close
Gli effetti devastanti dello zucchero sul testosterone maschile.

Gli effetti devastanti dello zucchero sul testosterone maschile.

11 settembre 2017testosteronezucchero26Visualizzazioni

I ricercatori protagonisti di questo lavoro hanno voluto sperimentare il comune esame della curva glicemica sul testosterone.

di Angelo

Una settantina di uomini con vari livelli di salute (alcuni anche diabetici) sono stati ingaggiati per questo interessante esperimento:

curva di carico glicemico con l’ingestione dei classici 75 gr. di glucosio e misurazione di vari parametri inserendo anche il T totale e libero. E’ stato misurato anche l’LH (ormone luteinizzante) che stimola la produzione del T.

L’epidemica carenza di testosterone nelle società occidentali ha un impatto sui costi sanitari impressionante

Successivamente all’ingestione del glucosio, la produzione di T si è inibita fino a 2 ore. Il che ha calato il livello di T medio del 25%. Più sale la resistenza all’insulina dei soggetti e più calano i livelli di testosterone.

I ricercatori hanno concluso:

L’ingestione di glucosio induce una riduzione significativa nei livelli totali e liberi di T negli uomini, che è proporzionale allo spettro di tolleranza al glucosio. Questa diminuzione di testosterone sembra essere dovuta a un difetto testicolare diretto, ma l’assenza di variazioni compensative in LH suggerisce un’ulteriore componente centrale.

Ricordiamo che gli zuccheri sono nascosti ovunque negli alimenti industriali. Inoltre cereali, legumi, soia… Tanto pompati dalle linee nutrizionali ufficiali ne sono ricchi.
Una dieta che stimoli il T deve introdurre proteine e grassi salubri che sono i precursori di tutti i processi endocrini. 

RIFERIMENTO:
Clin Endocrinol (Oxf). 2013 Feb;78(2):291-6. doi: 10.1111/j.1365-2265.2012.04486.x.
Abrupt decrease in serum testosterone levels after an oral glucose load in men: implications for screening for hypogonadism.
Autori Vari
Link:

(Visited 14 times, 1 visits today)
Angelo

Angelo

Angelo 50 anni, ingegnere, papà di una bellissima figlia, ex ciclista e triatleta agonista con alcuni risultati apprezzabili. Dal 2004 ha sperimentato su se stesso la dieta paleo abbinata allo sport di endurance e seguito decine di altre esperienze analoghe su, forum tematici, di altri atleti ed appassionati come lui. Uno degli organizzatori dell'evento "paleomeeting", past president, attuale segretario e socio fondatore del SIMNE (Società Italiana di Medicina e Nutrizione Evoluzionistica)

I cereali integrali “tradizionali” hanno un impatto sulla salute peggiore del pane bianco