Il 94% dei medici ha un rapporto finanziario con l’industria farmaceutica. Questo potrebbe influenzare il loro giudizio nel prescrivere farmaci?

Scritto da Angelo

Categorie: Pillole | Salute

4 Maggio 2014

Adattamento: Angelo.

medici

Questo studio ha esaminato le associazioni in termini economici dei medici con le industrie farmaceutiche. Lo studio ha incluso ben 3.167 medici di sei specializzazioni (anestesiologia, cardiologia, medico di famiglia, chirurgia generale, medicina interna e pediatria). L’indagine è stata eseguita tra fine del 2003 e l’inizio del 2004.

Lo studio ha rilevato:
– l’83% dei medici ha ricevuto doni da parte dell’industria farmaceutica (compreso cibo e bevande nei luoghi di lavoro e biglietti per eventi culturali e sportivi).
– il 78% dei medici ha ricevuto campioni di farmaci da parte dell’industria farmaceutica;
– il 35% dei medici ha ricevuto un rimborso per i costi relativi ad incontri professionali o di formazione da parte dell’industria farmaceutica;
– il 28% dei medici ha ricevuto pagamenti per consulenze, dando lezioni, o arruolando pazienti per lo svolgimento di studi da parte dell’industria farmaceutica.
– Nel complesso, il 94% dei medici ha riportato un certo tipo di rapporto con l’industria farmaceutica.

La maggior parte dei medici (il 94%) ha un certo tipo di rapporto con l’industria farmaceutica.

Tutto questo potrebbe influenzare il loro giudizio magari quando prescrivono farmaci o danno consigli?

Riferimento:
New England Journal of Medicine 2007 Apr 26;356(17):1742-50
A national survey of physician-industry relationships.
Campbell EG, Gruen RL, Mountford J, Miller LG, Cleary PD, Blumenthal D.
Institute for Health Policy, Massachusetts General Hospital-Partners Health Care System and Harvard Medical School, Boston, MA 02114, USA.ecampbell@partners.org
Link: http://www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/17460228

Discussione ed altre interessanti notizie

Articoli recenti…

FOTOBIOMODULAZIONE E LUCE BLU

FOTOBIOMODULAZIONE E LUCE BLU

Dopo anni di divulgazione e migliaia di copie vendute dal best seller “INSONNIA: IL MALE DEL NUOVO SECOLO”, in cui si...