EDITORIALE DI ANGELO ROSSIELLO: IL MIO PENSIERO SU LATTE E DERIVATI

Scritto da Angelo

Categorie: Nutrizione | Salute

8 Aprile 2022

IL MIO PENSIERO SU LATTE E DERIVATI

La mia risposta è un no secco. Il latte non è un cibo secondo natura, sia esso di mucca, di pecora, di capra, di cammello o di asina. I motivi sono infiniti. Mettendo da parte i ridicoli cavalli di battaglia dei guru del cibo e dell’integrazione (caseine che sono colle e lattosio per il quale non abbiamo l’enzima per digerirlo), altri motivi molto più importanti sono:

  • il latte ed i suoi derivati sono potentissimi interferenti endocrini. Infatti sono progettati da Madre Natura per far crescere il cucciolo più velocemente possibile al fine di renderlo indipendente. Contiene un coacervo di ormoni che solo ad elencarli ci vorrebbe il bugiardino degli effetti collaterali del farmaco sperimentale che nell’ultimo anno e mezzo hanno iniettato ben tre volte a oltre 40 milioni di italioti che sono gli stessi che la mattina si fanno un bel cappuccino per iniziare con lo sprint la giornata
  • il latte ed i suoi derivati sono talmente pieni zeppi di ormoni che hanno una speciale caratteristica. Sono uno dei pochissimi cibi che hanno indice glicemico disgiunto dall’indice insulinico. Cosa significa? Significa che il vostro dietologo del cazzo vi prescrive di mangiare lo yogurt per il diabete “perchè ha un indice glicemico basso e contiene tanti bei nutrienti e fa bene all’intestino”, vi sta al contrario UCCIDEENDO.

Ecco perchè chi vuol mettere su muscolo assume le proteine del latte (whey) dopo l’allenamento. Ha una “botta” di insulina abnorme ed un trasporto di aminoacidi (e zuccheri se sono aggiunti alla bevanda) nei muscoli massivo.

https://pubmed.ncbi.nlm.nih.gov/11451723/

  • contiene una valanga di calcio… Un eccesso di calcio che non ci serve manco per il cazzo e che manda in totale sbilanciamento il magnesio che è già FORTEMENTE carente nella nostra alimentazione e provoca PARADOSSALMENTE problemi alle ossa. In soldoni, il vostro dietologo del cazzo vi dice di mangiare formaggi e bere latte x volte a settimana per le ossa e per prevenire l’osteoporosi… Tuttavia vi sta accentuando il problema.

UN ALTRO CONSUMO DI LATTE E DERIVATI SI ASSOCIA AD UNA PIU’ ALTA MORTALITA’ E UNA PREVALENZA PIU’ ALTA DI FRATTURE.

L’assunzione di latte ed il rischio di mortalità e di fratture nelle donne e negli uomini: studi di coorte.

  • contengono esorfine, sostanze oppioidi che danno “dipendenze”, ecco perchè qualche deficiente esclama: “ma come faccio senza il cappuccino la mattina!?!?!?”… Oppure quando sentono che un nutrizionista famoso li consiglia esclamano giulivi: “allora faccio beneh a bermi i miei 4 litri al giornohhhh”! Però mia figlia ha l’acnehhh lapuò aiutare la “tua” lampadahhh… CAZZO, TOGLI PRIMA IL LATTE DEFICIENTE!

Mi fermo qui ma potrei andare avanti spendendo fiumi di parole e nessuno arriverebbe alla fine. Ora, se per la caseina e per il lattosio si può intervenire lavorando il prodotto con dei processi anche casalinghi, per la parte ormonale e per l’abnorme eccesso di calcio, NON POTETE FARE NULLA.

Quelli ve li tenete. Resistono anche alla pastorizzazione!

Allora quando qualcuno mi viene a dire che mangia (o beve) kg di formaggio o litri di latte fermentato o kefir e “SI TROVA BENE” o “SI E’ TROVATO BENE” o “NON NE PUO’ FARE A MENO”.. Sappia che a me viene solo da ridere.

Per me è al pari di quello che mi dice che non ha bisogno degli occhiali rossi la sera perchè “DORME BENE”… Cosa BIOLOGICAMENTE IMPOSSIBILE nell’era dei LED.

In conclusione chi dice che litri di latte fermentato gli “fanno bene” è in preda ad un effetto placebo oppure ha l’intestino talmente rovinato o viene da diete junk ricche di oli vegetali e prodotti industriali che chiaramente ne ottiene benefici PER FORZA
Esattamente come il vegano esaltato che però prima mangiava merda dalla mattina alla sera…

Passano dal mangiare merda al mangiare meno merda… Questione di scelte…
———————————————————————–

Ulteriori approfondimenti:

https://www.evolutamente.it/la-carne-rossa-e-nettamente-superiore-ai-latticini-nel-migliorare-la-sensibilita-allinsulina/

https://www.evolutamente.it/il-latte-non-e-solo-cibo-ma-molto-probabilmente-un-sistema-di-trasfezione-genica-che-attiva-la-crescita-postnatale/

Cereali e latticini e rischio di schizofrenia…

La caseina, la proteina contenuta nel latte e in alcuni suoi derivati, può provocare alterazioni del quadro lipidico ed aterosclerosi.

L’intolleranza al lattosio e il rischio di cancro ai polmoni, al seno ed alle ovaie.

NON TUTTO E’ COME PUO’ APPARIRE A PRIMA VISTA: UNA NUOVA IPOTESI RIGUARDANTE LA PERSISTENZA DELLA LATTASI E L’AUMENTO DELL’AMILASI SALIVARE

L’eliminazione del latte vaccino dall’alimentazione di donne che allattano…

Le proteine del latte rischiano di aumentare ulteriormente la massa grassa degli adolescenti già in sovrappeso

KEFIR SI KEFIR NO. NO, FORSE MEGLIO DI NO.

20% IN MENO DI MASSA OSSEA CON L’AVVENTO DELL’AGRICOLTURA E DELLA PASTORIZIA.

https://www.evolutamente.it/per-gli-infanti-meglio-la-formula-a-base-carne-o-latte/ https://www.evolutamente.it/latte-cancro-prostata/

Di latte e cereali possiamo serenamente farne a meno:

L’esperimento di Vilhjalmur Stefansson: solo carne ed acqua per un anno…

Latte come INFORMAZIONE (oltre che nutrimento) al neonato:

Latte Materno e circadianità del neonato

——————————————————————
Ma ecco che arriva il saputello di turno che esclama tronfio:

MA PERCHE’ HAI PUBBLICATOH I LIBRIH DELLA DR.SSA CAMPBELL E DI SALLY FALLON?!?!?!? CHE CONSIGLIANOHHH IL LATTEHHHH FERMENTATOHHHH?!?!?!? E FORMAGGIH???? CONTRADDIZIONEEEEHHHHHH!!!!

NOURISHING TRADITIONS – SALLY FALLON!

Rispondo pacatamente che io sono prima cosa un editore e quindi imprenditore e ahimè sono anche un divulgatore scientifico (spesso) sulle stesse tematiche dei libri che pubblico…

Ma sono anche un conoscitore e un estimatore della Costituzione italiana e quindi la mia casa Editrice T.R.U.Edizioni da spazio a tutti coloro che presentano tesi e novità.

Inoltre gli autori (molto più noti e bravi di me) sono a loro volta tra l’incudine ed il martello, stretti tra i loro pazienti che nella gran parte dei casi non tollererebbero di eliminare a vita alcuni cibi e le istituzioni con le loro assurde linee guida ed hanno anche ruoli istituzionali. Pertanto nei loro libri/capolavori indicano procedure e ricette che minimizzino (per quanto possibile) i danni di alcuni cibi (latte e cereali) ed ELIMINANO totalmente gli oli vegetali lasciando il cocco e l’olio di oliva che sono i meno dannosi.

———————————————————————–

Concludo dicendo che se avete problemi di salute o obiettivi agonistici il mio parere è quello di eliminare totalmente o quasi latte e latticini. Se non siete nelle condizioni di sopra, potete serenamente mangiarne delle porzioni senza esagerare, scegliendo almeno fonti artigianali tipo: “lavorato a latte crudo” che contiene già enzimi per la digestione oppure con caseine A2…
Personalmente ogni tanto “sgarro” felicemente con formaggi di altissima qualità che accompagno con dei vini in abbinamento. Sto bene, non ho particolari problemi ed inoltre il mio intestino lo POTENZIO facendo quello che davvero serve: PRENDO IL SOLE TUTTI I GIORNI ANCHE D’INVERNO ED USO LE MIE POTENTI LAMPADE che sono infinitamente più efficaci di qualsiasi cibo o pro-prebiotico o yogurth/kefir insulinotropico dei miei coglioni.

Come la luce migliora il microbioma

Il grande Weston Price nella sua opera che ha ispirato i lavori delle autrici su citate: Nutrition and Physical Degeneration aveva scoperto che le popolazioni da lui studiate che mangiavano cibi tradizionali (compresi in alcuni casi formaggi e cereali fermentati) erano in grandissima salute rispetto a coloro i quali vivevano in città.
Purtroppo anche lui trascurò come sempre capita ai GURU DEL CIBO, l’ambiente in cui queste popolazioni vivevano…

Nello specifico: all’aria aperta, esposti alla luce naturale e immersi nella Natura.

Esattamente ciò che capita agli individui che vivono ancora come cacciatori raccoglitori che bevano (Masai) o non bevano latte.

I Masai, la cui dieta è composta esclusivamente da carne e latte, non soffrono di problemi cardiaci.

Il loro microbioma intestinale è resiliente per l’ambiente in cui vivono e non certo per il fottutissimo latte che bevono…

La composizione del microbioma? Anche una questione di ritmi circadiani!

Con questo spero sia tutto ed ogni volta che qualcuno parlerà di latte e derivati tirerò fuori questo post/articolo.

Buona giornata a tutti.

Angelo Rossiello.

Articoli recenti…

LUCE ROSSA PER LA PARODONTITE

LUCE ROSSA PER LA PARODONTITE

La parodontite è una malattia infiammatoria orale cronica che distrugge progressivamente le strutture portanti dei...