close
L’esposizione al sole al mattino è di fondamentale importanza per la salute.

L’esposizione al sole al mattino è di fondamentale importanza per la salute.

Un altro studio che dimostra che la esposizione mattutina al sole migliora la qualità del sonno alla sera, l’umore e la salute in generale; mostrando, qualora ce ne fosse ancora bisogno, la validità del mio intervento al paleomeeting 2017.

di Angelo (ispirato da un post del dr. Jack Kruse)

La luce di primo mattino ha una perfetta miscela di luce rossa e blu e solo il giusto tocco di luce viola UV-A per farci produrre tanta melatonina alla sera che stimola il giusto sonno. La luce UV-A è fondamentale anche per far calare i livelli di cortisolo alti al mattino ed è un grande supporto per le ghiandole surrenali.

La UV-A offre pure una grande sorpresa: aumenta una proteina che viene prodotta nel cervello chiamata POMC.

Da wikipedia: La pro-opiomelanocortina (POMC) è un proormone che con opportuni tagli (effettuati tramite proconvertasi) di modificazione e maturazione proteolitica origina vari tipi di ormoni peptidici quali ACTH (corticotropina), β-lipotropina, γ-lipotropina, α-MSH, β-MSH e β-endorfina. Il suo processamento avviene nella ghiandola pituitaria (ipofisi): più precisamente nel lobo anteriore maturano ACTH e β-lipotropina e nel lobo intermedio vengono sviluppati gli altri ormoni nominati in precedenza.

Come questa proteina, molte altre proteine ​​sono prodotte grazie alla luce solare. Tutte queste sono fondamentali per la produzione della dopamina e della melatonina nell’occhio e nella pelle. Un altro fattore importante importante è il rilascio delle β-endorfine che danno rilassamento. La luce solare rilascia oppioidi naturali ed innocui.

Indovinate perché la natura lo ha fatto? Forse perchè voleva che voi vi esponeste al sole più spesso possibile per i suoi incredibili poteri curativi. Ci scommetto gli ultimi euro che ho in banca (davvero pochissimi!)…

ESPORSI AL SOLE AUMENTA I LIVELLI ENERGETICI.

La melanina

Consideriamo la pelle. La melanina è presente nella pelle dell’uomo. Tutti la conoscono perchè consente di abbronzarci ed essere più fighi.
Il melanina fornisce protezione alle strutture dentro e sotto la pelle contro i radicali liberi indotti dagli UV. Quindi, la melanina funge da scudo diretto dalle radiazioni UV. La radiazione UV provoca un danno al DNA nei nuclei dei cheratinociti morenti che degenerano sulla superficie della pelle. Ciò provoca l’attivazione del gene p53, che aggiorna, trascrivendolo, l’espressione del gene che codifica la proopiomelanocortina (POMC) di cui abbiamo parlato sopra.

La maggior parte dei dermatologi pensa che la radiazione solare induca solo effetti secondari negativi, ma questo è appunto un esempio di una regolazione positiva.
Il polipeptide precursore POMC viene trasformato in diversi prodotti bioattivi, inclusi l’ormone α-melanocyte-stimolante (α-MSH), l’ormone adrenocorticotropico (ACTH) e l’endorfina β. Tutti questi si collegano a sistemi importanti. Dopo la secrezione, l’α-MSH si lega al recettore melanocortina 1 (MC1R) localizzato sui melanociti e attiva la produzione di melanina ed è legato al sistema leptina melanocortina legato all’obesità.

Questo significa che se siamo al spesso al sole potremmo persino perdere peso a prescindere dalla dieta.

Più sole = sonno migliore e meno guadagno di peso.
Vi consiglio di vaccinarvi ogni giorno con una bella mezz’oretta di esposizione appena svegli.

Ma torniamo allo studio in esame oggi.

Lavorare su turni: un lento distruggersi la salute.

In passato avevamo già visto i rischi che corrono i lavoratori su turni data la loro distruzione circadiana e l’assenza di esposizione solare.
Questo lavoro invece ha studiato per pochi giorni alcuni impiegati. Ebbene sembra che già chiudersi in tetri uffici ed esposti a luci artificiali di giorno non sia proprio il top per la salute…

Il presente studio è il primo a misurare le esposizioni alla luce nei lavoratori dell’ufficio usando un dispositivo calibrato che misura la luce circadiana-efficace e riferisce quelle misure all’umore, allo stress e al sonno. I risultati dello studio sottolineano l’importanza delle esposizioni di luce (solare) diurna per la salute del sonno.

Confermando tutta la complicata disquisizione di sopra che spero non vi abbia annoiati.

Per un sonno migliore e potenziare l’effetto del sole al mattino, utilizzate questi occhiali dopo le 18 in casa o in giro con gli amici:

Abbiamo appena concordato un’affiliazione on una importante azienda produttrice di occhiali blue blockeraustraliana. Gli occhiali, oltre ad essere carini esteticamente e di possibile utilizzo ovunque, sono certificati e filtrano più del 98% di luce blu e più del 90% di luce verde (qui). Per l’acquisto potete cliccare qui e scegliere il modello che più vi piace, avrete anche un piccolo ma significativo sconto del 5% inserendo il codice ANGELO.
I modelli con lenti ambra sono veri e propri blue blocker, i modelli con lenti più leggere sono utilissimi durante il giorno per lavorare al PC e sostare in uffici pesantemente illuminati da luci artificiali.
Ci sono modelli per bambini ed anche uno con clip per chi già indossa occhiali correttivi il visus.

I prezzi sono abbordabilissimi. Dai 55 ai 60 euro più circa 16 euro come spese di spedizione. I prezzi sul sito sono in dollari australiani, non fatevi ingannare!

RIFERIMENTO:
Sleep Health. 2017 Jun;3(3):204-215. doi: 10.1016/j.sleh.2017.03.005. Epub 2017 Apr 23.
The impact of daytime light exposures on sleep and mood in office workers.
Autori Vari
Link: qui

(Visited 165 times, 1 visits today)
Angelo

Angelo

Angelo 50 anni, ingegnere, papà di una bellissima figlia, ex ciclista e triatleta agonista con alcuni risultati apprezzabili. Dal 2004 ha sperimentato su se stesso la dieta paleo abbinata allo sport di endurance e seguito decine di altre esperienze analoghe su, forum tematici, di altri atleti ed appassionati come lui. Uno degli organizzatori dell'evento "paleomeeting", past president, attuale segretario e socio fondatore del SIMNE (Società Italiana di Medicina e Nutrizione Evoluzionistica)

Editoriale di Angelo Rossiello: la paleo non è la soluzione di tutti i mali…

“cotoletta” di zucca