close
Il Mistero delle Piramidi

Il Mistero delle Piramidi

4 novembre 2018piramidi0Visualizzazioni

Il mistero delle piramidi si infittisce sempre di più: la grande piramide di Giza, in condizioni di risonanza, è in grado di concentrare energia elettromagnetica nelle camere interne e sotto la base, dove si trova una terza stanza incompleta.

Queste conclusioni derivano da uno studio basato su un modello fisico analitico.

I ricercatori hanno stimato che la risonanza nella piramide può essere indotta da onde radio con una lunghezza d’onda tra i 200 e i 600 metri.

Grazie al modello sviluppato, sono riusciti a stimare il rapporto tra l’energia dispersa e quella assorbita in condizioni di risonanza, arrivando infine ad ottenere la distribuzione del campo elettromagnetico all’interno della piramide.

Gli scienziati pensano di utilizzare questo metodo per condensare energia su scale molto piccole (nell’ordine dei nanometri), per sviluppare una forma più efficiente di celle solari.

Nonostante le piramidi siano oggetto di studio da molti decenni, i ricercatori hanno ancora molto da scoprire circa le loro proprietà fisiche: esistono misteriose ed inquietanti connessioni, come il posizionamento geografico e il rapporto tra la circonferenza e l’altezza che è esattamente uguale a pigreco (3.14).

Anche le piramidi bosniache hanno incredibili proprietà elettromagnetiche: numerosi scienziati da tutto il mondo hanno rilevato un fascio energetico che confluisce attraverso il vertice.

Il flusso è continuo e la forza crescente si irradia al di fuori dalla piramide.

Questo fenomeno contraddice alcuni noti principi della fisica, fornendo un prova tangibile di tecnologia non-hertziana.

Pare proprio i che costruttori abbiano creato una macchina a moto perpetuo tutt’ora funzionante, alimentando l’idea che queste strutture possano essere state progettate per qualche funzione tecnologica “superiore”.

  • Chi le ha costruite?
  • A cosa servivano veramente?
  • Come mai, popolazioni sparse in aree remote del globo, senza alcun contatto tra loro, hanno progettato simultaneamente questi strumenti tecnologici avanzatissimi, in epoche così remote?
  • E perché qualsiasi conclusione che esula dalla dottrina di mainstream viene ridicolizzata, anche se formulata da grandi ricercatori?
  • Perché a scuola ci raccontano la solita supercazzola, senza mai indagare e addentrarsi in strati più profondi della realtà?

Ogni giorno che passa diventa sempre più chiaro che nella costruzione delle piramidi siano state utilizzate tecnologie avanzatissime e conoscenze fisiche di altissimo livello, che non possono essere semplicemente liquidate come “capricci faraonici”.

RIFERIMENTI:

https://phys.org/news/2018-07-reveals-great-pyramid-giza-focus.html#jCp

https://www.collective-evolution.com/2018/10/04/physicists-reveal-that-the-great-pyramids-at-giza-can-focus-electromagnetic-energy/

https://www.centrometeoitaliano.it/curiosita/fascio-energia-fuoriesce-piramide-sole-che-cosa-tratta-25-04-2014-13125/

(Visited 1 times, 1 visits today)
Angelo

Angelo

Angelo 50 anni, ingegnere, papà di una bellissima figlia, ex ciclista e triatleta agonista con alcuni risultati apprezzabili. Dal 2004 ha sperimentato su se stesso la dieta paleo abbinata allo sport di endurance e seguito decine di altre esperienze analoghe su, forum tematici, di altri atleti ed appassionati come lui. Uno degli organizzatori dell'evento "paleomeeting", past president, attuale segretario e socio fondatore del SIMNE (Società Italiana di Medicina e Nutrizione Evoluzionistica)

Effetto serra vs Aminoacidi Essenziali