close
Il caos totale nel mondo della nutrizione ed il contributo che potrebbero dare gli ingegneri

Il caos totale nel mondo della nutrizione ed il contributo che potrebbero dare gli ingegneri

Il caos totale nel mondo della nutrizione ed il contributo che potrebbero dare gli ingegneri, fisici, matematici…

Traduzione: Angelo

Il caos nella nutrizione

Non c’è dubbio che la scienza nutrizionale è in un casino totale. Nonostante le prove convincenti dei benefici di una dieta a basso contenuto di carboidrati e ad alto contenuto di grassi sani (LCHF), le autorità continuano a raccomandare diete ricche di carboidrati e povere di grassi. Questo consiglio ha contribuito agli attuali livelli di obesità e diabete di tipo 2 (T2D). Esiste anche una forte possibilità che questa stessa dieta sia un fattore chiave nello sviluppo di altre comuni malattie croniche tra cui malattie cardiache, tumori e morbo di Alzheimer. Le raccomandazioni hanno avuto origine negli Stati Uniti e sono state effettivamente adottate dall’OMS, così che molte altre nazioni hanno seguito l’esempio. Gigantesche risorse sono state dedicate alla ricerca su cui si basavano queste raccomandazioni. La realtà è che gran parte di questo lavoro era di pessima qualità e molte delle conclusioni non potevano essere giustificate. La buona notizia è che ora abbiamo una solida comprensione della relazione tra l’alimentazione e la salute. Tuttavia, la cattiva notizia è che le politiche fallimentari continuano a predominare. Questo principalmente perché molti dei grandi rappresentanti delle professioni sanitarie non accetteranno mai che queste politiche siano state così disastrose e siano responsabili di queste pessime condizioni di salute.

Finalmente qualche progresso…

Guardando indietro a come la storia si è evoluta negli ultimi 40-50 anni, ciò che colpisce è il contributo dato dai non-nutrizionisti a questa comprensione. Sono particolarmente colpito dai risultati ottenuti dagli ingegneri, fisici, matematici ma anche gente comune non condizionata dal main stream. In questo blog, ne evidenzierò tre, ma devo sottolineare che questi non sono affatto gli unici che hanno contribuito a comprendere la relazione tra la dieta e le funzioni corporee.

Dr Richard Bernstein

Il dott. Bernstein è un personaggio straordinario. Quando aveva 12 anni gli fu diagnosticato il diabete di tipo 1 (T1D). Subito messo a dieta con basso contenuto di grassi saturi (SFA) che conteneva circa il 45% delle calorie da carboidrati. Di conseguenza ha dovuto assumere dosi molto elevate di insulina. Durante i successivi venti/trenta anni, la sua salute generale stava peggiorando.

All’età di trent’anni si era formato come ingegnere, ma la sua salute continuava a peggiorare. Sua moglie, che era un medico, ha sottolineato che ha passato la maggior parte del tempo a sperimentare o a riprendersi dall’ipoglicemia (bassi livelli di glucosio nel sangue). Questo di solito era accompagnato da stanchezza e mal di testa. La causa fondamentale erano le alte dosi di insulina, che erano rese necessarie dalla quantità di carboidrati che stava consumando.

Decise di monitorare il proprio glucosio e scoprì che i livelli fluttuavano da meno di 40 mg/dl a 400 mg/dl che è una enormità se confrontato ai circa 80 mg/dl considerati normali. Applicando la sua esperienza ingegneristica, decise di ridurre l’assunzione di carboidrati in modo che la dose di insulina potesse essere ridotta. A dispetto delle indicazioni mediche decise di fare due iniezioni al giorno invece di una. Ulteriori studi sulla relazione tra ciò che stava mangiando e il livello di glucosio hanno migliorato la sua intuizione in modo tale da poter mettere a punto un trattamento insulinico personalizzato al fine di ottenere valori di glucosio normale tutto il giorno.

Con sua grande costernazione, la professione medica non era minimamente interessata a ciò che aveva scoperto. Di conseguenza, all’età di 43 anni si iscrisse alla facoltà di medicina e nel 1983 si laureò e fondò il proprio studio a New York. Oggi, all’età di 83 anni, sta ancora lavorando. Il suo libro “Dr Bernstein’s Diabetes Solution” (1) fornisce consigli inestimabili. Anche se principalmente per quelli con T1D, è anche molto utile per quelli con T2D.

Ivor Cummins

Ivor ha un blog eccezionale dal titolo “The Fat Emperor” (2). Si è formato come ingegnere e ha ricoperto varie posizioni che comportavano la risoluzione dei problemi. Nel 2013, ha scoperto di avere livelli di colesterolo eccezionalmente elevati (TC); valori sballati di ferritina e dell’enzima, gamma-glutamil transferasi (GGT). Era preoccupato e quindi chiese consiglio a tre dottori diversi, nessuno dei quali trovò convincente. Questo gli fece scavare nella letteratura scientifica. Nel giro di poche settimane aveva scoperto che:

  • Coloro che hanno rispettato le raccomandazioni del TC avevano la più alta mortalità per tutte le cause (ACM).
  • Con l’aumentare del livello GGT, il tasso di mortalità aumentava progressivamente in modo che quelli con i livelli più alti avessero 7 volte più più probabilità di morire rispetto ai soggetti con i livelli livelli bassi. Per il cancro del fegato il fattore era 19!
  • Differenze simili sono state trovate per la ferritina.

Su questa base, Ivor concluse che siamo stati tutti presi da anni per la preoccupazione per il colesterolo, ma bisognava preoccuparsi più dei livelli di ferritina e GGT.

Poco dopo si è reso conto che il GGT e la ferritina potessero essere associabili alla “sindrome metabolica” o MetS, che comprende il diabete di tipo 2, malattie cardiache e cancro. Fondamentalmente la Mets è causata da alti livelli di glicemia e alti livelli di insulina nel sangue. Vi sono prove considerevoli per confermare che la sua ipotesi sia corretta. Da ciò ne consegue che il modo di trattare con MetS è di ridurre lo zucchero/carboidrati nella dieta e sostituirli con grassi sani. Per leggere l’intera storia, vi consiglio di guardare questo video di una conferenza che Ivor ha presentato alla riunione della Weston Price Society a Limerick.

https://www.bing.com/videos/search?q=you+tube+ivor+fat+emperor&view=detail&mid=877BA447B8F16873A099877BA447B8F16873A099&FORM=VIRE

Sembra incredibile che un individuo che lavora da solo senza le risorse di un’istituzione possa valutare accuratamente lo stato scientifico in campo in poche settimane e produrre solide conclusioni.

Ho scarsa considerazione di quegli specialisti che nel corso degli anni hanno portato i governi e tutti noi compresi in un vicolo cieco.

Dave Feldman

Ha il suo sito web “The Cholesterol Code” (3). È un ingegnere informatico ed è un imprenditore senior. Ha iniziato una dieta LCHF nell’aprile 2015 perché desiderava ridurre i rischi di sviluppare il T2D. Ha scoperto che di conseguenza controllava con successo la glicemia, ha perso circa 15 kg e sembrava migliorare la sua salute in ogni modo. Tuttavia, quando fece gli esami del sangue, apprese che i trigliceridi erano passati da 186 a ben 357 mg/dl, con colesterolo LDL-C salito da 137 a 271 mg / dL.

Questo lo convinse a condurre personalmente indagini approfondite in modo da avere informazioni dettagliate sulla sua dieta e nutrizione. In particolare, variò la quantità di grasso dietetica e ha monitorava attentamente i trigliceridi nel tentativo di trovare alcune relazioni. Quello che capì è fu assolutamente incredibile. C’era una correlazione quasi perfetta tra il colesterolo LDL e l’assunzione di grassi, ma era in negativo piuttosto che positivo. In altre parole, più grassi mangiava e più basso era il valore delle LDL-C. Inoltre, la risposta era quasi immediata, perché la migliore correlazione era con l’assunzione media di grassi nei 3 giorni precedenti l’analisi del sangue.

Ecco come riassume i suoi risultati:

Più grasso mangio, più basso è il mio TC (correlazione inversa dell’87%)
Più grasso mangio, più basso è il mio LDL-C (correlazione inversa del 90%)
Più grasso mangio, più bassi sono i miei trigliceridi (correlazione inversa del 61%)
Più grasso mangio, più alto è il mio HDL-C (correlazione del 74%).

Da allora ha avuto un numero di volontari che seguono protocolli simili e tutti ottengono gli stessi risultati.

Maggiori dettagli sono riportati sul sito web di Dave.

L’entità di queste differenze è così grande che non possono essere facilmente scontate. Con ogni probabilità, saranno confermati. Il significato è ovvio. Se si desidera ridurre il TC e le LDL-C, basta mangiare più grasso. La riduzione che può essere raggiunta in questo modo è molto più grande di qualsiasi cosa possa essere fatta con le statine.

Conclusione

Il lavoro di questi individui e di altri come loro è assolutamente fenomenale. Operando col nulla, hanno fatto più progressi rispetto a tutti quegli specialisti con risorse praticamente illimitate. Sospetto che una delle caratteristiche principali sia che possono affrontare il problema senza idee o bagagli preconcetti. Oltre a questo hanno esperienza e formazione per affrontare i problemi in modo che possano produrre soluzioni. Di fronte a un problema devono trovare delle risposte. Se un edificio cade o non si accende un motore, l’ingegnere deve assumersi la responsabilità: non c’è posto dove nascondersi. Tuttavia i medici possono sempre trovare delle scuse per non essere incolpati se un trattamento fornisce i risultati attesi. Ci sono certamente lezioni che possono essere apprese su come possiamo fare molto meglio in futuro, ma non ci sono indicazioni che questo possa accadere.

Riferimenti: qui

  1. R K Bernstein (2011) “ Dr. Bernstein’s Diabetes Solution: The Complete Guide to Achieving Normal Blood Sugars” Little Brown New York ISBN 978-0316-18269-0
  2. http://www.thefatemperor.com/
  3. http://cholesterolcode.com/

 

(Visited 31 times, 1 visits today)
Angelo

Angelo

Angelo 50 anni, ingegnere, papà di una bellissima figlia, ex ciclista e triatleta agonista con alcuni risultati apprezzabili. Dal 2004 ha sperimentato su se stesso la dieta paleo abbinata allo sport di endurance e seguito decine di altre esperienze analoghe su, forum tematici, di altri atleti ed appassionati come lui. Uno degli organizzatori dell'evento "paleomeeting", past president, attuale segretario e socio fondatore del SIMNE (Società Italiana di Medicina e Nutrizione Evoluzionistica)

Dipendenza da cibo, Carboidrati ad alto indice glicemico e l’obesità.

Articolo durissimo contro l’industria delle statine da parte del prestigioso BMJ.