close
Il digiuno intermittente migliora il metabolismo in modo drammatico!

Il digiuno intermittente migliora il metabolismo in modo drammatico!

Di Angelo

L’attivazione della termogenesi “beige” è un approccio promettente per il trattamento delle malattie associate all’obesità, attualmente non esistono metodi farmacologici noti per indurla negli esseri umani.

Il grasso marrone o beige, fino a qualche anno fa si pensava fosse a disposizione solo dei più giovani per tenere il metabolismo elevato. Successivamente si è scoperto che è contenuto anche in persone particolarmente in forma che mangiano bene e si allenano costantemente.

QUI potete leggere le differenze tra il tessuto di grasso bruno (beige o marrone) e bianco.

Un derivato della vitamina A potrebbe trattare il diabete di tipo 2 e prevenire le sue complicanze cardiovascolari.

Il digiuno intermittente è una strategia efficace e naturale per il controllo del peso, ma il meccanismo è poco compreso.

In questo lavoro si dimostra che un regime di digiuno un giorno si ed uno no (EODF) stimola selettivamente lo sviluppo di grasso beige all’interno del tessuto adiposo bianco. Questo migliora drasticamente i parametri dell’obesità, la resistenza all’insulina e la steatosi epatica.

Il trattamento EODF produce uno spostamento della composizione microbiota intestinale che porta all’elevazione dei prodotti di fermentazione acetato e lattato e all’elevata regolazione selettiva dell’espressione del trasportatore monocarboxilato 1 nelle cellule beige.

I topi senza microbiota sono resistenti al “beiging” indotto dal EODF, mentre il trapianto del microbiota da topi trattati con EODF a topi senza microbiota attiva il “beiging” e migliora l’omeostasi metabolica. Questi risultati forniscono un nuovo meccanismo guidato dal microbiota che attiva il tessuto adiposo marrone (o beige) e trattare le malattie metaboliche.

RIFERIMENTO:
Cell Metabolism
Intermittent Fasting Promotes White Adipose Browning and Decreases Obesity by Shaping the Gut Microbiota
Autori Vari
Link: qui

(Visited 1.392 times, 1 visits today)
Angelo

Angelo

Angelo 50 anni, ingegnere, papà di una bellissima figlia, ex ciclista e triatleta agonista con alcuni risultati apprezzabili. Dal 2004 ha sperimentato su se stesso la dieta paleo abbinata allo sport di endurance e seguito decine di altre esperienze analoghe su, forum tematici, di altri atleti ed appassionati come lui. Uno degli organizzatori dell'evento "paleomeeting", past president, attuale segretario e socio fondatore del SIMNE (Società Italiana di Medicina e Nutrizione Evoluzionistica)

La Vitamina C come agente chelante del piombo.

Merluzzo con crema di cipolle al curry