Come fare l'olio di cocco in casa (parte prima) - EvolutaMente.it
close
Come fare l’olio di cocco in casa (parte prima)

Come fare l’olio di cocco in casa (parte prima)

8 Gennaio 2014coccoricette3843Visualizzazioni

A cura di Viviana.

Utile per creme, capelli…

noci-di-cocco

Ricetta nr. 1 da spremitura a freddo:

Con una mannaia robusta, dividi a metà la tua noce di cocco. Scegli un frutto maturo e marrone, anziché un cocco giovane e di colore verde.
Raschia la polpa del cocco dal guscio. usa un cucchiaio in metallo robusto o un coltellino affilato. Dividi la polpa di cocco in piccoli pezzi.Versa i pezzi di cocco in un robot da cucina.Accendilo ad una velocità media ed affetta il cocco in sottili striscioline. Se necessario, aggiungi una piccola quantità di acqua per favorire il processo.
Filtra il latte di cocco. Posiziona un filtro su un barattolo in vetro dall’imboccatura ampia. Scegli un filtro in tessuto o da caffè. Con un cucchiaio, versa delle piccole quantità di cocco sul filtro. Avvolgi la polpa di cocco nel tessuto e strizzala per estrarne il latte.

-Applica una pressione intensa per essere certo di estrarre fino all’ultima goccia.
-Ripeti il processo con tutta la polpa di cocco.

Lascia riposare il liquido per almeno 24 ore. Con il tempo, vedrai separarsi il latte di cocco dall’olio, mentre sulla parte superiore del barattolo si formerà uno strato di caglio.

Se lo desideri, riponi in barattolo in frigorifero per accelerare il processo, in questo modo il caglio si indurirà più velocemente.
In alternativa, conservalo in un luogo fresco.
Con un cucchiaio, rimuovi e getta lo strato di caglio. Nel barattolo rimarrà l’olio di cocco vergine.

Ricetta nr.2 da spremitura a freddo:

Inizia con il cocco secco o disidratato. Nei supermercati più forniti puoi trovare i fiocchi di cocco disidratato e non dolcificato. Assicurati che la confezione contenga esclusivamente cocco e che non sia presente alcun ingrediente aggiuntivo. Se preferisci usare un frutto fresco, taglia il cocco a pezzi e disidratalo usando un essiccatore per circa 24 ore.

In alternativa, essicca il cocco usando il forno alla sua temperatura minima. Taglialo in piccoli pezzi, disponilo su una teglia da forno e cuocilo a bassa temperatura per almeno 8 ore, o fino a quando sarà completamente disidratato.
Se stai utilizzando del cocco già pronto, preferisci quello in fiocchi, anziché quello grattugiato, per evitare di intasare lo spremitore.
Versa il cocco nello spremitore. Aggiungi piccole quantità di cocco alla volta, altrimenti rischerai di otturare la tua centrifuga. La centrifuga separerà l’olio e la crema di cocco dalle fibre. Spremi gradualmente l’intera quantità d fiocchi di cocco.
Processa nuovamente il cocco. La centrifuga non sarà in grado di estrarre tutto l’olio in una sola volta, quindi ripeti l’intero processo per essere certo di non perderne neanche una goccia.
Versa l’olio di cocco in un barattolo in vetro e conservalo in un luogo tiepido. Attendi 24 ore perché la crema di cocco si depositi sul fondo del barattolo. L’olio di cocco puro salirà in superficie.
Con un cucchiaio, versa l’olio in un secondo contenitore. Quando la crema si sarà solidificata sul fondo potrai rimuovere l’olio in superficie con l’aiuto di un cucchiaio, versandolo in un nuovo barattolo. Ora sarà pronto all’uso.

 

Fonti:
-http://www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/19437058
-http://www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/15329324
-http://www.journals.elsevierhealth.com/periodicals/yeclnm/article/S1751-4991%2807%2900043-1/abstract
-http://ajcn.nutrition.org/content/34/8/1552.short
-http://www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/8450295
-http://www.ncbi.nlm.nih.gov/pmc/articles/PMC444260/

(Visited 1.926 times, 1 visits today)
Angelo

Angelo

Angelo 52 anni, ingegnere, papà di una bellissima figlia, ex ciclista e triatleta agonista con alcuni risultati apprezzabili. Dal 2004 ha sperimentato su se stesso la dieta paleo abbinata allo sport di endurance e seguito decine di altre esperienze analoghe su, forum tematici, di altri atleti ed appassionati come lui. Uno degli organizzatori dell'evento "paleomeeting", past president, attuale segretario e socio fondatore del SIMNE (Società Italiana di Medicina e Nutrizione Evoluzionistica). Co-autore de IL NUOVO VIVERE SECONDO NATURA ed autore del best seller INSONNIA. IL MALE DEL NUOVO SECOLO.

Grassi saturi e colesterolo: una demonizzazione infondata

La chemioterapia potrebbe promuovere la crescita del cancro