Editoriale di Angelo Rossiello: qualche riflessione sulla dieta paleolitica.

Scritto da Angelo

Categorie: Nutrizione | Salute

25 Novembre 2017

25/11/2017

Sono anni ed anni che i paleo-guru, me compreso anche se non mi considero assolutamente tale, parlano di DNA immutato ai tempi del paleolitico e dei danni dell’alimentazione e di alcuni stili di vita occidentali.

Ululiamo: il nostro DNA è immutato dal tempo del paleolitico e per questo giù di digiuni, alimenti secondo natura e bla bla bla bla… Tutto verissimo!

Cacciatori-raccoglitori nella metropoli: un compendio breve e ragionato di cibi paleo…

Simulare la dieta paleolitica oggigiorno è praticamente impossibile. I motivi sono vari. Per esempio i metodi di allevamento del bestiame, l’inquinamento del cibo, frutti grossi come meloni, dolcissimi, modificati geneticamente, verdure idem… Cose trite e ritrite e a conoscenza di tante persone preparate.

Ma riflettiamo insieme: qual è la cosa più innaturale in assoluto per la dieta?

OGGI POSSIAMO SCEGLIERE!

Oggi entriamo in un supermercato ed abbiamo l’imbarazzo della scelta, si litiga persino con la propria fidanzata o moglie su cosa mangiare, come cucinarlo, siamo schizzinosi… Ecc…

L’uomo del paleolitico mangiava TUTTO quello che trovava e, soprattutto, SE LO TROVAVA.

Ma tutto questo pippone a cosa serve? Serve a dire che la dieta paleolitica NON ESISTE. NON PUO’ ESISTERE.
Esiste qualcosa di assolutamente surrogato. Fare la fame per una scelta di digiuno è appunto una scelta e non una condizione reale, con tutto lo stress, adrenalina, ansie (naturali) che ne conseguono… Io so che nella credenza ho tanto cibo, nel freezer ho 20 kg di carne…

A proposito di freezer. Mangiamo carne, pesci, verdure congelate in modo automatico. Senza sapere che questi ormai sono cibi senza vita. Non hanno più i loro batteri benefici naturali, non hanno più i loro enzimi naturali che ne facilitano la digestione. Hanno solo qualche vitamina residua, minerali (se non espulsi in parte dall’acqua/sangue che fuoriesce), proteine e grassi.

Quindi il cibo congelato è già pesantemente meno nutriente e meno digeribile di un cibo fresco…

Per non parlare poi delle cotture. Mi fanno ridere coloro che si atteggiano “paleo” e poi cuociono tutto “ben cotto” per la paura di parassiti, batteri patogeni e così via… Tutto distrutto, disidratato… Mangiano un cartone praticamente.

Poi la carne fa male! Eh già…

Gli organi. Ormai ai mattatoi si buttano. Non li vuole più nessuno, sono sempre più complicati da procurare. Si sa che la bestia va mangiata intera se si vuole completezza di nutrienti: fegato, cervello, midollo…

Non per ultimo le fermentazioni… Come pensate conservasse la carne in eccesso l’uomo del paleolitico?
Poteva immergerla nell’acqua, così avrebbe resistito qualche ora in più… Poteva essiccarla… Si. Ma la tecnica principale era semplicemente lasciarla lì a fermentare, all’aria aperta… Secondo voi se trovava una carogna maleodorante e già putrefatta la lasciava lì alle iene? Ma per carità! Mangiava tutto ciò che avanzava con tutti i vermi, succhiando il midollo dalle ossa spaccate…

Disgustosa ma ulteriormente arricchita di batteri benefici per l’intestino e per la vitalità!

Mi dispiace disilludervi, ma tutto era cruento, violento. Immaginate a provare la fame VERA. Non quella del digiuno intermittente con la credenza piena di cibo…

Quella che pensiamo e ci illudiamo di fare è un surrogato. Surrogato infinitamente migliore di qualsiasi altra dieta occidentale. Su questo non ci piove.

High Meat – Preparazione

Gli improbabili dolci “paleo”… Fatti con farine assurde che rischiano di essere più un boomerang salutistico che una panacea…

Ma ecco il punto del discorso! Appurato sopra che la dieta paleolitica moderna NON ESISTE e la potremmo fare SOLO se ci trasferissimo nella foresta con arco e frecce. Mangiando cibi freschi, prevalentemente crudi, appena cacciati, bacche di stagione…

Dove possiamo intervenire veramente e solo in questo blog se ne parla?

Semplice! Sugli stili di vita! Questi sono facilmente simulabili e senza problemi.

Earthing, esposizione al freddo, esposizione al sole nello specifico, allenamenti “giusti”, controllo dello stress cronico (non acuto dei paleolitici)…
Lavorare sulla tecnologia delle abitazioni…

Attivazione Mitocondriale!

Usare semplici dispositivi di biohacking, economici e facili da usare. Per esempio gli occhiali blue blocker la sera per simulare il buio dopo il tramonto…

Ma se è così semplice… E vi assicuro che sono cose davvero semplici da applicare e FUNZIONANTI ANCHE PIU’ DELLA DIETA. Perchè nessuno ne parla?
Perchè nessuno, noi a parte, parla dell’importanza cruciale del ritrovare i giusti ritmi circadiani, del buon sonno… Vi rendete conto che potete mangiare tutti giorni caviale, kobe e salmone selvaggio ma se siete in distonia con l’ambiente vi ammalerete lo stesso. Senza pietà!


Perchè i cosiddetti medici “paleo”, i guru non ne parlano? Magari qualcuno neanche ci arriva, ci sta…

Io qualche spiegazione maliziosa l’avrei… Ma lascio le ormai banali deduzioni a voi, cari lettori.

TUTTO, MA PROPRIO TUTTO per vivere sani in un mondo che vi vuole a tutti i costi malati…
TRE manuali di vita COMPLETI e TOTALIZZANTI

https://shop.evolutamente.it/it/libri/4-vitamina-d-insonnia-il-male-del-nuovo-secolo-e-il-nuovo-vivere-secondo-natura-insieme.html

Angelo Rossiello

Articoli recenti…

LUCE E VIBRAZIONI

LUCE E VIBRAZIONI

Ecco un nuovo studio pazzesco che utilizza i meccanismi oscillatori per sbarazzarsi delle cellule tumorali:...