close
Decadimento della memoria di lavoro se si dorme con una luce molto fioca…

Decadimento della memoria di lavoro se si dorme con una luce molto fioca…

11 giugno 2018luce molto fiocamemoria di lavoro503Visualizzazioni

Decadimento della memoria di lavoro se si dorme con una luce molto fioca… Sono anni ce vi diciamo di dormire al buio pesto…

Di Angelo.

Lo scopo di questo studio era di verificare l’effetto dell’esposizione alla luce (molto) fioca di notte (dLAN) durante il sonno sull’attivazione cerebrale funzionale durante le attività di memoria di lavoro.

Si sono condotte analisi della risonanza magnetica funzionale (fMRI) del cervello su 20 soggetti maschi sani. Tutti i partecipanti hanno dormito in un laboratorio di polisonnografia senza esposizione alla luce nella prima e nella seconda notte e in condizioni di scarsa luminosità di 5 o 10 lux nella terza notte. La scansione fMRI è stata condotta durante le attività giornaliere dopo la seconda e la terza notte. Le mappe parametriche statistiche hanno rivelato meno attivazione nel giro frontale inferiore destro (IFG) dopo l’esposizione a 10 lux di luce. L’attività cerebrale nelle aree IFG destra e sinistra è diminuita più durante l’attività dopo l’esposizione alla luce fioca che durante l’attività dopo aver dormito al buio nel gruppo 10-lux. L’esposizione alla luce a 5 lux non ha avuto effetti significativi sulle attività cerebrali.

Conclusioni: L’esposizione ad una luce molto fioca  potrebbe influenzare la funzione cerebrale correlata alla cognizione.

Ricordiamo che 10 lux equivalgono ad un’intensità di 2 led televisivi ad 1 metro di distanza.

Altra notizia molto simile:

LA LUCE ARTIFICIALE DI SERA…

Mie personali considerazioni:

Riflettiamo insieme, i guru del cibo ed i ricercatori in campo alimentare si rendono conto di quanto la luce possa influenzare ogni aspetto della nostra vita?
Gli studi scientifici più complessi e meglio eseguiti cercano di eliminare dalle analisi statistiche tutti i “fattori confondenti”… Ma hanno mai pensato a quanto potente possa essere l’influenza della luce?
Ben oltre qualsiasi altro fattore confondente io credo, e no solo alla luce di questo lavoro che vi ho appena sopra presentato.

Conclusione: che valore possono avere studi scientifici e trail che non tengono conto dell’esposizone al sole ed alle luci artificiali? 

RISPOSTA: PURAMENTE INDICATIVI, INDIZIARI…

Il modo ha bisogno di più guru delle luce e meno guru del cibo
dr. Jack Kruse

RIFERIMENTO:
Scientific Reports
Decrease in fMRI brain activation during working memory performed after sleeping under 10 lux light
Autori Vari
Link: qui

(Visited 288 times, 1 visits today)
Angelo

Angelo

Angelo 50 anni, ingegnere, papà di una bellissima figlia, ex ciclista e triatleta agonista con alcuni risultati apprezzabili. Dal 2004 ha sperimentato su se stesso la dieta paleo abbinata allo sport di endurance e seguito decine di altre esperienze analoghe su, forum tematici, di altri atleti ed appassionati come lui. Uno degli organizzatori dell'evento "paleomeeting", past president, attuale segretario e socio fondatore del SIMNE (Società Italiana di Medicina e Nutrizione Evoluzionistica)

L’ULTIMO CHIODO SULLA BARA DELLA DIETA VEGANA

Recensione: “Primal endurance”. Mark Sisson.