close
Informazione “scientifica” un corno: come ti distorco una notizia e ti do un consiglio di… Cacca…

Informazione “scientifica” un corno: come ti distorco una notizia e ti do un consiglio di… Cacca…

di: Angelo

ostriche

Leggete la notizia di sotto, fonte autorevole! Tanto che bisogna essere medici o farmacisti per avere la password per leggere i loro “illuminanti” trafiletti…
Sei medico o farmacista? No? Allora che leggi a fare? Non conti un cazzo, a che ti serve! E’ inutile che t’informi, tanto ti curano loro…

Ma leggete, vi prego:

Meno rame per prevenire l’Alzheimer

Secondo diversi studi limitare l’apporto dietetico di rame significa in qualche modo attuare una prevenzione nutrizionale per patologie neurodegenerative come l’Alzheimer. Ed allora, sarebbe meglio non esagerare con i cibi che contengono in elevata quantità il minerale come i frutti di mare e le cozze o il fegato. D’altra canto, in chiave preventiva appare utile consumare regolarmente frutta e verdura e soprattutto vitamina E, presente nei vegetali a foglie verdi e nei semi.

FONTE: edott.it

A parte che mi sembra proprio un articolo palesemente filovegetariano… Ma magari mi sbaglio.
Sicuramente di vegetariano ha che si nutre di “distorsione“.

Passiamo al conquibus…
Effettivamente la ricerca ci dice che un eccesso di rame potrebbe promuove l’insorgenza dell’Alzheimer. Vero…
Allora il “bravo” medico che fa? Sempre la stessa logica: si va a spulciare, magari in banca dati INRAN, gli alimenti che ne contengono quantità importanti e scopre che sono i frutti di mare ed il fegato e ci consiglia di limitarli.
Bravissimo! Ma come al solito perde di vista il quadro d’insieme!
Il “bravo” medico sa benissimo che quello che conta non è tanto il quantitativo di rame ma il suo corretto equilibrio con lo zinco...
E… Fegato e frutti di mare contengono, guarda caso, anche tanto zinco e vengono consigliati proprio per integrare questo prezioso minerale…
Caspita ma il “bravo” medico gli sfugge spesso e volentieri il quadro d’insieme… Forse già ha l’Alzheimer… Si dimentica…

Piuttosto sono le diete vegetariane e, peggio ancora, le vegane che purtroppo portano inevitabilmente a questo infausto squilibrio…

C’è per cortesia qualche medico, iscritto ad edott.it che informi il “bravo” e, per me anonimo, autore del trafiletto della “lieve” cappella?

Io non sono degno di farlo, appartengo alla plebe. In ogni caso mi sento di consigliare di continuare a mangiare tranquillamente ostriche e fegato che fanno davvero bene alla salute grazie ai loro preziosi nutrienti

Grazie.

Riferimenti:

http://www.sciencedirect.com/science/article/pii/S0047637415000068

Lo Zinco, un minerale fondamentale per la salute della Tiroide e non solo…

Altre notizie simili

(Visited 182 times, 1 visits today)
Angelo

Angelo

Angelo 50 anni, ingegnere, papà di una bellissima figlia, ex ciclista e triatleta agonista con alcuni risultati apprezzabili. Dal 2004 ha sperimentato su se stesso la dieta paleo abbinata allo sport di endurance e seguito decine di altre esperienze analoghe su, forum tematici, di altri atleti ed appassionati come lui. Uno degli organizzatori dell'evento "paleomeeting", past president, attuale segretario e socio fondatore del SIMNE (Società Italiana di Medicina e Nutrizione Evoluzionistica)

La vitamina C previene in modo estremamente significativo la gotta.

Chi usa statine ha il 52% di rischio in più di contrarre cistiti interstiziali (dolori alla vescica).