CADE L’ULTIMA BUGIA SUI COSIDDETTI VACCINI COVID-19.

Scritto da Angelo

Categorie: Salute

9 Gennaio 2022

Questo studio indipendente e basato su dati (come altri), sembrano essere sfuggiti alle varie virostar televisive e soprattutto agli “esperti” che consigliano cosa fare o non fare al Ministero della Salute ed al Governo e persino al fantomatico Comitato Tecnico Scientifico: i cosiddetti “vaccini” contro il covid non solo aumentano lo spread dell’infezione in modo notevole ma fanno anche MORIRE di più chi li fa rispetto a chi li “evade”, nuova tecnica di stravolgimento semantico dei termini per criminalizzare una fetta di italiani che sono per lo più incensurati e pagano pure le fottutissime tasse con cui si pagano gli stipendi questi parassiti.

Qui già avevo scritto un articolo abbastanza esemplificativo:

EFFICACIA NEGATIVA DEI VACCINI mRNA CONTRO IL COVID-19

I dati che vi mostrerò sono impossibili da confutare, magari provate a farli confutare ad ANAL-isti più bravi di me come il finanziere Draghi del Governo dei Migliori. Badate bene, sono articoli pubblicati da 1-2 mesi e quindi dovrebbero essere ben conosciuti da tutti gli “esperti” e le cose oggi potrebbero essere (leggasi “sono”) persino peggiori.

TITOLO DELLO STUDIO:

Worldwide Bayesian Causal Impact Analysis of Vaccine Administration on Deaths and Cases Associated with COVID-19: A BigData Analysis of 145 Countries

Analisi dell’impatto mondiale causale bayesiano della somministrazione di vaccini su decessi e casi associati a COVID-19: un’analisi dei big data di 145 paesi

Qui trovate il PDF: QUI

TRADUCO L’ABSTRACT IN MODO LETTERALE:

L’impatto causale statisticamente significativo e straordinariamente positivo dopo l’introduzione del vaccino sulle variabili dipendenti dei decessi totali e casi totali per milione dovrebbe essere altamente preoccupante per i responsabili politici. Indicano un marcato aumento sia dei casi correlati al COVID-19 che dei decessi dovuti direttamente a un dispiegamento di vaccini che era stato originariamente venduto al pubblico come “la chiave per riconquistare le nostre libertà”. L’effetto dei vaccini sui casi totali per milione e la loro associazione poco positiva con il totale delle vaccinazioni per cento indica un impatto limitato dei vaccini sulla riduzione dei casi associati a COVID-19.

Questi risultati dovrebbero incoraggiare i responsabili politici locali a prendere decisioni politiche basate sui dati, non sulla narrativa e sulla base di condizioni locali (tipo le terapie intensive “piene”), non su obblighi globali o nazionali. Questi risultati dovrebbero anche incoraggiare i responsabili politici a iniziare a cercare altre vie d’uscita dalla pandemia oltre alle campagne di vaccinazione di massa.

CREDO SIA ABBASTANZA CHIARO…

In altre parole e per essere super-chiari, ci hanno mentito:

  • I vaccini stanno peggiorando le cose, non certo migliorando. Questo è il motivo per cui non ci stiamo tirando fuori dalla merda in cui i vaccinisti ci stanno facendo precipitare. I vaccini obbligatori PEGGIORERANNO (HANNO PEGGIORATO) LA SITUAZIONE.
  • Questo non è certo il primo studio a raggiungere tali conclusioni. Questi studi, tutti condotti in modo indipendente, hanno riscontrato la stessa cosa: più si vaccina, più le cose vanno a puttane.

NON CI CREDETE VERO? Allora facciamo una carrellata:

1- The Lyons-Weiler paper

James Lyons-Weiler ha recentemente dimostrato che i dati UFFICIALI degli Stati Uniti mostrano che più vacciniamo, maggiore è il numero di casi di COVID. In qualche modo, il suo lavoro non ha avuto alcuna copertura dai media mainstream. Ecco il link all’articolo. Ecco il grafico:

2. lo studio di Harvard

Questa non è una sorpresa per le persone che hanno prestato attenzione ai numeri con mente fredda e senza dare peso ai cosiddetti “esperti”. È un’ulteriore conferma viene dallo studio fatto ad Harvard (da Subramanian e Kumar): in definitiva più vaccini, più le cose peggiorano.

La prossima volta che parlerete con il vostro medico di base o con il responsabile dell’hub vaccinale della vostra zona, chiedetegli il perché di queste cose. Costoro al massimo vi spiegheranno che seguono semplicemente le linee guida come meri geometri del catasto (con tutto il rispetto per codeste categorie professionali). Non fanno alcuna ricerca o critica. Purtroppo non capiranno mai i loro interventi e pressioni sulle povere persone spaventate già dai media stanno peggiorando le cose. È troppo imbarazzante per ammetterlo. Pertanto le scelte spettano solo ed unicamente al singolo. Scelte consapevoli.

3. lo studio tedesco

Questi sono i vaccini più mortali nella storia umana con un fattore di oltre 800. Ma è sempre bello avere conferme da più fonti che non hanno conflitti.

Gli autori scrivono (tradotto dal tedesco):

“La correlazione è + .31, è sorprendentemente alta e soprattutto in una direzione inaspettata. In realtà dovrebbe essere negativo, per cui si potrebbe dire: maggiore è il tasso di vaccinazione, minore è l’eccesso di mortalità. Tuttavia, è il contrario e questo deve essere urgentemente chiarito. L’eccesso di mortalità può essere osservato in tutti i 16 paesi…”

In parole povere: la vaccinazione peggiora le cose, non le migliora come ci raccontano in TV con dei giri di parole degni del mago Silvan.

Ecco lo studio originale in inglese: QUI
Due statistici hanno indagato sull’esistenza di una connessione tra il tasso di vaccinazione e l’eccesso di mortalità in 16 stati federali.

Il Prof. Dr. Rolf Steyer e il Dr. Gregor Kappler hanno analizzato il periodo dalla settimana 36 alla settimana 40 del 2021.

I risultati sono allarmanti. La sintesi dell’analisi afferma:

L’eccesso di mortalità può essere riscontrato in tutte le16 contee. Il numero di decessi Covid segnalati dal RKI (Robert Koch Istitute) nel periodo in esame rappresenta costantemente solo una parte relativamente piccola dell’eccesso di mortalità e soprattutto non può spiegare la criticità:

Maggiore è il tasso di vaccinazione, maggiore è l’eccesso di mortalità.

La spiegazione più diretta è:
La vaccinazione completa (due dosi) aumenta la probabilità di morte.

A proposito di eccesso di mortalità, un articolo di qualche settimana or sono:

ECCESSO DI MORTALITA’ GENERALE PER TUTTE LE CAUSE NEL 2021, MA NON TRA I GIOVANISSIMI

4. gli studi danesi

I numeri dello studio in Danimarca descritto di seguito sono oggi confermati dai dati del governo tedesco che mostrano che le persone vaccinate hanno 8 volte più probabilità di sviluppare Omicron rispetto alle persone non vaccinate. Ciò non sorprende visto lo studio al punto 3: più si vaccina, peggio è.

Preoccupati per Omicron? Indovinate un po? Dopo 90 giorni, il vaccino che vi hanno dato ti regalerà PIÙ probabilità di essere infettati da Omicron. Più a lungo crederete nei cosiddetti vaccini, più difficile sarà uscire da questa follia. Esattamente come se diventaste eroinomani.

In breve, ci hanno mentito sui “vaccini”. Questi vi stanno proteggendo sempre meno più passa il tempo. Sebbene FORSE possiate ottenere un vantaggio per le “varianti” precedenti, il beneficio per altre varianti (e anche altre malattie non COVID) sarà negativo. In breve, potreste ottenere un vantaggio a breve termine contro Delta, ma a scapito di un degrado della immunità generale e tutto il resto. POTREBBERO ESSERE “CAZZI”.

Questi vaccini possono aiutarvi a vincere la guerra contro una variante (leggasi “infezione”) che potrebbe presto sparire, ma il prezzo da pagare è quello di peggiorare la vostra salute a tutto il resto. È un compromesso stupido (soprattutto perché i primi trattamenti funzionano benino, ovvero “funzionicchiano” cit,). Ma i deficienti che fanno le leggi non crederanno a nessuna delle scienze a cui si fa riferimento in questo articolo, quindi continueranno imperterriti.

Il grande obeso prof. Galli, infettato gravemente dopo la terza dose e salvato, per sua stessa ammissione dalle monoclonali. Insiste a dire SENZA CHE CI SIA UNA CONTROPROVA che i vaccini hanno comunque attenuato la sua malattia! PERSEVERARE E’ DIABOLICO!

LO STUDIO: QUI

Questo documento racconta che dovremo “marchiare” il gregge ogni 30 giorni se vogliamo “proteggerlo”. Sulla base del danno che i vaccini fanno al nostro sistema immunitario, è probabile che l’intervallo necessario si accorci con ogni richiamo.

Se le persone vengono “potenziate” (booster- terza dose) come richiesto, saranno PIÙ vulnerabili alle infezioni Delta ed Omicron che se non fossero vaccinate. Questo è ciò che significa: efficacia NEGATIVA del vaccino. Ciò non significa che la protezione svanisca (come ci è stato detto) ma che ve lo siete presi nel… DERETANO!

Significa che ci hanno mentito per l’ennesima volta!

A questo punto potete andare sul nostro canale TELEGRAM e vedere tutti gli aggiornamenti e grafici dalla Germania, Danimarca, Inghilterra… Che dimostrano esattamente che quanto raccontato in quest’articolone risulta sempre con maggiore evidenza CONFERMATO.

5. DATI UFFICIALI TEDESCHI: QUI

I dati ufficiali del governo tedesco suggeriscono che i soggetti completamente vaccinati svilupperanno la sindrome da immunodeficienza acquisita entro la fine di gennaio 2022. Non ho tempo nè voglia di tradurre o sintetizzare l’articolo che riporta in modo fedele i dati, potete utilizzare il translator di google.

Se non vi è chiaro come mai nello scarsamente vaccinato Sudafrica, culla di Omicron, ormai è fuori da questa follia, mentre nel resto del mondo occidentale sta infettando anche chi dal terrore non si muove di casa… Allora siete DECISAMENTE SCEMI.

6- DATI UFFICIALI INGLESI: QUI

Sia i dati tedeschi che quelli inglesi potete trovarli nei link che trovate scorrendo il nostro canale TELEGRAM: @evolutamente.it ma ho preferito mettere un link diretto che comunque li riporta fedelmente.

I dati inglesi dicono che l’80% delle morti attribuite al COVID sono da soggetti doppiamente o triplamente vaccinati. In pratica 4 su 5 morti COVID è vaccinato “pienamente”. Ricordando 2 cosette:

a- l’Inghilterra ha 1-1,5 mesi di vantaggio rispetto all’Italia nella corsa folle ai vaccini

b- questi dati sono al netto dei tantissimi effetti collaterali nell’immediato e nel breve di questi cosiddetti “vaccini”.

Nel medio-lungo termine nessuno sa nulla e neanche le virostar da salotto si sbilanciano su questo punto… Per loro esiste solo l’emergenza ORA!

Solo in Italia ci raccontano che il 95% delle terapie intensive sono “intasate” dai no-vax… UNA PROPAGANDA ED UNA FALSIFICAZIONE ASSURDA SUPPORTATA DAI GIORNALISTI che di lavoro dovrebbero fare esercizio critico e porsi fottutissime domande…

Cosa si fa per campare, eh Chiambretti… Sei “si vax” solo per tenerti il posto di lavoro…

7- Lo studio di LANCET di oltre 2 mesi or sono! QUI

Ci si aspettava che alti tassi di vaccinazione contro il COVID-19 riducessero la trasmissione di SARS-CoV-2 nelle popolazioni riducendo il numero di possibili fonti di trasmissione e quindi riducendo il carico della malattia COVID-19. (vi ricordo che dal nostro punto di vista NON e’ un fantomatico virus che causa la malattia)

Dati recenti, tuttavia, indicano che la rilevanza epidemiologica degli individui vaccinati contro il COVID-19 è in aumento. Nel Regno Unito è stato descritto che i tassi di attacco secondario tra i contatti familiari esposti a casi indice completamente vaccinati erano simili ai contatti familiari esposti a casi indice non vaccinati (25% per vaccinati vs 23% per non vaccinati).

12 delle 31 infezioni in contatti familiari completamente vaccinati (39%) sono derivate da casi indice epidemiologicamente collegati completamente vaccinati. Il picco di “carica virale” (leggasi “disintossicazione”) non differiva in base allo stato di vaccinazione o al tipo di variante. In Germania, il tasso di casi sintomatici di COVID-19 tra i vaccinati completamente (“infezioni rivoluzionarie”) viene riportato settimanalmente dal 21 luglio 2021 e all’epoca era del 16,9% tra i pazienti di età pari o superiore a 60 anni (riferimento: qui).

Questa percentuale sta aumentando di settimana in settimana ed era del 58,9% il 27 ottobre 2021 (Figura sotto), fornendo una chiara evidenza della crescente rilevanza dei vaccinati come possibile fonte di trasmissione. Una situazione simile è stata descritta per il Regno Unito. Tra la settimana 39 e la 42, sono stati segnalati un totale di 100.160 casi di COVID-19 tra cittadini di età pari o superiore a 60 anni. 89.821 si sono verificati tra i vaccinati completamente (89,7 per cento), 3395 tra i non vaccinati (3,4 per cento) (riferimento: qui).

Una settimana prima, il tasso di casi di COVID-19 su 100.000 era più alto nel sottogruppo dei vaccinati rispetto al sottogruppo dei non vaccinati in tutte le fasce di età di 30 anni o più. In Israele è stato segnalato un focolaio nosocomiale che ha coinvolto 16 operatori sanitari, 23 pazienti esposti e due familiari. La fonte primaria era un paziente COVID-19 completamente vaccinato. Il tasso di vaccinazione è stato del 96,2 per cento tra tutti gli individui esposti (151 operatori sanitari e 97 pazienti).

Quattordici pazienti completamente vaccinati si ammalarono gravemente o morirono, i due pazienti non vaccinati svilupparono una malattia lieve (riferimento: QUI). I Centri statunitensi per il controllo e la prevenzione delle malattie (CDC) identificano quattro delle prime cinque contee con la percentuale più alta di popolazione completamente vaccinata (99,9-84,3%) come contee a trasmissione “alta” (riferimento: qui).

Molti politici (ma anche la popolazione generale!) che si trovano a decidere del destino delle popolazioni, presumono che il “vaccinato” possa essere escluso come fonte di trasmissione. Dai dati sembra gravemente negligente ignorare la popolazione vaccinata come possibile e rilevante fonte di trasmissione quando si decide sulle misure di controllo della salute pubblica.

Questi non sono vaccini, ma farmaci IMPERFETTI.

In parole povere gli obblighi potete tirarveli su dove non batte il sole!

Perchè i virus non sono la causa della malattia? Che tipo di malattia è allora la COVID? Come ci possiamo difendere? Come si trasmette in realtà la malattia? Come si spiegano questi misteri?

IL MITO DEL CONTAGIO lo trovate solo su amazon o sul nostro shopping grazie al coraggio dello scrivente che lo ha pubblicato per la sua piccolissima casa editrice

L’aggiornamento BREAKING THE SPELL descrive in modo chiarissimo “l’esperimento di controllo” che dimostra in modo ingegneristico che non c’è nulla di letale nell’aria che se lo respiriamo rischiamo di rimanere intubati o persino morire.

In pratica: disinfettarsi le mani serve solo a massacrare il naturale microbioma della pelle e bombardarsi di interferenti endocrini e sostanze chimiche, indossare mascherine è ridicolo (oltre che pericolosissimo per la salute – intossicazione di CO2 che altro che il riscaldamento globale…), tenerci distanziati ci massacra la psiche, salutarci col gomito o col pugnetto è abominevole. Ma soprattutto questi “obblighi” sono odiosi e totalmente inutili. Lasciate almeno perdere i bambini.

Angelo Rossiello.

 

Articoli recenti…

VITAMINA D E CANCRO

VITAMINA D E CANCRO

VITAMINA D E CANCRO Se il vostro guru, medico o biologo o cosiddetto "esperto" della salute (ed in questa fase storica...