Il consumo di oli vegetali è associato in modo importante ad un aumento di aggressività.

Scritto da Angelo

Categorie: Nutrizione | Salute

28 Settembre 2017

Studi clinici di intervento e studi su animali indicano che l’aumento di assunzione di omega 3 a catena lunga combinata ad una riduzione di acido linoleico (contenuti in abbondanza negli oli vegetali) abbassa la prevalenza di comportamenti aggressivi e violenti.

L’acido linoleico è contenuto in grande abbondanza in tutti gli oli vegetali, olio extravergine di oliva compreso.

Di Angelo.

Abbiamo già visto in precedenti articoli del blog come gli oli vegetali ed un forte squilibrio del rapporto omega 6/omega 3 possano essere collegati all’infiammazione di basso grado. Di conseguenza a tutta una serie di patologie e sub-patologie infinite.

In questa vecchia review del 2004 i ricercatori esaminiamo se le misure economiche che spingono verso un maggiore consumo del omega-6 (oli vegetali) nel tempo in svariati paesi si possano correlare ad un maggiore rischio di omicidio.

L’acido linoleico disponibile per il consumo umano (omega 6) è stato calcolato in base ai dati dell’Organizzazione Mondiale della Sanità scomparsa per 12 grandi oli di semi come utilizzo di cibo per umani per gli anni che vanno dal 1961 al 2000 in Argentina, Australia, Canada, Regno Unito, e Stati Uniti (USA).

I tassi di mortalità per omicidi, per età, sono stati ottenuti dall’autorità giudiziaria centrale di ciascun paese.

Le sindromi dolorose idiopatiche come la fibromialgia potrebbero derivare anche dal consumo eccessivo di oli vegetali.

L’apparente apporto di acido linoleico variava dal minimo del 0,29% del 1962 in Australia (percentuale di energia giornaliera) per innalzarsi ad un importante 8.3% nel 1990 (in USA). Essendo lo studio del 2004 c’è da attenderci che queste percentuali possano essersi ulteriormente alzate oggi.

Gli oli vegetali evoluzionisticamente sono nati da 4-5000 anni. Un battito di ciglia rispetto ai milioni di anni dell’evoluzione umana…

Inizialmente erano utilizzati solo per torce e lampade. Solo un pazzo avrebbe potuto considerarli “cibo“. Uno sviluppo così importante però si è avuto dal dopoguerra in avanti. Nei giorni d’oggi sono addirittura considerati, con incredibili ed improbabili operazioni di marketing, elisir di lunga vita; cibo per gli dei… Ricapitolando l’uomo si è evoluto per milioni di anni senza mangiare oli vegetali e poi oggi dovrebbe consumarli perchè farebbero, bene… Sono cose che ci lasciano sbigottiti.

MYTH BUSTING: risposta alle più comuni contestazioni da parte dei detrattori del regime dietetico “paleo”. Parte Terza.

Torniamo allo studio:

Il maggiore consumo apparente di acido linoleico si è correlato con più alti tassi di mortalità per omicidio: fino a 20 volte! (0,51-10,2/100.000). Questo in tutti i paesi e con una crescita congruente alla crescita del consumo di oli vegetali. Il calcolo è stato fatto con un modello di regressione lineare (r = 0,94, F = 567 P <0,00001). All’interno di ciascun paese, le correlazioni tra una maggiore consumo apparente di acido linoleico e la mortalità per omicidio nel tempo erano significative nei modelli di regressione lineare. Studi controllati randomizzati sono necessari per determinare se ridurre elevato consumo di acido linoleico da oli da semi con composizioni alternative possa ridurre il rischio di comportamenti violenti.

Alcuni farmaci e gli oli vegetali come subdola causa scatenante l’epidemia di diabete e malattie cardiovascolari.

Abbiamo bisogno di studi d’intervento per stabilire approcci dietetici economicamente sostenibili ma efficaci per ridurre la pandemia di violenza nelle società occidentali. Così come sono utilizzati interventi dietetici nel tentativo di ridurre la mortalità cardiovascolare. Le diete basse di acidi grassi linoleati già sono state verificate efficaci nel correggere malattie comportamentali.

Nota dell’editore del blog:

Ricordiamo il jingle dei vegetariani/vegani: “LA CARNE FA DIVENTARE VOLENTI“!
La realtà è che sussiste l’esatto opposto!

IL NUOVO VIVERE SECONDO NATURA è il tomo più completo al mondo per quanto riguarda dieta e stili di vita ancestrali e ti spiega tutto, ma proprio tutto, sui grassi alimentari distruggendo, come un castello di carte al vento, la narrazione mainstream…

RIFERIMENTO:
Lipids. 2004 Dec;39(12):1207-13.
Increasing homicide rates and linoleic acid consumption among five Western countries, 1961-2000.
Hibbeln JR, Nieminen LR, Lands WE.
Link: qui

Articoli recenti…

FOTOBIOMODULAZIONE E LUCE BLU

FOTOBIOMODULAZIONE E LUCE BLU

Dopo anni di divulgazione e migliaia di copie vendute dal best seller “INSONNIA: IL MALE DEL NUOVO SECOLO”, in cui si...