close
“Dacci oggi il nostro PANE quotidiano… Ma liberaci dal male”… Amen! Quarta Parte.

“Dacci oggi il nostro PANE quotidiano… Ma liberaci dal male”… Amen! Quarta Parte.

25 Luglio 2016anoressiadrogaesorfinepane2128Visualizzazioni

Adattamento: Angelo

Parte prima

Parte seconda

Parte terza

drug

Pane e altre droghe

Durante la digestione, il glutine viene suddiviso in centinaia di migliaia di frammenti che non sono completamentesciolti“. Alcuni di loro assomigliano in modo incredibile alla morfina tanto che sono stati chiamati esorfine (dove “eso” si riferisce alla loro origine esterna; Zioudrou et al., 1979). Le esorfine vengono rilasciate anche da altre proteine, come la caseina, che si trova nel latte che è molto simile al glutine, ma anche dall’albumina nel riso e la zeina nel mais (Teschemacher, 2003). Come le esorfine influenzano il nostro comportamento e cosa succede se vengono assorbite dall’intestino e trasportate nel cervello, sono i temi delle prossime due sottosezioni.

milk

Le esorfine si presentano come come endorfine

Come la morfina, le esorfine si legano ai recettori degli oppioidi che sono ampiamente distribuiti in tutto il corpo in luoghi diversi, come l’intestino, i polmoni, i genitali, i vari distretti del sistema nervoso. Tali recettori sono naturalmente progettati per i nostri oppioidi: le endorfine (di origine interna, “endo“). Il nostro corpo può produrre endorfine per ridurre il dolore quando abbiamo bisogno di continuare a lottare/lavorare a dispetto di infortuni o stress, come durante il travaglio o il combattimento. Il “runner’s high(ndr. lo sballo del podista di lunghe distanze), che è lo stato di euforia vissuta dai corridori di lunga distanza, vive di su questo meccanismo (Boecker et al, 2008;., Ma vedi anche Fuss et al 2015)..

E ‘stato intrigantemente suggerito che una delle principali funzioni delle endorfine sarebbe quella di proteggere l’organismo contro la fame in tempi di stress e la prolungata scarsità di cibo (Margules 1979, 1988). Sappiamo che lo stesso oppioide può esercitare effetti opposti dipendentemente a quale recettore si lega (Teschemacher, 2003); la chiave potrebbe essere se il recettore capita nel corpo o nel cervello (Margules, 1988). Legati ai recettori degli oppioidi nell’intestino, infatti, le endorfine simili alla morfina tendono a conservare le risorse del corpo (per indurre la costipazione e la ritenzione idrica), ridurre l’attività motoria, diminuire il dolore, sopprimere gli ormoni sia della riproduzione che del desiderio sessuale. Legati ai recettori degli oppioidi nel cervello, al contrario, promuovono il dispendio energetico, aumentando la reattività e la (iper) attività. Il primo potrebbe essere interpretato come una risposta passiva ad una cosa simile al letargo dovuto alla carenza di cibo di stagione; quest’ultimo indotto per sostenere attivamente la migrazione (Margules, 1988; si veda anche Guising, 2003). Il collegamento potenziale tra un sistema oppioide malfunzionante e i disturbi alimentari come l’anoressia non è passato inosservato, ed è sostenuto da diverse linee di evidenza (vedi Yeomans e Gray, 2002). In particolare, le endorfine sono prodotte su richiesta, ma le esorfine sono generate praticamente ad ogni pasto (moderno).

Le esorfine alimentari sembrano svolgere il loro lavoro in gran parte o del tutto dall’intestino. Pertanto, esse dovrebbero sostenere il risparmio energetico in tutti i tipi di modi (vedere la prova per alcuni di questi in Teschemacher, 2003). Eppure le esorfine si legano direttamente ai recettori oppioidi del cervello se possono raggiungerli (Kostyra et al., 2004). La questione è se passano attraverso le barriere intestinali e ematoencefalica in quantità significative. Alcuni autori sostengono che, se queste barriere sono sane, probabilmente non possono raggiungerli (Miner-Williams et al., 2014). Questo è poco rassicurante data la facilità con cui la funzione anche di barriere sane può essere interrotta, sia da un evento stressante (Söderholm e Perdue, 2001), da componenti della dieta (Ulluwishewa et al., 2011), l’alcol (Purohit et al., 2008), o da un abuso di farmaci (ad esempio, Smale e Bjarnason, 2003). Infatti, le proteine del glutine marcate radioattivamente somministrate a ratti con sonda gastrica sono poi state trovate nel cervello degli animali sotto forma di esorfine (Hemmings, 1978; per quanto riguarda le prove relative proteine del latte, vedi Sun e Cade, 1999).

La produzione di esorfine è incredibilmente efficiente. Un apporto già insignificante nutrizionalmente di 1 g di caseina (circa due cucchiai di latte di mucca), per esempio, produce oppioidi in quantità sufficienti per esercitare effetti fisiologici (Meisel e Fitzgerald, 2000). Questo è notevole in vista dei fatti che:

  • (a) gli oppioidi da glutine sono più forti di quelli dalla caseina (Zioudrou et al., 1979), e
  • (b) il consumo medio giornaliero di glutine in Europa è 10-20 g, in molte persone superiore a 50 g (Sapone et al., 2012).

Nel cervello di ratti, gli oppioidi da caseina hanno dimostrato di essere 10 volte più potenti della morfina (Herrera-Marschitz et al., 1989). Se tutti le esorfine rilasciate nell’intestino arrivassero al cervello, questo, andrebbe completamente in tilt.

agricolture

Gli oppioidi stimolano sia l’appetito che gli aspetti gratificanti di cibo, di conseguenza, essi svolgono un ruolo importante nel desiderio del cibo e la dipendenza da cibo (per una rassegna, vedi Yeomans e Gray, 2002). L‘antagonista oppioide naloxone (ndr. un farmaco antidepressivo, usato pure per contrastare gli effetti di droghe) riduce drasticamente l’assunzione di cibi preferiti, ma non quelli non preferita, nei ratti (Glass et al, 1996;. Vedi anche Boggiano et al., 2005). Il naltrexone, che è molto simile a naloxone, ma ha un effetto più prolungato e può essere assunto per bocca, sopprime le abbuffate negli esseri umani (Marrazzi et al., 1995). Infatti, le persone che hanno ingerito prima naltrexone (contro placebo: Yeomans e Gray, 1997) valutano un piatto di pasta come meno piacevole e ne mangiano di meno. Il naloxone è molto noto per la sua capacità di contrastare gli effetti di una dose eccessiva di eroina, un derivato potente della morfina, e il naltrexone è utilizzato nel trattamento della dipendenza da eroina.

Gli alimenti che contengono esorfine, come il grano e i prodotti lattiero-caseari, hanno infatti la reputazione di essere gratificanti e le persone trovano estremamente difficile rinunciarvi. Le proprietà di dipendenza del latte sono state probabilmente progettate dall’evoluzione per gratificare l’allattamento. L’intestino dei neonati è altamente permeabile, non solo per gli anticorpi della madre come un aiuto per il sistema immunitario ancora immaturo, ma anche agli oppioidi latte (vedi Teschemacher, 2003). Tuttavia, la produzione dell’enzima per digerire correttamente il latte è geneticamente programmato per fermarsi dopo lo svezzamento. Le regolare assunzione di latte da parte degli adulti è evolutivamente iniziata solamente con la domesticazione degli animali; è stata consentita solo da una mutazione di questo enzima (ndr. la lattasi) nelle popolazioni che allevavano il bestiame. È interessante notare che (forse in modo preoccupante) gli oppioidi nel latte bovino sono 10 volte più forte di quelli nel latte umano (Herrera-Marschitz et al., 1989). Questo cosa potrebbe non essere estranea al fatto che circa la metà dei bambini fino ai 4 anni di età hanno bisogno del biberon di latte per addormentarsi (in Thailandia:. Sawasdivorn et al, 2008). Si noti che, come già detto, gli oppioidi del grano sono ancora più forti di quelli nel latte bovino (Zioudrou et al., 1979).

Probabilmente i prodotti alimentari che rilasciano durante la digestione esorfine sono preferiti dall’uomo esattamente a causa delle loro proprietà farmacologiche. E ‘stato ipotizzato, infatti, che questo “premio chimico” avrebbe potuto essere uno stimolo, 12.000 anni fa, per l’adozione dell’agricoltura (Wadley e Martin, 1993). Il perchè i cereali rapidamente ed ampiamente si sono sostituiti ai cibi tradizionali, anche se erano meno nutrienti e richiedevano più lavoro, è stato ampiamente considerato come un mistero. Inoltre, la coltivazione di cereali è continuata anche quando l’abbondanza dei prodotti alimentari trasformati alternativi come carne, tuberi e frutta poteva renderli inutili (vedi Murphy, 2007). Un indizio potrebbe essere il fatto che tutte le grandi civiltà, in ogni continente inabitato, sono sorte in gruppi che praticavano l’agricoltura cerealicola e non in gruppi che coltivavano solo tuberi e/o verdure o che erano semplicemente cacciatori-raccoglitori. Secondo le ipotesi di Wadley e Martin piuttosto audaci, l’auto-somministrazione di oppioidi tutti i giorni (da cereali) avrebbe aumento la tolleranza delle condizioni affollate/sedentarie delle persone, del lavoro regolare, di sottomissione ai governanti. Se così fosse, i cereali, avrebbero potuto infine, contribuire allo sviluppo della civiltà.

city

Troppo esorfine nel posto sbagliato

Non tutti gli individui gestiscono queste sostanze nello stesso modo. Per esempio, livelli anormalmente elevati di latte e/o di esorfine da frumento sono state trovate nelle urine (Hole et al., 1979) e nel sangue (Drysdale et al., 1982) di pazienti schizofrenici e nelle urine (ad esempio, Sokolov et al ., 2014; ma si veda Cass et al, 2008) di bambini autistici.. Quando purificate ed iniettate nel cervello di ratti, queste sostanze hanno reso i ratti, in modo molto sorprendentemente altalenante, agitati in un primo momento e poi inattivi ed iperdifensivi. Tra le altre cose, i ratti non hanno prestato alcuna attenzione al suono di una campana, una similitudine suggestiva alla sordità apparente spesso osservata nei bambini con autismo (Sole e Cade, 1999;. Cade et al, 2000). È interessante notare che per i non pazienti, le esorfine provenienti dal sangue delle persone sane, avevano gli stessi effetti sui ratti solo più debole e breve (Drysdale et al., 1982).

Oltre a produrre disturbi comportamentali simili a quelli osservati nella schizofrenia e l’autismo (come la diminuzione dell’interazione sociale, la ridotta sensibilità al dolore, l’attività motoria incontrollata: Sun e Cade, 1999), le esorfine attivano nei ratti le stesse regioni del cervello che sono colpite nella schizofrenia e l’autismo. Gli effetti dirompenti che esercitano su aree visive e uditive sono coerenti con malfunzionamenti tipici come le allucinazioni nella schizofrenia (Sun et al., 1999). Per cui, forse non è un caso, che un recente “case study” di un paziente adulto ha descritto la completa risoluzione di allucinazioni visive e uditive altamente inquietanti, sperimentate tutti i giorni dalla prima infanzia, dopo la rimozione del glutine dalla dieta (Genuis e Lobo, 2014).

all

Gli effetti delle esorfine alimentari sul comportamento (per una revisione completa, vedere Lister et al., 2015) e sul cervello (Sun et al., 1999) sono invertite trattando i topi con antagonisti degli oppiacei. Il naloxone ha mostrato di poter anche fermare temporaneamente i sintomi psicotici, in particolare le allucinazioni, nei pazienti schizofrenici (Emrich et al, 1977;. Jørgensen e Cappelen, 1982). Il naltrexone avvantaggia alcuni bambini con autismo (Roy et al., 2015), probabilmente bloccando nel cervello l’attività oppioide che potrebbe essere eccessivamente alta in questi bambini (Sahley e Panksepp, 1987). I tentativi di eliminare le esorfine in eccesso dal sangue dei pazienti con schizofrenia tramite dialisi settimanale per 1 anno ha portato a risultati notevoli, con il 40% dei pazienti che hanno notevolmente migliorato o si sono completamente ripresi dalla schizofrenia. In alcuni pazienti che non miglioravano, la produzione continua e l’assorbimento delle esorfine dalla dieta avrebbe potuto essere così alta che la dialisi non ne riusciva a ridurre la concentrazione ematica. Infatti, i cinque pazienti che, combinando dialisi con una dieta priva di glutine e caseina, sono tutti o significativamente migliorati o guariti del tutto (Cade et al., 2000).

Nei bambini psicotici (Gillberg et al., 1985), i pazienti schizofrenici (Lindström et al., 1986), e le donne con psicosi post-partum (Lindström et al., 1984), sono state rilevate quantità maggiori al normale di esorfine nel liquido cerebrospinale. Le esorfine chiaramente non dovrebbero stare lì. In presenza di “passaggi“, però, potrebbero migrare dall’intestino al sangue (inducendo una reazione immunitaria) e da lì al fluido cerebrospinale. Nelle persone con schizofrenia (a differenza degli individui sani) più anticorpi contro il glutine si trovano nel sangue, più si trovano anche nel liquido cerebrospinale (Severance et al., 2015). Questa correlazione suggerisce una più ampia diffusione di anticorpi da un luogo all’altro sia in pazienti che in non pazienti, indicando che la barriera si dis-regoli anche transitoriamente. Vale la pena ricordare che il glutine viene preconfezionato con la capacità di causare questa disregolazione.

Ultima parte/conclusioni

Riferimento:
Front. Hum. Neurosci., 29 March 2016 | http://dx.doi.org/10.3389/fnhum.2016.00130
Bread and Other Edible Agents of Mental Disease
Paola Bressan and Peter Kramer
Link: link full text

Cereali? Lasciamoli ai vegetariani/vegani

(Visited 615 times, 1 visits today)
Angelo

Angelo

Angelo 50 anni, ingegnere, papà di una bellissima figlia, ex ciclista e triatleta agonista con alcuni risultati apprezzabili. Dal 2004 ha sperimentato su se stesso la dieta paleo abbinata allo sport di endurance e seguito decine di altre esperienze analoghe su, forum tematici, di altri atleti ed appassionati come lui. Uno degli organizzatori dell'evento "paleomeeting", past president, attuale segretario e socio fondatore del SIMNE (Società Italiana di Medicina e Nutrizione Evoluzionistica)

Sport di Endurance e dieta Gluten Free.

Crostino di platano con Alici