close
Editoriale di Angelo Rossiello: alcune considerazioni sui test genetici

Editoriale di Angelo Rossiello: alcune considerazioni sui test genetici

18 maggio 2018DNAi-motif114Visualizzazioni

Sinceramente mi fanno stra-ridere i vari guru (medici, biologi, e guru a vario titolo) che consigliano test genetici per poi, in base ai risultati, tarare dieta ed integrazioni.

Mi fanno ridere (amaramente) perchè, esattamente come nel Medio-Evo, hanno una visione antropocentrica estrema.
L’uomo al centro del mondo.

Vi devo dare una brutta notizia signori: esattamente com’è emerso al recente paleomeeting 2018, in nostro corpo è un coacervo di batteri, mitocondri, virus, parassiti… E chissà quante altre cose dobbiamo ancora scoprire!

La terza edizione del Paleomeeting: un successo pazzesco ed emozioni a go-go.

Il dr. Cono Casale ha parlato di batteri, la dr.ssa Pelotti di mitocondri. Ed anche il sottoscritto ha parlato SOLO di mitocondri e come la salute di questi organelli sia cruciale per la nostra stessa sopravvivenza come specie.

ALTRO CHE DNA NUCLEARE!

Pertanto: studiare il nostro genoma (nucleare), senza tener conto di quello batterico (batteri che sono a miliardi e dappertutto ed interagiscono positivamente e/o negativamente con la nostra salute) e SOPRATTUTTO il genoma mitocondriale (i mitocondri con arcaici batteri che vivono da milioni di anni in simbiosi con tutti gli esseri viventi, producono energia e tantissime altre funzioni)…

Per carità! Più si apprende e più si fa un passo avanti! Non voglio dire che è inutile studiare questi settori.

Voglio dire che, al momento, spendere soldi per test genetici, sperando di migliorare la propria vita, potrebbe essere inutile.

Forse potrebbe essere interessante dare un’occhiata al nostro microbioma. Ma così per curiosità! Per vedere quanto è vario, percentuali… E poco altro. Anche perchè è flessibilissimo e cambia di giorno in giorno a seconda dei nostri stili di vita.

Avete mai letto i report che danno insieme all’analisi del microbioma?
Dire PATETICI è come far loro un complimento!

Vi prego cari amici dei vari laboratori… Limitatevi a fare il test. I vostri consigli SONO PATETICI, copiati pari pari dalle linee guida nutrizionali, senza neanche tener conto di altri stili di vita.

Allora qualcuno mi dirà: “ma io ho la mutazione MTHFR“…  L’ho vista col test!

Bravo! Ed io invece ti dico che non sei nato “sfortunato” ma che hai semplicemente stili di vita in perfetta distonia con il tuo retaggio di cacciatore-raccoglitore.

La mutazione genetica MTHFR non ci cade dall’alto perchè siamo sfortunati…

Magari forse ti piace pensare di essere sfortunato… Così hai un alibi perfetto per continuare a perseguire indefessamente le tue pessime abitudini di vita.

In ogni caso per MOLTE PIU’ INFO sull’inutilità dei test genetici ed anche sulla mutazione MTHFR, caro lettore, ti rimando al nostro libro “Vivere Secondo Natura” che puoi prenotare: qui

Ma veniamo al dunque!

Appena pubblicato questo lavoro che ci fa capire quanto siamo ancora lontanissimi dal capire come funziona il corpo umano: qui

Per la prima volta, gli scienziati hanno identificato l’esistenza di una nuova struttura del DNA, mai vista prima nelle cellule viventi.

La scoperta di ciò che viene descritto come un “nodo intrecciato” del DNA nelle cellule viventi, conferma che il nostro complesso codice genetico è realizzato con una simmetria molto più complessa della semplice struttura a doppia elica che tutti associano al DNA – e le forme di varianti molecolari influenzano la nostra biologia.

Ma leggete…

Gli “i-motif” (la nuova struttura DNA scoperta a “nodo intrecciato”) tendono inoltre ad apparire in quelle che sono conosciute come regioni “promotrici” – aree del DNA che controllano l’attivazione o la disattivazione dei geni – e nei telomeri, marcatori genetici associati all’invecchiamento.

L’autore leader, Zeaaradi, spiega a sciencealert:

“Queste conformazioni alternative del DNA potrebbero essere importanti per le proteine nella cellula al fine di riconoscere la sequenza di DNA cognitivo ed esercitare le loro funzioni di regolazione”

“Pertanto, la formazione di queste strutture potrebbe essere di fondamentale importanza affinché la cellula funzioni normalmente e qualsiasi aberrazione in queste strutture potrebbe avere conseguenze patologiche”.

Non credo ci sia molto altro da aggiungere.

Pensate a fare le cose semplici, naturali e logiche. La vita è anche questo.
Per il resto vi rimando alla lettura del nostro libro che vi spiega come fare.

Senigallia, lì 15/4/2018

 

 

 

 

 

(Visited 65 times, 1 visits today)
Angelo

Angelo

Angelo 50 anni, ingegnere, papà di una bellissima figlia, ex ciclista e triatleta agonista con alcuni risultati apprezzabili. Dal 2004 ha sperimentato su se stesso la dieta paleo abbinata allo sport di endurance e seguito decine di altre esperienze analoghe su, forum tematici, di altri atleti ed appassionati come lui. Uno degli organizzatori dell'evento "paleomeeting", past president, attuale segretario e socio fondatore del SIMNE (Società Italiana di Medicina e Nutrizione Evoluzionistica)

Editoriale di Angelo Rossiello: Lady Gaga e la sua fibromialgia