close
LA POTENZA DELLA LUCE… DEL SOLE! E DEL GIOCO!

LA POTENZA DELLA LUCE… DEL SOLE! E DEL GIOCO!

4 giugno 2018attenzionebambinigiocolucepausa354Visualizzazioni

Mentre la maggior parte dei distretti scolastici italiani praticamente non si fa ricreazione per motivi disciplinari e si sta persino con le tapparelle serrate ed ai bimbi i pediatri consigliano persino il Ritalin per calmare i più esuberanti, una scuola texana ha asili e alunni di prima elementare tranquilli e “incredibilmente attenti”.

Traduzione: Angelo

Qual è il loro segreto? Hanno triplicato il tempo di ricreazione.

Invece di 20 minuti di pausa al giorno, gli asili e le elementari elementari di Eagle Mountain ora fanno un’ora, suddivisa in quattro pause di 15 minuti, oltre all’ora di pranzo.

Gli insegnanti dicono che li ha totalmente trasformati.

I bambini sono meno irrequieti, meno distratti, più impegnati nell’apprendimento e più in contatto visivo.

I dati sono impietosi. Il 70% dei ragazzi di terza media in USA non sa ancora nè leggere nè scrivere decentemente: RIFERIMENTO

Eagle Mountain è una delle dozzine di scuole in Texas, Oklahoma e California che sperimentano tempi di ricreazione extra come parte di una trial di tre anni. Il programma pilota è modellato sul sistema scolastico finlandese, i cui studenti ottengono alcuni dei migliori punteggi al mondo in lettura, matematica e scienze.

Il designer del programma – chiamato LiiNK – è il kinesiologo Debbie Rhea della Texas Christian University. Rhea ha trascorso 6 settimane in Finlandia nel 2012 per scoprire il segreto del loro successo.

La più grande differenza che Rhea ha notato è che gli studenti finlandesi hanno molto più tempo libero e spazi rispetto ai bambini americani – 15 minuti di “gioco all’aperto non strutturato” dopo ogni 45 minuti di istruzione.

La chiave è “non strutturata“, ha detto Rhea, il che significa che i bambini possono correre, giocare e inventare giochi.

(ndr. Esattamente quello che facevamo noi 30-40 o 50 anni or sono… Sembra fantascienza… INVECE SAREBBE LA NORMALITA’!!!! Attività che i “cuccioli” umani fanno sin dalla notte dei tempi…)

Mentre le pause al chiuso sono meglio di niente, Rhea dice che dovrebbero idealmente svolgersi all’aperto perché l’aria fresca, la luce naturale e i colori vivaci hanno un grande impatto sulla funzione del cervello.

Il sito web LiiNK afferma che i benefici di un recesso frequente includono:

– Maggiore attenzione focalizzata
– risultati accademici migliori
– Migliorata frequenza
– Diminuzione delle diagnosi comportamentali (ansia, ADHD, rabbia)
– Miglioramento della creatività e dello sviluppo delle abilità sociali

Alcuni degli insegnanti di Eagle Mountain dicono che i bambini erano nervosi e dubitavano di tenerli tranquilli per tutto il giorno Ma a metà del primo anno del programma, l’insegnante di prima elementare Cathy Wells ha detto alla NPR che i suoi studenti “erano in anticipo sui tempi previsti”.

Wells ha detto che sta spendendo molto meno tempo a temperare le matite in questi giorni.

“Sai perché le temperavo? Perché stavano macinando su di esse, le rompevano, le masticavano. Ora non lo fanno più. Stanno davvero usando le matite per il modo in cui sono state progettate – per scrivere cose!”

“Se vuoi che un bambino sia attento e concentrato sul compito – se vuoi che codifichino le informazioni che stai dando loro nella loro memoria – devi dargli pause regolari”, dice il pediatra della Ohio State University, Bob Murray.

Le scansioni del cervello hanno mostrato che i bambini imparano meglio dopo una pausa per l’attività fisica e il gioco non strutturato.

Riferimento: qui

(Visited 133 times, 1 visits today)
Angelo

Angelo

Angelo 50 anni, ingegnere, papà di una bellissima figlia, ex ciclista e triatleta agonista con alcuni risultati apprezzabili. Dal 2004 ha sperimentato su se stesso la dieta paleo abbinata allo sport di endurance e seguito decine di altre esperienze analoghe su, forum tematici, di altri atleti ed appassionati come lui. Uno degli organizzatori dell'evento "paleomeeting", past president, attuale segretario e socio fondatore del SIMNE (Società Italiana di Medicina e Nutrizione Evoluzionistica)

I danni (sì, i danni) alla salute degli ortaggi e della frutta

La leucemia linfoblastica acuta sarebbe colpa… Dei genitori!