close
Giornalisti che parlano di diete? Diffidatene sempre!

Giornalisti che parlano di diete? Diffidatene sempre!

Di: Angelo.

epa04695270 A visitor looks at cave art depicting animals in the 'caverne du pont d'arc', the Chauvet's cave replica, near Vallon-Pont-D'arc, Southern France, 08 April 2015. The cave is the biggest replica cave in the world, it contains 1000 drawings, with 425 animals figures, 27 original paintings and around 450 bones. The cave will open for the public on 25 April 2015. EPA/GUILLAUME HORCAJUELO

Auguro a tutti i lettori un sereno e splendido Natale con queste brevi considerazioni polemiche (già! Non è una gran novità!).

In quest’articolo in inglese riportano un VERO lavoro (davvero interessante) di alcuni paleontologi ed il giornalista conclude che la dieta di questi antichi abitatori di Israele era praticamente VEGETARIANA (con pochissime proteine animali) e che quindi questa dieta è salubre.

Stesso articolo copiato da repubblica: qui

Ora guardate come la riporta l’importante sito italianoANSA, la STESSA notizia!
In pratica il giornalista dice più o meno le stesse dell’articolo sopra ma conclude che questa dieta è perfettamente compatibile con quella MEDITERRANEA e ne è l’antesignana!…

Queste situazioni sono davvero divertenti ed allo stesso amare e fanno capire come basti un pizzico di fantasia per manipolare una notizia e portare la gente a credere cose non vere…

fake

Ho di nuovo letto l’articolo originale (per intero) e non parla mai di proporzioni e macronutrienti. La grande varietà di piante e frutta (55) c’è indubbiamente ma rimane un mistero in quale percentuale fosse mangiata.
Aggiungo che lo studio delle moderne popolazioni paleo ancora viventi riscontra una varietà di cibo dal mondo vegetale persino più ampio e di molto. In alcuni casi supera di molto le 100 varietà ma la base dell’alimentazione rimane la carne.
Per esempio: (qui).
Lo studio voleva SOLO indagare quali fossero i cibi mangiati in quel sito israeliano 750 mila anni fa ed è diventato incredibilmente uno spot per il vegetarianesimo/veganesimo o dieta mediterranea (a seconda dei gusti del giornalista che lo così bellamente spiegato) ed anche ben manipolato.

Fantastico! That’s incredible!

media-spoonfeeding-cartoon

Ora mi permetto un commento (spero) serio all’articolo dato che l’ho letto per intero, cosa di cui dubito fortemente abbiano fatto i vari commentatori (che sono anche pagati, oltretutto):

  • la dieta paleo, ABBONDANTE IN PROTEINE ANIMALI ED ASSENTE IN CEREALI E LEGUMI (altro che vegetariana o mediterranea!), ancora una volta si dimostra cruciale per lo sviluppo della materia grigia e nell’evoluzione umana dato che questi ominidi erano della specie Homo Erectus.
  • confermando le teorie del prof. Massimo N. Urbino (Pandolfi), già il palato di questi ominidi si era affinato e, l’enorme tempo libero a disposizione (lavoravano si e no dalle 2 alle massimo 4 ore al giorno per la caccia e la raccolta), permetteva loro sperimentazioni culinarie da fare invidia ad un novello chef stellato. Molto probabilmente il grande utilizzo di spezie e di verdure e persino di bacche (aspre o dolci), permetteva alla portata principale (la carne) di essere servita con sapori più che complessi.
  • la carne è e rimane il cibo preferenziale LOGICO perchè INFINITAMENTE più nutriente e più ricco di calorie. L’uomo antico non era nè stupido nè schizzinoso come purtroppo lo siamo noi oggi tanto da poterci permettere tali fantasie ed essere persino creduti!

Dieta paleo vs. Dieta standard: tantissime notizie!

Riferimento:
PNAS
The plant component of an Acheulian diet at Gesher Benot Ya‘aqov, Israel
Autori Vari
Link: qui

News sull’evoluzione della nostra specie.

 

(Visited 279 times, 1 visits today)
Angelo

Angelo

Angelo 50 anni, ingegnere, papà di una bellissima figlia, ex ciclista e triatleta agonista con alcuni risultati apprezzabili. Dal 2004 ha sperimentato su se stesso la dieta paleo abbinata allo sport di endurance e seguito decine di altre esperienze analoghe su, forum tematici, di altri atleti ed appassionati come lui. Uno degli organizzatori dell'evento "paleomeeting", past president, attuale segretario e socio fondatore del SIMNE (Società Italiana di Medicina e Nutrizione Evoluzionistica)

Una dieta bassa in carboidrati e ricca di omega 3 migliora la salute delle gengive e dei tessuti parodontali in pochissimo tempo.

Proposta menù di Natale: Crema di patate viola e zucca con frutta secca