Dieta Vegana e densità ossea: un lento autodistruggersi e, per i bimbi, un’assurda sofferenza!

Scritto da Angelo

Categorie: Nutrizione | Pillole | Salute

31 Ottobre 2015

Adattamento: Angelo

bone_1

Le diete vegetariane potrebbero essere, in qualche misura, salutari se sono ben bilanciate e si consuma una grande varietà di cibi.

Tuttavia, l’eliminazione completa di prodotti animali dalla dieta diminuisce l’apporto di alcuni nutrienti essenziali e può influenzare il metabolismo osseo. Ciò è particolarmente importante durante l’infanzia e l’adolescenza; quando la crescita ed il turnover osseo sono più “intensi“. Lo scopo dello studio che vi presentiamo era quello di valutare l’effetto della dieta vegana sulla densità ossea (BMD) e sui marcatori del metabolismo osseo.

I ricercatori hanno esaminato una intera famiglia vegana (genitori e due bambini). Gli alimenti che ingerivano sono stati analizzati utilizzando un programma nutrizionale. Sono state misurate la BMD totale ed in alcuni punti più delicati con un dual-energy X-ray absorptiometry. Le concentrazioni di calcio e fosfato nel siero sono state ottenute a digiuno, sono stati misurati i livelli di 25-idrossivitamina D e valutato il turnover osseo.

Risultati:

Nei vegani studiati, l’assunzione di fosfato era adeguata mentre il calcio e la vitamina D erano al di sotto del range raccomandato. Le concentrazioni di calcio, fosfato ed i marcatori del turnover osseo del siero di tutti i soggetti erano nel range fisiologico, ma il livello di 25-idrossivitamina D era basso. Lo Z-score totale pari età BMD era tra -0,6 e 0,3 negli adulti, ma nei bambini significativamente più basso (-0,9 e -1,0). Lo Z-score BMD della colonna lombare (L2-L4) era tra -0.9 a -1.9 per i genitori e tra -1.5 e -1.7 nei bambini.

Conclusioni:

I risultati suggeriscono che un apporto dietetico inadeguato di calcio e vitamina D può ridurre la velocità del turnover osseo e causare una diminuzione della densità minerale ossea nei vegani. I parametri della densità ossea e del metabolismo osseo devono essere monitorati nei vegani, soprattutto nei bambini, al fine di prevenire anomalie delle ossa.

Ndr. c’è da dire che i livelli di vitamina D sono bassi nella maggioranza della popolazione occidentale. In ogni caso resta il fatto che in questa famiglia di sciagurati vegani hanno tutti un turnover osseo negativo, soprattutto gli innocenti bambini.

IL NUOVO VIVERE SECONDO NATURA: la dieta dell’uomo!

Riferimento:
Pediatr Endocrinol Diabetes Metab. 2010;16(3):201-4.
The influence of vegan diet on bone mineral density and biochemical bone turnover markers.
Ambroszkiewicz J, Klemarczyk W, Gajewska J, Chełchowska M, Franek E, Laskowska-Klita T.
Link: qui

Diete vegane, un assurdo autodistruggersi.

Articoli recenti…