close
La dieta chetogenica potrebbe essere di aiuto ai malati di cancro maligno al cervello (glioblastoma).
shop evolutamente

La dieta chetogenica potrebbe essere di aiuto ai malati di cancro maligno al cervello (glioblastoma).

Traduzione ed adattamento: Angelo.

brain

Oggi vi presentiamo una recente pubblicazione che valida altri studi del genere pubblicati negli anni scorsi proponendo una terapia metabolica al posto e/o in alternativa alla cure classiche per gestire il glioblastoma multiforme, uno dei tumori più terribili che, normalmente, non da scampo a colui che lo contrae.

Scarsi progressi sono stati compiuti nella gestione a lungo termine del glioblastoma multiforme (GBM), considerato tra i più letali dei tumori cerebrali. Chemioterapia citotossica, steroidi, e alte dosi di radiazioni sono generalmente utilizzati come standard di cura per il GBM. Queste procedure possono creare un microambiente tumorale ricco di glucosio e glutammina. Glucosio e glutammina possono tuttavia facilitare la progressione del tumore. Prove recenti suggeriscono che molti GBM sono infettati con il citomegalovirus, che potrebbe migliorare ulteriormente il metabolismo del glucosio e della glutammina nelle cellule tumorali. Glucosio e glutammina sono i principali combustibili per le cellule mieloidi, così come per una più rapida proliferazione delle cellule staminali del cancro. Le terapie che aumentano l’infiammazione e l’energia dei metaboliti nel microambiente del GBM potrebbero persino velocizzare la progressione del tumore. In contrasto con le terapie attuali, la terapia metabolica è progettata per indirizzare la malattia metabolica comune a tutte le cellule tumorali (fermentazione aerobica), migliorando nel contempo la salute e la vitalità delle cellule cerebrali normali e tutto il corpo. La dieta chetogenica ipocalorica (KD-R) è un farmaco anti-angiogenico metabolico, anti-infiammatorio e pro-apoptotico che riduce anche i combustibili fermentabili nel microambiente tumorale. La terapia metabolica, come alternativa allo standard di cura, ha potenziale per migliorare il decorso della malattia per i pazienti con GBM e altri tumori cerebrali maligni.

Riferimento:
Cancer Lett. 2014 Jul 25. pii: S0304-3835(14)00352-8. doi: 10.1016/j.canlet.2014.07.015.
Metabolic therapy: A new paradigm for managing malignant brain cancer.
Seyfried TN1, Flores R2, Poff AM3, D’Agostino DP3, Mukherjee P2.
Author information
1Biology Department, Chestnut Hill, MA, USA. Electronic address: thomas.seyfried@bc.edu.
2Biology Department, Chestnut Hill, MA, USA.
3Department of Molecular Pharmacology and Physiology, University of South Florida, 33612 Tampa, FL, USA.

Discussione e tante altre notizie simili

(Visited 1.978 times, 1 visits today)
Angelo

Angelo

Angelo 52 anni, ingegnere, papà di una bellissima figlia, ex ciclista e triatleta agonista con alcuni risultati apprezzabili. Dal 2004 ha sperimentato su se stesso la dieta paleo abbinata allo sport di endurance e seguito decine di altre esperienze analoghe su, forum tematici, di altri atleti ed appassionati come lui. Uno degli organizzatori dell'evento "paleomeeting", past president, attuale segretario e socio fondatore del SIMNE (Società Italiana di Medicina e Nutrizione Evoluzionistica). Co-autore de IL NUOVO VIVERE SECONDO NATURA ed autore del best seller INSONNIA. IL MALE DEL NUOVO SECOLO.

L’integrazione di vitamina D non migliora l’omeostasi del glucosio né previene il diabete!

L’evoluzione della dieta: mangiare come i nostri progenitori potrebbe renderci più forti e sani? Prima Parte.