close
CAFFE’ VS NATURA

CAFFE’ VS NATURA

14 Novembre 2018caffè vs natura349Visualizzazioni

CAFFE’ VS NATURA

La gente cerca sempre la pillola magica senza capire o pensare che la Natura già ci offre tutto quello che serve.
Stimolare il meccanismo dell’adrenalina con sostanze eccitanti come la caffeina (aliene all’uomo fino a pochi secoli or sono) e, soprattutto, pensare che possano far bene, come ci vuol far passare il marketing/mainstream, è la cosa più stupida che possa esistere.
L’unico meccanismo di cui abbiamo bisogno è quello della dopamina di cui, in questo mondo ipertecnologico ed ipercinetico, siamo tutti carenti; e per questo cerchiamo sostitutivi…

Tra le altre cose l’effetto “caffè” dura qualche minuto/ora, quello della dopamina tutto il giorno, scatenando a cascata altri “eventi” piacevoli… Questa è la prova del 9, per gli scettici condizionati da ridicoli guru, condizionati a loro volta dall’effetto Dunning-Kruger.

Stamattina mentre ero al mare a guardare il sorgere del sole pensavo a tutti quelli già incazzati e pieni di caffeina in corpo erano in auto a strombazzare per arrivare prima al lavoro… Che pena!

INSONNIA, MALE DEL NUOVO SECOLO ti insegna a sfruttare la Natura e/o ad ingannarla con semplici pratiche… E portare i livelli di salute e performance al top senza alcun effetto collaterale nel medio-lungo termine…
Puoi prenotarlo ancora a 28 euro invece di 30 scrivendo a libro_insonnia@libero.it.

(Visited 307 times, 1 visits today)
Angelo

Angelo

Angelo 50 anni, ingegnere, papà di una bellissima figlia, ex ciclista e triatleta agonista con alcuni risultati apprezzabili. Dal 2004 ha sperimentato su se stesso la dieta paleo abbinata allo sport di endurance e seguito decine di altre esperienze analoghe su, forum tematici, di altri atleti ed appassionati come lui. Uno degli organizzatori dell'evento "paleomeeting", past president, attuale segretario e socio fondatore del SIMNE (Società Italiana di Medicina e Nutrizione Evoluzionistica)

Il posto più insalubre dove vivere? La casa e gli uffici!

La costruzione del callo solare