuti;
  • Altre opzioni di trattamento più sicure per il COVID stesso;
  • Un vaccino che perde o diminuisce di efficacia e corre il rischio di potenziare la malattia stessa pur offrendo una protezione temporanea per alcuni;
  • Il prezzo per il sistema immunitario di stimolare costantemente le persone ad affrontare la suddetta preoccupazione di efficacia e miglioramento in declino.

La conclusione: i nostri mandriani spalleggiati dai media ci offrono solo un’istantanea del tempo. Se dovessero studiare la traiettoria e la progressione della infezione e del “vaccini” (leggasi “farmaci sperimentali genici”) durante tutto l’anno, riconoscerebbero un modello inconfondibile di protezione calante e quindi negativa. Un ampio studio pubblicato sul New England Journal of Medicine da Weil Cornell Medicine – Qatar ha rilevato che l’efficacia vaccino Pfizer è svanita molto rapidamente dopo quattro mesi. A sette mesi, se aggiustato per quelli in Qatar che avevano già avuto una precedente infezione, il vaccino di Pfizer era efficace del -4% contro la trasmissione e solo del 44,1% efficace contro malattie gravi. Inoltre, l’efficacia contro l’infezione asintomatica è stata del -33% dopo sette mesi.

UN ARTICOLO COMPLOTTARO SUI VACCINI COVID-19 CHE FARA’ MALE AI BENPENSANTI

Uno studio preliminare svedese nell’ottobre 2021 ha esaminato 1,6 milioni di persone in Svezia per verificare i tassi di infezione e i tassi di malattie critiche in base allo stato di vaccinazione. Hanno trovato una scala di efficacia che diminuisce con il tempo, ma alla fine diventa negativa. Ecco una presentazione dell’efficacia del vaccino completamente adattata contro l’infezione sintomatica per vari dati demografici dopo 210 giorni:

Allora qual potrebbe essere la soluzione? Recarsi per una quarta e poi quinta volta all’HUB vaccinale più vicino?

Questa settimana, i ricercatori israeliani hanno pubblicato uno studio preliminare sull’efficacia della quarta dose, che ha scoperto che dopo solo un mese, l’efficacia del vaccino Pfizer è scesa al 30% e Moderna è scesa all’11%. Allo stesso tempo, “reazioni avverse locali e sistemiche sono state riportate rispettivamente nell’80% e nel 40%”. Concludono: “La bassa efficacia nella prevenzione delle infezioni da Omicron lievi o asintomatiche e il potenziale infettivo dei casi di svolta aumentano l’urgenza dello sviluppo di vaccini di prossima generazione”.

RIFERIMENTO: QUI

MA LA COSA PIU’ IMPORTANTE:

Le linee guida EMA ed FDA richiederebbero una soglia di efficacia del 50% anche SOLO per ottenere l’autorizzazione all’uso di emergenza, tanto meno la piena approvazione!

Quindi, chi sta effettivamente leggendo in modo errato o utilizzando in modo inappropriato i dati si rende conto che va, non solo contro i suoi stessi dati ma addirittura contro le linee guida delle varie agenzie regolatorie… INCREDIBILE MA VERO!!!!!

Lo studio israeliano ha anche concluso che “la maggior parte di questi operatori sanitari risultati positivi erano anche potenzialmente infettivi, con cariche virali relativamente elevate. Pertanto, l’obiettivo principale per la vaccinazione del personale sanitario non è stato raggiunto”.

Vi ricordate il “migliore dei migliori” quando in conferenza stampa dell’ottobre scorso disse quelle cagate megagalattiche?

LA VIROLOGIA: LA SCIENZA DELLE FIABE

Il più grande dibattito di politica pubblica sanitaria riguarda il fatto che in qualche modo le azioni dovrebbero essere tese ad ottenere la possibilità di non colpire altre persone. Qui vediamo che anche le persone con quattro dosi erano ancora infettive con elevate cariche “virali”. La decisione di sottoporsi a tutte queste iniezioni a questo punto dovrebbe essere una decisione lasciata alle persone stesse in base a queste evidenze, ma la logica in questi 2 anni è stata semplicemente messa nel cestino della spazzatura. Magari delle persone come lo scrivente vorrebbero scegliere terapie che offrano protezione che non corrano il rischio di gravi reazioni avverse, intanto sono 30 anni che mi prendo cura di me stesso mentre la massa di parenti ed amici mi prendeva per il culo perchè magari non mangiavo la pizza… E questa massa di deficienti CERTIFICATI è stata poi la prima a correre agli hub vaccinali al fine di sperare di tornare alla “vita normale” (ovvero NON prendersi cura di loro stessi) e nel loro defici cognitivo ha continuato ad insultarmi ancora più violentemente per le mie scelte e senza alcuna giustificazione come letto appena sopra NEGANDO L’EVIDENZA.

Molti di loro sono anche andati in ospedale perchè infettati…

Niente di tutto ciò dovrebbe avere attinenza con un altro essere umano, e niente di tutto ciò dovrebbe giustificare le violazioni dei diritti umani.

L’intera saga è iniziata con la censura del lavoro di altri perché le affermazioni della narrazione ufficiale non potevano resistere alla revisione dei dati nudi e crudi. Ora siamo arrivati ​​al punto di partenza, in cui i dati dei governi devono essere censurati perché le affermazioni narrative non possono resistere al controllo dei loro stessi dati.

GRANDIOSO!!!!

E se infine vi dicessi che sto virus neanche esiste? Ed è per questo motivo che nulla sembra fermare l’infezione denominata COVID? Per questo le virostar per 2 anni hanno preso cantonate su cantonate?

Perchè i virus non sono la causa della malattia? Che tipo di malattia è allora la COVID? Come ci possiamo difendere? Come si trasmette in realtà la malattia? Come si spiegano questi misteri?

IL MITO DEL CONTAGIO lo trovate solo su Amazon o sul nostro shopping grazie al coraggio dello scrivente che lo ha pubblicato per la sua piccolissima casa editrice

L’aggiornamento BREAKING THE SPELL descrive in modo chiarissimo “l’esperimento di controllo” che dimostra in modo ingegneristico che non c’è nulla di letale nell’aria che se lo respiriamo rischiamo di rimanere intubati o persino morire.

In pratica: disinfettarsi le mani serve solo a massacrare il naturale microbioma della pelle e bombardarsi di interferenti endocrini e sostanze chimiche, indossare mascherine è ridicolo (oltre che pericolosissimo per la salute – intossicazione di CO2 che altro che il riscaldamento globale…), tenerci distanziati ci massacra la psiche, salutarci col gomito o col pugnetto è abominevole. Ma soprattutto questi “obblighi” sono odiosi e totalmente inutili. Lasciate almeno perdere i bambini.

 

Articoli recenti…