close
Contrastare la seconda ondata con i fatti, non idee sbagliate
shop evolutamente

Contrastare la seconda ondata con i fatti, non idee sbagliate

Udi Qimron, Uri Gavish, Eyal Shahar, Michael Levitt

Traduco integralmente il documento a cura di matematici, epidemiologi ed un Premio Nobel per la Chimica (M. Levitt) che ha convinto il governo israeliano a non adottare alcuna misura precauzionale per il seconda ondata.
Spero sia apprezzato e soprattutto letto anche dai nostri governanti e scienziati dalle poche idee ed anche confuse.
Oltretutto, dal mio punto di vista di analitico, l’epidemia è già bella che finita…

Angelo Rossiello

In foto il premio Nobel M. Levitt

Documento originale: QUI

Nel marzo di quest’anno, il governo del Regno Unito ha seriamente considerato di evitare il lockdown, ma ha cambiato bruscamente idea dopo che i modelli matematici, presentati dal Prof. Neil Ferguson (ndr. dimissionario dopo che era stato beccato violare il lockdown da lui stesso perorato per raggiungere la fidanzata), avevano previsto scenari apocalittici senza fondamento.

Lo stesso tipo di modelli prevedeva che in Svezia il numero di morti per COVID-19 avrebbe raggiunto circa 100.000 unità entro giugno, se il governo svedese avesse continuato a rifiutarsi di imporre misure di blocco. La Svezia ha rifiutato questi modelli e ha coraggiosamente adottato, sebbene con alcuni fallimenti iniziali, una politica democratica che ha ampiamente consentito la vita normale.

Nonostante le tante case di cura in Svezia, le misure di protezione precoce insufficienti e in netto contrasto con le previsioni apocalittiche, il numero di morti si è rivelato essere il 6% di quello previsto, circa 6.000 persone, con un’età media di 81 anni. La metà delle vittime erano residenti in case di cura che, in Svezia, hanno un’aspettativa di vita media di 9 mesi dopo l’ammissione. Se una politica simile dovesse essere adottata in Israele, ad esempio, questa cifra di 6.000 pone un limite massimo di 3.000 morti, perché la dimensione della popolazione anziana svedese è più del doppio di quella di Israele. Per fare un confronto, più di 4.000 persone che contraggono la polmonite muoiono in Israele ogni anno, ovvero una media di più di 10 persone al giorno.

La diffusione dell’epidemia di COVID-19 in Svezia ha raggiunto il suo punto di saturazione senza soddisfare la ben nota, ma errata, soglia di infettare il 60% della popolazione totale, il presunto livello richiesto per l’immunità di gregge. Come è successo?

Contrariamente a una credenza popolare, la politica svedese non si prefiggeva l’obiettivo di infettare quante più persone possibile. Il suo obiettivo era, ed è tuttora, consentire un livello sostenibile di vita normale, raccomandando al contempo alle persone vulnerabili di prendere precauzioni e consentendo agli altri di essere esposti al virus e sviluppare l’immunità. Quest’ultima, che rappresentava meno del 20 per cento della popolazione, ha integrato l’immunità naturale al virus che già esisteva nella popolazione, arrestandone la diffusione.
Israele e altri paesi che affrontano una seconda ondata possono adottare una politica simile alla Svezia, o anche megliore. Una tale politica può fornire una rapida uscita dalla crisi e ridurre il numero delle vittime. Per prima cosa bisogna elencare i contro-argomenti.

Tre argomenti contro l’esposizione al virus della popolazione a basso rischio

1. L’immunità acquisita a seguito dell’infezione è di breve durata e pertanto non dovrebbe essere invocata.
2. Al fine di raggiungere il punto di saturazione della diffusione dell’infezione, il 60% della popolazione deve essere infettato – una percentuale intollerabile.
3. Il bilancio delle vittime di tale politica sarà superiore al bilancio delle vittime dell’alternativa – vale a dire, l’imposizione ciclica e l’allentamento delle restrizioni, in base ai tassi di infezione osservati.

Respingiamo inequivocabilmente questi argomenti perché l’evidenza scientifica indica che è vero l’esatto contrario. Tutti e tre sono basati su idee sbagliate e coloro che hanno concepito questi errori continuano a tenerseli stretti, portando molti paesi a catastrofi provocate dall’uomo. Confutiamo ogni argomento successivo.

L’infezione da COVID-19 provoca un’immunità a lungo termine

Il primo argomento – l’infezione non si traduce in immunità a lungo termine – deriva da rapporti errati sulla re-infezione in persone che si sono riprese da una precedente. Decine di casi di re-infezione sono stati scoperti in Corea del Sud diversi mesi fa e hanno causato un grande aumento di panico. Tutte queste infezioni ricorrenti si sono rivelate errori di test (falsamente positivi) a causa dell’incapacità del test PCR standard di distinguere tra un virus vivo e il suo materiale genetico residuo.

Su oltre 20 milioni di persone infette, sono stati segnalati solo pochi casi di re-infezione e la possibilità di un errore di test non è mai stata adeguatamente esclusa. Il fatto che quasi nessuna re-infezione sia stata ancora stabilita con certezza dopo milioni di infezioni, indica in modo schiacciante che l’immunità è efficace per almeno 8 mesi dopo l’infezione (il tempo trascorso dall’emergenza virale). Non vediamo alcun motivo per presumere che l’immunità al COVID-19 svanirà rapidamente, poiché l’immunità dura tipicamente per anni. Non c’è nulla che suggerisca che sarà diverso in questo caso particolare.

L’infezione diffusa non è necessaria per fermare l’epidemia

L’argomento secondo cui il 60% della popolazione deve essere infettato e diventa immune prima che la diffusione dell’infezione venga arrestata (immunità di gregge) si basa su un calcolo matematico errato. Quel calcolo si basa su due ipotesi principali:

1. Il tasso di contatto con gli altri individui è lo stesso per ogni persona in una popolazione
2. COVID-19 è un virus completamente nuovo e, pertanto, non esiste un’immunità precedente. Qualsiasi esposizione al virus porterà a un’infezione.

Di recente, Science, una delle principali riviste scientifiche al mondo, ha pubblicato un articolo che ha evidenziato l’assurdità alla base del calcolo della soglia del 60 per cento. Gli autori affermano un fatto ovvio: per quanto riguarda i tassi di contatto, le persone non interagiscono in modo identico con le altre persone; alcuni hanno più contatti di altri. Ad esempio, un cassiere in un supermercato e un tassista incontrano molte più persone rispetto al pensionato medio. Poiché le persone con molti contatti sociali sono fattori chiave nella trasmissione del virus, la loro immunità contribuirà a fermare la diffusione del virus più delle persone che hanno pochi contatti con gli altri. I primi si infettano prima e diventano immuni più velocemente rispetto alle persone con un basso tasso di contatto, quindi la diffusione del virus raggiunge la saturazione a un livello significativamente inferiore al 60%. Anche in questo caso, quest’ultimo si fonda sul falso presupposto di contatti sociali uniformi per tutti i membri di una popolazione.

L’evidenza più significativa – che smentisce decisamente la necessità di un tasso di infezione del 60% – è la pre-immunità. Ad esempio, COVID-19 ha diversi parenti (altri coronavirus) a cui la popolazione era stata esposta, e tale esposizione precedente può fornire immunità a un segmento significativo della popolazione.
Ad aprile, due di noi hanno scritto un articolo sulla natura postulata di questa immunità e sulle prove statistiche che ne indicavano l’esistenza. Abbiamo notato che in diverse comunità chiuse sottoposte a test, il tasso di infezione è stato sempre limitato al 20%, che statisticamente si allinea con il tasso di infezione massimo in queste comunità piuttosto che con coincidenze ricorrenti. Circa un mese dopo, un gruppo di ricercatori ha pubblicato prove corroboranti su Cell, una delle riviste più prestigiose nel campo delle scienze della vita. Circa il 60% delle persone in California che non erano mai state esposte a COVID-19, aveva cellule della memoria immunitaria che riconoscevano il virus e quindi è probabile che forniscano l’immunità. Inoltre, uno studio in Germania ha dimostrato che tale immunità potrebbe raggiungere un livello di copertura fino all’81% della popolazione.

Partiamo dal presupposto che la situazione in Israele sia anche migliore, ad esempio a causa della distribuzione per età (più giovani) e del numero di bambini per famiglia (più alto). L’assunto sopra implica che meno di Il 20% della popolazione israeliana è suscettibile a un’infezione da virus, mentre la stragrande maggioranza è immune. È urgentemente necessaria un’indagine sull’immunità cellulare per stimare il livello di questo tipo di immunità in Israele e in altri paesi.

Questo tasso di pre-immunità al COVID-19 è evidente anche nei tassi globali di infezione. Il virus è partito infettando gli esseri umani più di otto mesi fa, e l’epidemia si è già diffusa nella maggior parte del mondo. Tuttavia, in tutti i paesi, il tasso di infezione rimane al di sotto del 20% della popolazione generale. Questo tasso limitato di infezione è rimasto invariato indipendentemente dalle misure di allontanamento sociale (se presenti), come quarantene, blocchi locale o nazionali, uso di maschere e così via. In Svezia, per esempio, il tasso di infezione non ha superato il 20% e la percentuale di persone sopravvissute all’epidemia supera il 99,9% (!) della popolazione.

Questo è anche il caso del Belgio, il paese con il più alto tasso di mortalità della popolazione, in cui meno del 20% si è infetto e più del 99,9% della popolazione è sopravvissuta all’epidemia.

Supponendo che circa l’80% della popolazione israeliana abbia una sorta di immunità cellulare, sia a causa della precedente esposizione ai coronavirus, sia per ragioni genetiche o di altro tipo, stimiamo che l’epidemia svanirà naturalmente quando il 5-15% della popolazione sarà infettata. Le implicazioni di questi risultati sono della massima importanza. Chiedono la rimozione immediata della maggior parte delle restrizioni all’economia, il ritorno immediato alla vita normale della popolazione a basso rischio, aiutando i gruppi ad alto rischio a ridurre il tasso di contatti sociali (ad esempio, monitoraggio continuo delle case di cura, consentendo agli insegnanti diabetici (ndr. altro rischio) di lavorare da casa).

Cercare di “mitigare” la pandemia comporterà un pesante tributo alle vite umane

Anche il terzo argomento – la rimozione delle restrizioni comporterà una mortalità più elevata rispetto a una politica di blocchi e restrizioni – non è corretto. Un virus si diffonde nella popolazione fino a quando un numero sufficiente di persone viene infettato e diventa immune o fino a quando non viene trovato un vaccino. I blocchi e le restrizioni possono solo rallentarne la diffusione (“appiattire la curva”) ma non abbassano il numero totale di infezioni o la mortalità complessiva.

Se sussistesse il rischio di travolgere gli ospedali con migliaia di accessi, allora potrebbe essere necessario rallentare la diffusione dell’infezione con i lock down ed altre misure restrittive. In caso contrario, l’appiattimento della curva può essere solo dannoso poiché l’infezione ritorna una volta rimosse le restrizioni. Inoltre, una protezione efficace dei gruppi ad alto rischio è possibile solo per un periodo di tempo limitato: più passa il tempo, più difficile è prevenire la loro esposizione al virus. Perciò, paradossalmente, sono proprio i blocchi e le restrizioni a rallentare la costruzione dell’immunità di gregge, che a sua volta è necessaria per fermare l’epidemia e proteggere i gruppi ad alto rischio. A lungo termine, tale politica può portare a una mortalità eccessiva. Un altro motivo per un urgente cambiamento di politica è che sembra che in Israele il tasso di mortalità per malattia in estate sia parecchie volte inferiore che in inverno, anche correggendo fattori statistici come l’aumento del numero di test.
La prova più evidente che un blocco sospende solo l’infezione, invece di abolirla, è che l’infezione riprende dopo la rimozione, come sta accadendo ora in Israele e altrove. In Svezia, invece, non c’è “seconda ondata” perché non c’è stato blocco. Pertanto, la politica di imporre e allentare le restrizioni non fa che prolungare la crisi, distruggere l’economia e alla fine porta a un maggior numero di vittime. Può anche continuare per anni fino a quando un vaccino non sia disponibile.

L’alternativa ai blocchi e alle restrizioni deve essere presa seriamente in considerazione

Si può presumere che la gestione della crisi del COVID-19 sarà esaminata attentamente, sia in termini di aspetti sanitari, ma anche alla luce dell’indignazione pubblica per lo stato dell’economia. Così tante persone in tutto il mondo hanno perso le loro fonti di reddito, mezzi di sussistenza, dignità e futuro. La povertà è un fattore di rischio di mortalità molto più grave del COVID-19 e colpisce i bambini tanto quanto gli adulti. Una delle domande chiave che sicuramente verrà posta è se la leadership di ogni paese abbia mai preso seriamente in considerazione una valida alternativa alla risoluzione della crisi, che non costerà così tante vite umane o distruggerà l’economia. Paesi come Norvegia, Irlanda e Belgio hanno già dichiarato che non imporranno ulteriori blocchi in quanto il danno evidente supera di gran lunga il vantaggio dubbio. Per dissipare l’incertezza economica, lo stesso deve essere dichiarato immediatamente in Israele e in altri paesi.

LA VERA SECONDA ONDATA… VIDEO DI OLTRE 2 MESI OR SONO.

Israele ha le condizioni ottimali per far fronte alla pandemia, ora

Oggi è l’ultima possibilità per la leadership in Israele e in altri paesi di dichiarare che non verrà imposto un altro blocco, né totale né parziale. Israele ha enormi vantaggi rispetto alla Svezia e ad altri paesi nel contesto della pandemia. La popolazione è in media molto più giovane (solo circa l’11% della popolazione ha più di 65 anni). Israele ha eccellenti servizi medici e capacità logistiche per gestire i pazienti ospedalizzati in condizioni gravi. L’estate, che probabilmente ha anche un effetto positivo sulla diffusione del virus e sul suo tasso di mortalità, è particolarmente lunga. Inoltre, sembra esserci un’elevata immunità naturale nella regione del Medio Oriente, forse a causa di un’elevata esposizione ai comuni virus del raffreddore (mentre i paesi dell’Europa occidentale potrebbero aver avuto “punti liberi” di immunità a causa di una scarsa esposizione a questi virus). Alla luce della sua eccellente apertura e condizioni, Israele può ora perseguire una politica che protegge le popolazioni vulnerabili, mentre si sforza di completare lo strato immunitario necessario per fermare la diffusione del virus, molto prima della soglia del 60%.
Pertanto, Israele può essere alla fine della crisi nei prossimi mesi prima che arrivi l’inverno, dando così l’esempio al resto del mondo.

Prof. Udi Qimron is the (elected) Head of Department of Clinical Microbiology and Immunology, Faculty of Medicine, Tel-Aviv University
Dr. Uri Gavish is a Physicist, an expert in Algorithm Analysis and a Bio-medical consultant
Prof. (Emeritus) Eyal Shahar is an Epidemiologist, University of Arizona
Prof. Michael Levitt is a Nobel Prize-winning (Chemistry, 2013) Structural Biology professor, Stanford University

The original article was published in Ha’aretz in Hebrew on July 20, 2020. The English text contains minor revisions.

(Visited 4 times, 8 visits today)
Angelo

Angelo

Angelo 52 anni, ingegnere, papà di una bellissima figlia, ex ciclista e triatleta agonista con alcuni risultati apprezzabili. Dal 2004 ha sperimentato su se stesso la dieta paleo abbinata allo sport di endurance e seguito decine di altre esperienze analoghe su, forum tematici, di altri atleti ed appassionati come lui. Uno degli organizzatori dell'evento "paleomeeting", past president, attuale segretario e socio fondatore del SIMNE (Società Italiana di Medicina e Nutrizione Evoluzionistica). Co-autore de IL NUOVO VIVERE SECONDO NATURA ed autore del best seller INSONNIA. IL MALE DEL NUOVO SECOLO.

FRANCIA: L’EPIDEMIA DI CORONAVIRUS E’ FINITA A MAGGIO 2020