close
Gli oli vegetali sono una delle principali cause dell’insorgenza del cancro e della malattia cardiaca

Gli oli vegetali sono una delle principali cause dell’insorgenza del cancro e della malattia cardiaca

Di Angelo

Incredibile! Ormai anche i muri sanno che l’eccesso di omega 6 nella dieta e che sono contenuti in modo spropositato in tutti gli oli vegetali (olio di oliva compreso), è deleterio per la salute umana. Ma insistono senza ritegno!
E’ vero sulle tavole degli italiani informati sta tornando lentamente e progressivamente il buon burro, il buon lardo…; ma i banchi dei supermercati sono pieni zeppi di questi oli a basso costo per la “mandria”.

Oli forse utili più come combustibile ecologico ad un costo persino inferiore del diesel perchè non ipertassato… Ho visto in commercio fusti a meno di 50 centesimi al litro!

Personalmente metto gli oli vegetali al primo posto come pericolo per la salute. Persino peggiori di cereali e legumi.
In altri studi sono collegati persino alla permeabilità intestinale (malattie autoimmuni) e tante altre amenità.

Leggiamo insieme l’abstract di questa interessante review (1):

This review takes a deep look at increases in the incidence of cancer and heart disease after the introduction of industrial vegetable oils in the world. Most vegetable oils are highly processed and refined products, which completely lack the essential nutrients. Omega-6 Linoleic acid from vegetable oils increases oxidative stress in the body of humans, contributing to endothelial dysfunction and heart disease. The consumption of these harmful oils which are high in mega-6 polyunsaturated fats results in changing the structure of cell membrane which contribute to increasing inflammation and the incidence of cancer.

TRADUZIONE:

Questa review ha preso in esame gli aumenti dell’incidenza di cancro e malattie cardiache dopo l’introduzione di oli vegetali industriali nel mondo. La maggior parte degli oli vegetali sono prodotti altamente lavorati e raffinati, che mancano completamente delle sostanze nutritive essenziali. L’acido omega-6 linoleico da oli vegetali aumenta lo stress ossidativo nel corpo umano, contribuendo alla disfunzione endoteliale e alle malattie cardiache. Il consumo di questi oli nocivi ad alto contenuto di grassi polinsaturi omega-6 porta a modificare la struttura della membrana cellulare che contribuisce ad aumentare l’infiammazione e l’incidenza del cancro.

Ora i nostri bravi produttori ci dicono esattamente l’opposto! Cioè che l’acido alfa linoleico farebbe bene abbassando il colesterolo!

Ovvero spostano l’attenzione su un altro (falso) problema… Un loop senza fine… Non ne usciremo mai se non informandoci coscientemente da soli.

Ricordiamo che i più comuni oli vegetali sono:

  • Olio di oliva (ne consigliamo al massimo un uso molto moderato, sempre da olive spremute a freddo ed a crudo)
  • Olio di arachidi (eliminare)
  • Olio di cocco (migliore. Comunque con moderazione, gli studi sono ancora contraddittori anche se è ormai sdoganatissimo)
  • Olio di colza (eliminare)
  • Olio di lino (eliminare) Più info: qui
  • Olio di macadamia (meglio eliminare, problemi anche di irrancidimento)
  • Olio di mandorle (idem)
  • Olio di nocciole (idem)
  • Olio di noci (idem)
  • Olio di palma (eliminare)
  • Olio di semi di girasole (eliminare)
  • Olio di semi di mais (eliminare)
  • Olio di semi di sesamo (estrema moderazione)
  • Olio di semi di soia (eliminare)
  • Olio di semi di zucca (eliminare)

Guardate quest’altro studio che risale addirittura al 1985! (2)

L’acido linoleico (contenuto negli oli vegetali) aumenta il trasferimento delle LDL attraverso l’endotelio. Un passaggio essenziale nella formazione di aterosclerosi

Acido linoleico = un iniziatore dell’aterosclerosi. Questo per il dr. James Dinicolantonio. Un famoso medico italo-americano.

Quindi gli oli vegetali riducono vero il colesterolo MA, MA, MA, MA contribuiscono al trasferimento delle LDL attraverso l’endotelio! Bello fermarsi a metà del racconto!

Rendiamoci conto:

1985 studio che dimostra che gli oli vegetali aumentano il trasferimento delle LDL attraverso l’endotelio.
Cosa succede? NULLA, anzi aumentano le campagne pubblicitarie a FAVORE degli oli vegetali…
A distanza di 40 anni, nonostante una letteratura scientifica solida contro? Continuano ancora imperterriti!

RIFERIMENTI:
(1) International Science and Investigation Journal
Vegetable Oils Consumption as One of the Leading Cause of Cancer and Heart Disease
Soroush Niknamian, Miriam Kalamian
Link: qui

(2)Circ Res. 1985 Nov;57(5):776-80.
Exposure to fatty acid increases human low density lipoprotein transfer across cultured endothelial monolayers.
Hennig B, Shasby DM, Spector AA.
Link: qui

(Visited 1.178 times, 1 visits today)
Angelo

Angelo

Angelo 50 anni, ingegnere, papà di una bellissima figlia, ex ciclista e triatleta agonista con alcuni risultati apprezzabili. Dal 2004 ha sperimentato su se stesso la dieta paleo abbinata allo sport di endurance e seguito decine di altre esperienze analoghe su, forum tematici, di altri atleti ed appassionati come lui. Uno degli organizzatori dell'evento "paleomeeting", past president, attuale segretario e socio fondatore del SIMNE (Società Italiana di Medicina e Nutrizione Evoluzionistica)

Editoriale di Angelo Rossiello: i filtri luce blu sui telefonini.

Spaghetti di zucchine agli scampi