close
Come l’alcol influenza i singoli aspetti della sindrome metabolica

Come l’alcol influenza i singoli aspetti della sindrome metabolica

1 giugno 2018alcoolsindrome metabolica376Visualizzazioni

Nella letteratura scientifica sono ormai numerose le evidenza che suggeriscono un ruolo protettivo dell’alcol rispetto alla sindrome metabolica. Pochi studi però sono concentrati sulla relazione tra bere alcol e gli effetti sui vari tasselli della sindrome metabolica.

A cura di Mario

Uno studio pubblicato su Nutrition and Metabolism ha esaminato queste relazioni tra la popolazione della Cina rurale.
Sono stati utilizzati i dati del Nantong Metabolic Syndrome Study, che ha analizzato 20.502 persone, tra cui 13.505 donne e 6.997 uomini adulti (18-74 anni), nell’arco di tempo compreso tra il 2007 e il 2008.

L’incidenza della sindrome metabolica è risultata pari al 21.1%. Tra le donne bevitrici, quelle con tale sindrome erano pari al 20.6%, mentre tra chi non beveva al 23,6%. Tra gli uomini si è riscontrata una differenza paragonabile a quella registrata tra le donne: 16,4% tra i bevitori, 17,1% tra i non bevitori.
Si è notato che i bevitori avevano un livello di colesterolo HDL più alto, sia tra gli uomini che tra le donne.
Solo tra i consumatori (uomini e donne) di vino di riso, si è notato che i livelli di trigliceridi e la pressione del sangue erano più bassi. Chi beveva birra e liquori, invece, aveva una maggiore circonferenza vita, maggiori livelli di trigliceridi e una pressione del sangue più alta.

Un maggiore consumo di vino di riso nelle donne si è visto poter ridurre del 24% il rischio di trigliceridi alti, del 30% il rischio di avere bassi livelli di colesterolo HDL e del 43% il rischio di alti livelli di glucosio rispetto a chi non beveva.
Invece un alto consumo di liquori è associato, tra gli uomini, a un rischio di ipertensione superiore del 32% rispetto a chi non beve, di pressione diastolica alta superiore del 55%, di obesità addominale superiore al 34%. Il rischio di bassi livelli di HDL invece decresce comunque in modo molto significativo (del 45%).

Dai dati analizzati, si è riscontrato che tutte le bevande alcoliche inducono un aumento del colesterolo HDL. In particolare, il vino di riso in uso in alcune zone orientali del mondo è associato, tra le donne, a una diminuzione dei livelli di trigliceridi e glucosio nel sangue, e un suo consumo potrebbe essere positivamente utilizzato per la prevenzione della Sindrome metabolica. Un consumo eccessivo di alcol invece può facilitare ipertensione e obesità tra gli uomini.

Come sempre questi dati vanno presi con le molle in quanto trattasi di studi epidemiologici in cui anche altri fattori dietetici e non possono influenzare.
Comunque un consumo moderato di buon vino ci sentiamo di sdoganarlo senza problemi.

Riferimento: Nutr Metab (Lond). 2015 Feb 28;12:5. doi: 10.1186/s12986-015-0007-4. ECollection 2015. Association of alcohol consumption and components of metabolic syndrome among people in rural China. Xiao J, Huang JP, Xu GF, Chen DX, Wu GY, Zhang M1, Shen Y, Cai H.

(Visited 161 times, 1 visits today)
Angelo

Angelo

Angelo 50 anni, ingegnere, papà di una bellissima figlia, ex ciclista e triatleta agonista con alcuni risultati apprezzabili. Dal 2004 ha sperimentato su se stesso la dieta paleo abbinata allo sport di endurance e seguito decine di altre esperienze analoghe su, forum tematici, di altri atleti ed appassionati come lui. Uno degli organizzatori dell'evento "paleomeeting", past president, attuale segretario e socio fondatore del SIMNE (Società Italiana di Medicina e Nutrizione Evoluzionistica)

Editoriale di Angelo Rossiello: la teoria delle calorie ed il dr. Fung

I danni (sì, i danni) alla salute degli ortaggi e della frutta