Editoriale di Angelo Rossiello: AHA – American Heart Association

Scritto da Angelo

Categorie: Nutrizione | Salute

15 Novembre 2017

Da anni il nostro blog combatte la battaglia contro la demonizzazione del colesterolo ed i grassi saturi… Da anni…
Non siamo da soli certo, ma combattiamo contro colossi supportati/finanziati/spalleggiati da Big Pharma.
Insomma Davide contro Golia…

la AHA – American Heart Association è l’associazione di medici (sempre loro) più potente al mondo che emana ogni anno le linee guida per la protezione del cuore e per le malattie cardiovascolari.

Insomma no al colesterolo, no ai grassi saturi, poche proteine… Ecc…

SI ALLE STATINE… Addirittura le vorrebbero mettere nell’acqua corrente per dare a tutti, di anno in anno abbassano i limiti del colesterolo per aumentare i fruitori di queste “caramelle”. Ultima notizia è che vorrebbero darle anche ai bambini.

Mostruosità incommentabili!

AMERICAN HEART ASSOCIATION: SUGGERIMENTI RIDICOLI SUL COCCO E BURRO DI COCCO.

Notizia di ieri

Il Presidente dell’American Heart Association, John Warner, si è dovuto allontanare dalle incredibili sessioni scientifiche dell’AHA lunedì dopo aver avuto un attacco cardiaco minore durante la conferenza scientifica principale dell’organizzazione.

Warner, un cardiologo e CEO di UT Southwestern University Hospital a Dallas. È stato portato in un ospedale locale, dove i medici hanno inserito uno stent per aprire un’arteria intasata.

Warner ha 52 anni, mio coetaneo di fatto, anche se sembra mio padre nonostante sembra abbia fatto sport ad altissimo livello…

Aveva appena fatto una conferenza sugli effetti della malattia cardiaca sulla sua famiglia. Aveva appena menzionato come sia il padre che il nonno avevano subito un intervento chirurgico con bypass cardiaco negli anni ’60. Aveva anche perso il nonno materno ed altri parenti a causa delle malattie cardiache.

INSOMMA UNA MISSIONE DI FAMIGLIA…

Aveva chiuso il suo discorso con queste perle:

«Prima del mio discorso, vi ho detto che non c’erano anziani nella mia famiglia. So che questo è vero anche in tante famiglie, non solo negli Stati Uniti, ma in tutto il mondo. Credo che le persone in questa stanza abbiano il potere – e anche il dovere – di cambiare le cose. Insieme, possiamo assicurarci che gli anziani e le anziane siano sempre presenti alle riunioni di famiglia… In altre parole, non vedo l’ora di un futuro dove le persone avranno l’esatta esperienza opposta della mia famiglia, che i figli crescano circondati da tanti parenti sani, amati e anziani….”.

GLUTINE SI, GLUTINE NO… Non sanno più a cosa aggrapparsi… Gluten free

Warner ha rappresentato l’organizzazione ovunque dalla capitale della nazione a Panama e Pechino. Le sessioni scientifiche sono di solito tra i punti salienti del mandato di un presidente.

“John ha voluto rafforzare che questo incidente sottolinei l’importante messaggio che ci ha lasciato nel suo discorso presidenziale ieri. Sono stati fatti molti progressi, ma resta ancora molto da fare. Eventi cardiaci possono ancora succedere in qualsiasi momento e ovunque “, ha dichiarato Nancy Brown, amministratore delegato dell’AHA.

Eh già! Fatalità!

Warner ha trascorso la maggior parte della sua carriera medica come cardiologo interventistico, spesso eseguendo la procedura sottoposta a lui lunedì mattina.

Destino…

Warner ha fatto una grande battaglia contro il fumo di sigaretta.

“Ho cominciato a vedere la salute della mia comunità in un modo diverso”, ha detto nel discorso di Domenica. “Fare parte di questo sforzo mi ha aiutato a capire che le voci dei medici, delle infermiere e dei dirigenti sanitari dovevano essere sentiti all’interno della comunità… Ho promesso di fare di più, di ampliare il mio coinvolgimento nella mia comunità e di fare la differenza su larga scala”.

Si è immolato, un santo!

Una grande opportunità è arrivata nel 2010, quando UT Southwestern ha deciso di costruire un ospedale da 800 milioni di dollari. Warner è diventato il Primario. I suoi sforzi sono stati così lodati da diventare amministratore delegato del sistema sanitario nel 2012, lo stesso anno in cui l’ospedale è stato aperto.

“Non vuoi un ragazzo che indossi il camice tutto il giorno che scada dal laboratorio di cath per mettere nel tuo stent”, ha detto ridendo.

Warner è nato a Lubbock e cresciuto nel Texas Occidentale. Le sue passioni primarie come giovane erano scienza e sport, soprattutto in esecuzione.

Era anche un grande sportivo che avrebbe voluto partecipare alle Olimpiadi.

“La prima volta che ho sentito la frase”attacco cardiaco” è stato a 6 anni, quando mio nonno morì improvvisamente”, ha detto nel suo discorso. “Come molte vittime, non aveva nessuna malattia cardiaca nota e la sua morte fu shock per la nostra famiglia. Più tardi entrambi i miei nonni morirono di malattie cardiovascolari… Proprio quando nacque mio figlio e lo stavamo introducendo alla famiglia estesa; capii qualcosa di molto inquietante: non c’erano anziani da entrambi i lati della mia famiglia. Nessuno. Tutti i rami del nostro albero genealogico erano stati distrutti da malattie cardiovascolari”.

Diranno che era “genetica”, che era “stressato”… Ma nessuno dirà mai al povero John che forse erano gli stili di vita e magari l’alimentazione…

Personalmente auguro una pronta ripresa al mitico John, per lui e per la sua famiglia. Gli auguro pure di aprire la mente e di liberarsi dalle catene delle convinzioni pregresse e di pensare “altrimenti”…

Lunga vita a John Warner!

Buona giornata a tutti.

Riferimento: qui

Articoli recenti…

LUCE E VIBRAZIONI

LUCE E VIBRAZIONI

Ecco un nuovo studio pazzesco che utilizza i meccanismi oscillatori per sbarazzarsi delle cellule tumorali:...