close
Bevi la coca-cola che ti fa tanto bene…

Bevi la coca-cola che ti fa tanto bene…

19 Dicembre 2017coca-colaconflitto d'interesse1335Visualizzazioni

Quanto erano accurate le rivelazioni sui conflitti di interesse in almeno 40 studi sull’obesità infantile finanziati da The Coca-Cola Company?

Traduzione: Angelo.

A me già fa ridere da sola la notizia che la Coca-Cola finanzi una marea di studi sull’obesità infantile.

Secondo un articolo pubblicato nel Journal of Public Health Policy che ha analizzato gli studi inclusi nel grande studio internazionale sull’obesità infantile, sullo stile di vita e sull’ambiente (ISCOLE), finanziato con una sovvenzione di $ 6,4 milioni da Coca-Cola… Forse c’è stato più di un conflitto d’interesse!

Lo studio ISCOLE ha rilevato che l’inattività fisica sarebbe un fattore predittivo fondamentale per l’obesità infantile. La Coca-Cola sembra aver finanziato e promosso la ricerca che lega l’obesità infantile a cause diverse dal consumo di soda, strano…

Per 24 degli studi ISCOLE, il paragrafo sugli eventuali conflitti d’interessi riporta questo, o una sua variante molto simile: “ISCOLE è finanziato da The Coca-Cola Company. Lo sponsor dello studio non ha alcun ruolo nella progettazione dello studio, raccolta di dati, analisi, conclusioni o pubblicazioni. L’unico requisito dello sponsor era che lo studio fosse di natura globale“.

Tuttavia, una richiesta da parte di un’associazione sui diritti della libertà d’informazione, chiamata “Right to Know” degli Stati Uniti, un gruppo di sorveglianza dell’industria alimentare, mette alla luce scoperte che suggeriscono che Coca-Cola abbia influenzato la progettazione degli studi, sollevando domande sull’influenza corporativa e la veridicità nei documenti finanziati dalla Coca-Cola. Ma noooo! Pazzi complottisti!

Sembra che molti degli scienziati di ISCOLE non abbiano dichiarato la piena partecipazione di Coca-Cola ai loro studi sull’obesità infantile“, ha dichiarato Gary Ruskin, co-direttore del Right to Know. “Ciò solleva interrogativi non solo su questi studi finanziati dal Coca-Cola, ma anche più in generale sull’accuratezza delle rivelazioni sui conflitti di interesse in altri studi scientifici finanziati dalle società“.

Ciò che queste e-mail rivelano è quanto siano complessi i conflitti di interesse e quanto male siano stati gestiti“, ha dichiarato David Stuckler, professore presso il Centro di ricerca Dondena dell’Università Bocconi. “C’è il pericolo che interessi inquinino la letteratura scientifica con ricerche che servono un’agenda nascosta“.

Negli ultimi anni, le grandi aziende hanno cercato di minimizzare le preoccupazioni sui conflitti di interesse nella ricerca che finanziano“, ha detto Martin McKee, professore di sanità pubblica europea presso la London School of Hygiene & Tropical Medicine. Un esempio recente è la dichiarazione di Bruxelles, in cui si afferma che “i conflitti di interessi commerciali sono abbastanza facili da gestire se vengono dichiarati correttamente“. “Come mostra il nostro articolo, la situazione è in realtà molto più complicata e c’è bisogno di molta cautela“, ha affermato McKee.

Per quanto riguarda le e-mail ISCOLE ottenute dalla FOIA, il documento della rivista Journal of Public Health riporta:

Le e-mail suggeriscono che i ricercatori hanno consultato e includono i rappresentanti di Coca-Cola nel prendere decisioni strategiche sulla progettazione dello studio. Nelle prime fasi della pianificazione dello studio, ad esempio, le parti hanno discusso su quali e quanti paesi devono essere inclusi. [Responsabile della scienza e della salute di Coca-Cola, Rhona] Applebaum ha inviato un email [al co-preside principale di ISCOLE Peter] Katzmarzyk il 26 marzo 2012 dicendo: “Ok, quindi con Russia e Finlandia siamo a 13 anni? Meglio escludere la Finlandia così siamo a 12. Seriamente, il nostro CEO odia il #13 “…. Ha continuato, “Seriamente odiamo il #13 in questo business. Non abbiamo neanche il 13° piano negli uffici della Coca-Cola “. Applebaum ha chiesto a Katzmarzyk: “Quale altro paese dovremmo guardare?“, A cui ha risposto: “Dovremmo parlare anche della Russia, avete già dei contatti?

Il documento della rivista Journal of Public Health è stato creato da David Stuckler, professore presso il Centro di ricerca Dondena, Università Bocconi, Milano, Italia; Martin McKee, professore di salute pubblica europea presso la London School of Hygiene and Tropical Medicine, Londra, Regno Unito; e Gary Ruskin, co-direttore di Right to Know degli Stati Uniti a sapere, a Oakland, in California.

RIFERIMENTO:
Journal of Public Health Policy
Complexity and conflicts of interest statements: a case-study of emails exchanged between Coca-Cola and the principal investigators of the International Study of Childhood Obesity, Lifestyle and the Environment (ISCOLE)
Autori Vari
Link: qui

(Visited 470 times, 1 visits today)
Angelo

Angelo

Angelo 52 anni, ingegnere, papà di una bellissima figlia, ex ciclista e triatleta agonista con alcuni risultati apprezzabili. Dal 2004 ha sperimentato su se stesso la dieta paleo abbinata allo sport di endurance e seguito decine di altre esperienze analoghe su, forum tematici, di altri atleti ed appassionati come lui. Uno degli organizzatori dell'evento "paleomeeting", past president, attuale segretario e socio fondatore del SIMNE (Società Italiana di Medicina e Nutrizione Evoluzionistica). Co-autore de IL NUOVO VIVERE SECONDO NATURA ed autore del best seller INSONNIA. IL MALE DEL NUOVO SECOLO.

La terapia del freddo…

I racconti dei cacciatori-raccoglitori ci trasmettono principi di cooperazione ed uguaglianza.